Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
Blog di bezzifer

Post con #cronaca tag

Piccole cronache della Repubblica ITALIANA

3 Giugno 2014 , Scritto da bezzifer Con tag #CRONACA

Beppe Grillo prima delle elezioni ha detto: “Su una cosa non ho dubbi: o vinciamo, o stavolta davvero me ne vado a casa. E non scherzo”. Non essendo stato di parola possiamo annoverarlo fra i maggiori esponenti della classe politica.
Grillo in difesa di Farage: “Farage non è razzista”. Non sapevo che Antonio Razzi avesse fondato un suo movimento sconfinato addirittura oltre Manica…retti.

Daniela Santanché in una intervista di Ilaria D’Amico, trovandosi a mala parata sulla questione giudiziaria di Berlusconi, si è rifugiata in “corner” ed ha attaccato la giornalista facendo riferimento al suo rapporto con il portiere (d’albergo ?) Gigi Buffon: “Il giorno in cui le metteranno una telecamera addosso, stia pur certa che il giudice scoverebbe qualche reato. Soprattutto poi se le mettono la telecamera nelle mutande”. Primo punto: non tutte le donne usano le mutande. Secondo punto: per essere magistrato non è necessario essere ginecologo o fotoamatore. Terzo punto: il punto G non è riscontrabile da una telecamera da letto.

A proposito di corna… muse, Vittorio Feltri ha detto alla Zanzara che Alessandra Mussolini ha vinto le europee grazie alle corna messele dal marito. Il ri…ferimento, che non ha lasciato tracce di sangue dato il ricompostaggio delle parti lacerate, è allo sfruttamento pubblicitario della vicenda giudiziaria delle baby squillo dei Parioli che ha visto coinvolto il marito della forzista e che l’ha favorita nella scelta degli elettori di destra nel compimento dell’atto di inserimento della scheda madre nel corpo dell’urna.

Stili diversi. Un giornalista della BBC ha chiesto a Berlusconi se davvero aveva definito la Merkel “culona inchiavabile”. Berlusconi è andato in panico e non ha risposto subito. Qualche giorno dopo Matteo Renzi in un altro contesto ha subito detto che “Merkel è un modello” dimenticandosi che “il” cancelliere tedesco è una donna ed avrebbe dovuto dire che “Merkel è una modella”.

Veltroni aveva avuto anche più voti di quelli di domenica scorsa: con il 34 per cento aveva incassato 12 milioni di voti, Renzi ne ha avuti 11 milioni. Ma Berlusconi ne prese allora molti di più. Però Renzi ha dovuto competere non solo con Berlusconi ma anche con Grillo il quale ai tempi di Veltroni non conosceva Casaleggio e durante le corse sulla sabbia non lo cagava nessuno.

Roberto Formigoni, in mancanza di argomenti politi…cally correct, aveva pestato i piedy a Renato Brunetta attaccandolo sull’altezza fisica che come sappiamo madre natura è stata generosa con Roberto e parsimoniosa con Renato. Cosa dire. Diciamo che se Formigoni tocca il cielo con un dito prima di Brunetta, Brunetta gli può schiacciare le palle con un bel colpo di testa mandandolo in Tribuna(le) Vip(ere).

Il giocatore milionario del Real Madrid, Cristiano Ronaldo, ha dichiarato: “Sono così ricco che non so quanto guadagno ”. Viva la sincerità. Sarebbe sufficiente chiederlo al suo commercialista oppure potrebbe essere una risposta ingenua, da innocente, da dare al Fisco in caso di imponibile non dichiarato o dichiarato con un punto interrogativo.

La (ex) segretaria di Claudio Scajola ha confessato che il suo datore di lavoro faceva pedinare Chiara Rizzo, per gelosia. Non voleva che frequentasse cattive compagnie a sua insaputa.

Scajola stava preparando le carte per l’asilo politico in Libano di Matacena, marito di Chiara Rizzo. Le difficoltà stavano nell’età del latitante: troppi anni sul capo per frequentare un asilo.

Il ministro Padoan: “Sono favorevole ad un graduale aumento dell’età pensionabile”. Quindi, si deduce che il ministro dell’economia è contro l’eutanasia.

Mostra altro

Le religioni ... in qualche modo uccidono sempre, uccidono il pensioro e sovente anche il corpo.

24 Aprile 2014 , Scritto da bezzifer Con tag #CRONACA

Brescia, si spezza la croce del Cristo dedicato a Wojtyla: muore un ragazzo di 21 anni

Brescia, si spezza la croce del Cristo dedicato a Wojtyla: muore un ragazzo di 21 anni.L'aveva realizzata lo scultore Enrico Job nel 1998 in occasione della visita a Brescia di Giovanni Paolo II. La trave curva che sosteneva l'opera, alta trenta metri, si è spezzata. Sotto c'era un gruppo di ragazzi in gita con l'oratorio. Illesi tutti gli altri

Trattandosi di una tragedia, la prima cosa da fare è dare la solidarietà ai familiari di chi è morto in questo incidente, perché di questo si tratta.Però non posso fare a meno di fare una riflessione.Se, per ipotesi, ci fosse stata una persona su una sedia a rotelle che si fosse alzata e avesse camminato, tutti avrebbero gridato al miracolo e avrebbero visto una conferma che è giusto santificare il papa polacco.Però non si può vedere i segni della provvidenza solo quando fa comodo; o non ci sono mai (cosa che io penso), o sono segni anche quelli negativi, e allora forse Dio ci sta dicendo che Wojtyla non è da fare santo.
Personalmente, pur considerandolo un grande personaggio, con grandi meriti, ritengo che nella sua figura ci siano anche tante ombre ed errori, per cui non è da santificare.Sinceramente non penso sia un cattivo presagio. Magari una cattiva progettazione, pessima realizzazione, materiali scadenti, posizionamento infausto e manutenzione nulla. Insomma, colpa dell'uomo.

PS: sulla canonizzazione di ambedue i papi ho alcune riserve, ma non è questo il post su cui discuterne.

Mostra altro

Strage Connecticut, il killer ha usato pistole intestate a sua madre

15 Dicembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #CRONACA

 

Adam Lanza ha ucciso 20 bambini nella scuola Sandy Hook di Newtown. Le armi utilizzate erano state acquistate da Nancy Lanza: era una collezionista e spesso portava i figli a caccia con lei. Molte delle vittime erano suoi alunni. Sei di loro sono stati trovati vivi negli armadi



Strage Connecticut Adam Lanza

 
Storia agghiacciante, l'ennesima strage degli innocenti, cosa ha fatto scatenare tanta violenza in un ragazzo timido ?
Non sarà facile dare delle risposte, mi domando il perchè di queste stragi, gli USA sono una nazione dove c'è molto permissivismo nell'accedere al possesso di armi, forse sarebbe più logico che venissero valutati anche gli aspetti psichici di coloro che intendono acquistare armi .In Svizzera nonostante ci sia una legislazione che consenta l'acquisto di armi automatiche, silenziatori etc etc, tutto questo non accade per fortuna .
Quando avvengono fatti di sangue, omicidi o stragi come questa, ci si affretta ad applicare una qualche etichetta di patologia mentale all'assassino. Questo a rassicurazione di noi "normali". Sul fatto che la madre, un'insegnante elementare, si tenga tre pistole nei cassetti, in un quartiere sicuro, nessuna osservazione. Le diagnosi sono solo degli schemi per permettere ai medici di parlarsi tra loro e di curare i pazienti: lasciamole a loro. Quello che è certo è che, se il ragazzo non avesse avuto le armi a disposizione, una strage del genere non sarebbe avvenuta.
Non voglio veder piangere Obama papà: voglio vedere piangere i leader della NRA, della lobby delle armi, chi le produce, chi le commercia, chi ci fa i soldi.Sono loro che devono piangere. E invece dichiarano che 'maestri armati avrebbero evitato la strage'. Ma sono completamente pazzi? Tra l'altro, la madre dell'omicida era una maestra armata: collezionava armi con un figlio malato in casa. È roba da non crederci!.Non so come facciano negli Stati Uniti, ma io al solo pensiero che il mio vicino o un qualsiasi tizio che incontri per strada possa avere liberamente una pistola (seppur con tutte le autorizzazioni), andrei nel panico più totale. Ma che è il Far West?!?.
La risposta non soffia nel vento (come direbbe Bob Dylan). Sta nella costituzione americana, e in particolare nel secondo emendamento alla costituzione, introdotto a fine '700 (post guerra d'indipendenza):"A well regulated militia being necessary to the security of a free state, the right of the people to keep and bear arms shall not be infringed."
Si parla di "milizie ben regolate necessarie alla sicurezza di uno stato libero", col che non solo si intuisce il contesto storico, ma, seppure in termini generici, si fa riferimento esplicito anche al "regolare bene" queste "milizie". E poi si conclude affermando che "il diritto del popolo a tenere e portare armi non dovrà essere violato".
Ebbene, l'interpretazione anche recentissima (2008 e 2010) della corte suprema USA ha fatto prevalere l'ultimo aspetto su qualsiasi contestualizzazione storica o altra considerazione.Per cui, detto francamente, il problema sta qui, nella corte suprema, un gruppo di 9 persone altamente educate e selezionate, non selvaggi e beceri pistoleri yankee. E perché nella corte suprema prevalga quell'interpretazione è presto detto:
http://en.wikipedia.org/wiki/Supreme_Court_of_the_United_States#Current_justices
Gli ultimi voti sul tema sono stati 5-4. Prego contare i giudici nominati da Reagan e Bush (padre e figlio) e quelli nominati da Clinton e Obama. E notare anche le donne chi le ha nominate... E poi qualche "illuminato opinionista" ci racconta che destra e sinistra sono robe del passato, o che avesse vinto Romney o Obama non avrebbe fatto grande differenza...l'unica ratio negli USA è il profitto come in quasi tutto il mondo conosciuto.....i fabbricanti di armi fanno profitti miliardari, il sistema industriale militare è florido grazie alla volontà, dei repubblicani soprattutto e dei democratici anche, di continuare l'impero USA nel mondo che prevede un controllo militare ovunque possibile.... pensiamo che rinuncino a produrre e vendere armi in quantità? Il diritto di difendersi sarebbe meglio concretizzato da forze dell'ordine armate competenti e capaci che si rapportano a cittadini non armati che hanno quindi un potere distruttivo limitato
Poi tanto scrivono vicino a una bandiera a stelle e strisce "GOD BLESS FAMILIES" e dimenticheranno tutto fino alla prossima strage
Mostra altro

Servizio Pubblico, Forse sarò un po’ malizioso, ma ho trovato un velo di fazioso cinismo anti Bersani !

30 Novembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #CRONACA

 


Santoro e Travaglio sempre meno credibili! Una trasmissione intera per dar spazio al 'ciancione'  Renzi, mentre Firenze affonda nella melma in mezzo a buche e imbrogli contabili (vedi Corte dei Conti). Per attaccare Bersani, dopo che la stessa biga Santoro-Travaglio aveva qualche settimana fa' difeso persino il ladrone Di Pietro!  Dovrebbero piuttosto occuparsi di Casini, che con il 5% controlla molto in Rai e in tanto altro. Rottamare Casini, da 20 anni in parlamento senza esser mai servito a nulla, se non ai propri interessi!.Ieri sera Travaglio sembrava una vecchia zitella isterica che ,respinta da un uomo sposato, comincia a mettere in giro voci sulle di lui infedeltà coniugali ... una specie di Attrazione Fatale...
Questo Servizio Pubblico sta rischiando di diventare privato.. nel senso che se le accuse sul nulla vengono fatte a Di Pietro (di cui Travaglio è fiero sostenitore) allora si fa un'intera puntata riparatrice, nel caso di Bersani invece se le costruiscono ad hoc... dopo quella fumosa sulla CMC ecco l'Ilva a tre giorni dal ballottaggio delle primarie con Renzi (a cui Travaglio si è guardato bene di chiedere conto di tutti i finanziamenti avuti per questa campagna).
Bersani ha preso i soldi da Riva (prima di diventare ministro) li ha dichiarati e non ha fatto mai nessun atto che fosse un favore all'Ilva. Non ha ricevuto soldi dal partito per la campagna elettorale del 1996 non essendo candidato a nulla se non a parlamentare (il partito mica paga le campagne dei singoli deputati !!!) quindi non è un ingordo.
In tutti i paesi ci sono sponsor dei politici. Anche Obama ha preso i soldi dalla Coca Cola e dalla Apple.
Fino a quando non farà una legge che obbliga gli americani a bere Coca cola mentre sfogliano l'Ipad,nessuno glielo rinfaccerà mai...ma qui siamo in Italia.. dove si fa giornalismo col gossip...Non capisco che significato, nel contesto della trasmissione, avesse una nuova presenza di Renzi, se non per dargli una nuova opportunità di parlare di ciò che non ha fatto la “vecchia” sinistra in passato,con un piccolo omaggio fornito da Travaglio con quei “casuali “ riferimenti ai finanziamenti ricevuti da Bersani  e alle “sospette” firme di Vendola su provvedimenti per l’Ilva….Il sindaco, da magnanimo, ha però precisato, nonostante la sollecitazione di Santoro, che lui non ne voleva approfittare , certo della onestà intellettuale di Bersani !!!!! Busi, altra insulsa presenza , nel contesto generale, Crosetto,figura che più che rappresentare la faccia di un governo di centrodestra pareva portare istanze più da sinistra sindacale che da berluschiano liberismo .La sola inattesa e non prevista presenza del ministro dell’ambiente ha ridato un tono di dibattito vero che non mi pareva vi fosse fino ad allora alla trasmissione, forse allestita per parlare si, degli enormi problemi dei lavoratori e dei cittadini d Taranto, ma anche per perseguire altre non chiare tesi  sul futuro candidato di centrosinistra.Forse sarò un po’ malizioso, ma ho trovato un velo di fazioso cinismo anti Bersani !.Poi per una volta sono d'accordo con quel che dice Monti quando parla di crosta.In effetti, non contano tanto le posizioni e le manovre elettorali di Berlusconi, di Casini, di Montezemolo, di Bersani o Renzi o Vendola, quanto ciò che farebbero una volta "conquistato" il governo.Apparentemente resta un mistero, in realtà sono tutti d'accordo, pronti ad eseguire gli ordini di Monti mandatario dell'Europa dei banchieri, senza dirlo chiaro agli italiani.Non perché se ne vergognano, come dovrebbero, ma perché farebbe loro perdere voti. Monti, invece, che non ha avuto e non intende avere alcuna investitura popolare, ha avuto l'ardire di fare quel che ha fatto e di dire che proseguirà l'opera anche più a fondo e più a lungo.Egli non attacca mai apertamente i principi della Costituzione, come gli suggeriscono astutamente le lobbies sotto la crosta, ma svuotando progressivamente le prerogative statuali poste a difesa dell'interesse pubblico.Per intenderci, non privatizza il servizio sanitario nazionale, ne taglia i rami fino a ridurlo in un tronco senza vita. D'altronde è un tecnico bocconiano, con una carriera di successo nei circoli dominanti del pianeta, che queste cose ha imparato a farle egregiamente.

Mostra altro

E' la natura che si riprende i suoi spazi sullo spettacolo...

24 Settembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #CRONACA

Valanga travolge spedizione13 morti su Himalaya,ce un italiano 

L'alpinista italiano Albero Magliano e' morto sul Manaslu a nord ovest del Nepal, dove la neve ha travolto una spedizione di 35 persone. Dalla montagna una slavina ha travolto il campo, a circa 7mila metri di altezza


Tristezza per queste vite portate via dalla montagna. 
Un pensiero anche agli sherpa e alla loro opera di supporto, imprescindibile anche per gli alpinisti più preparati. Le grandi sfide comportano grandi rischi.
La mia stima e il mio cordoglio a questi ragazzi coraggiosi e a tutti i caduti di questa spedizione.Ormai l'Himalaya è diventato un parco giochi per turisti un po' più danarosi di quelli che vanno a Gardaland. Questa massa incontenibile di "scalatori", ha reso l'Himalaya un vastissimo immondezzaio a ottomila metri.E' giusto tutto questo? E' giusto violentare così la natura? Ecco che poi, dei fenomeni naturali, che in genere si svolgono nella solitudine, che magari nelle nostre montagne possono travolgere qualche persona; in quell'immenso e terribile parco giochi, gremito di gente, finisce per provocare una strage.Non credo che questo frenerà le voglie, anzi, la possibilità del pericolo rende ancora più "frizzante" questo gigantesco parco giochi per scalatori;.E Sarà anche vero che negli anni passati l'Himalaya è stato meta di spedizioni che lasciavano ogni sorta di oggetto nei campi in quota, come è giusto criticare la cima ad ogni costo, basta che si paga; ma da questo a paragonare, "Gnaro" Mondinelli, Marco Confortola, lo stesso Magliano ma anche gli sherpa a dei brocchi  
COME LEGGO SU CERTI SITI e veramente troppo. Le valanghe in montagna ci sono sempre state e sempre ci saranno, sono un fatto imponderabile, fa parte del rischio al di là che uno sia forte o meno e non c'entra nulla Gardaland con una montagna, quando si sale non c'è palcoscenico, uno stadio con spettatori, chi lo fa lo fa per se stesso; poi c'è anche chi non affronta la montagna con questo spirito, ma questo è un altro discorso e non è questo il caso. 
Quando anche la massima esperienza, capacità e preparazione possono venir facilmente vanificate dalla malasorte, allora un'attività umana perde senso. Sono morte molte più persone in queste spedizioni alpinistiche che nella conquista dello spazio, questo perché in quest'ultimo caso si possono limitare di molto i rischi, rendendo accettabile un'attività che ha grandi obiettivi tecnologici e scientifici. Se in montagna, almeno in certe condizioni limite, anche i migliori alpinisti possono venire troppo frequentemente cancellati dalla pura malasorte, che senso ha accettare queste prove estreme?.Un maestro dell' alpinismo diceva che il bravo alpinista è quello che invecchia.  Chi frequenta la montagna, specie a quelle quote, sa che il rischio di morire è sempre presente e non basta essere bravi per sopravvivere. Con tutto il rispetto per le vittime io mi chiedo se non sia una follia vissuta in nome di una illusione di libertà correre e far correre agli altri (sherpa, soccorritori) questo rischio.

Mostra altro

Se dico che le tette della principessa fanno più notizia degli operai Alcoa, o della Fiat, passo per misogino oppure omosessuale?

21 Settembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #CRONACA


 

Devo dire che il problema non è solo nostro, di gallismo segaiolo mediterraneo, ma riguarda tutta Europa ed il resto del mondo. Sono pruriti e curiosità che interessano la massa, le tette della principessa fanno notizia più dello spread o dei licenziamenti di massa.
E non è ancora finita, nonostante la casa reale inglese abbia vinto la causa e fatto ritirare il giornale della Mondadori, pare che siano in arrivo delle foto nelle quali è senza mutande.
Mi diverte il comunicato della casa reale: Attentato grottesco alla vita privata.
Faranno causa al vento che le alza la gonna?
Io penso che i primi a farsi una Pippa della vicenda siano proprio il principino e la sua compagna, la nonna un po’ meno, anche perchè si vocifera che Kate partecipò a festini hot prima del matrimonio.
Strano che la notizia sia sfuggita a Signorini, autentico mago del gossip ma solo quando è pilotato, come il servizio su Noemi ed il fidanzato o quello sulla Ruby, novella mammina innamorata.
Prima che arrivi una denuncia anche a me metto il link della notizia:
Festini hot per Kate Middleton prima del matrimonio?
„Kate Middleton partecipò a festini hot prima del matrimonio?“
Spero solo che non sia veritiera la notizia, non per le coronarie della regina o del principe Filippo, ma per il  fatto che se venisse confermata passerebbe inosservata la chiusura dell Fiat e di tutte le altre aziende in crisi.
Qui, segue un breve elenco delle più importanti.
Fiat, Termini Imerese chiude nel 2011, mentre a Pomigliano i lavoratori sono in Cassa integrazione da oltre due anni (vedremo ora quanto accadrà con la New Co.);
Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), 400 ricercatori rischiano di non vedersi rinnovare i contratti;
Alcoa rischia la chiusura, 2000 lavoratori andrebbero a casa;
Agile – Omega rischia la chiusura, 2000 lavoratori rimarrebbero senza lavoro;
Nortel azienda smembrata e venduta a pezzi, 28 lavoratori licenziati;
Yamaha, 66 lavoratori a rischio;
Comunque su con il morale, il campionato è ripreso e la champion pure. La Mondadori dovrà ritirare le copie di Closer e di Chi ma nel web le tette di Kate ci saranno in eterno, anche quando saranno in caduta libera, con buona pace della regina.
Ansaldo Breda, un piano di ristrutturazione prevede 600 esuberi;
Nokia Siemens, 600 lavoratori a rischio.
Merloni, 1600 lavoratori in cassa integrazione su 2000;
Iris, l’azienda ha chiuso, 780 dipendenti in mobilità.
Cara Elisabetta, che ci vuoi fare, c’è del marcio in Danimarca.

Mostra altro

Addio alla "ragazza rossa"

9 Aprile 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #CRONACA


 


Una vita per il giornalismo. Nata a Firenze il 2 febbraio 1926, ha partecipato alla Resistenza antifascista nelle file del Pci. Dopo la Liberazione ha continuato la sua attività politica e dal 1951 al 1956 è stata assessore al Comune di Pescara. Nel 1957 è stata a Parigi come corrispondente del settimanale Vie Nuove, nel 1960 all'Unità come redattore parlamentare. Direttore di Noi Donne dal 1965 al 1970, è passata poi come inviato speciale a Paese Sera. Dal 1983 al 1986 è stata presidente della Federazione nazionale della stampa. Nel 1975 è diventata inviato speciale de la Repubblica. È stata anche deputato nelle file del Pds. Tra le sue opere più celebri di scrittrice,Pane nero. Donne e vita quotidiana nella seconda guerra mondiale (Mondadori), Botteghe oscure, addio. Com'eravamo comunisti (Mondadori), Dimenticare Berlinguer. La sinistra italiana e la tradizione comunista (Donzelli). 


Ciao Miriam, con te scompare purtroppo un pezzo di storia di cultura del '900. I tuoi scritti, i tuoi commenti: sempre incisivi, sempre puntuali. La tua voce e la tua penna mancheranno a tutti noi. Sempre attenta anche ai cambiamenti della società e giustamente non lesinavi critiche alla - tua - sinistra, sempre pronta a dire le cose come stavano anche nei momenti critici della sinistra. Speriamo che le tue critiche sempre sagge, siano ascoltate e la tua voce non sia caduta nel vuoto. Grazie per quello che hai dato alla nostra amata Patria. Questo è il problema di questo Paese, che coloro che hanno contribuito a costruirlo, allevandolo nella democrazia e combattendo fino alla fine perche' gli ideali di libertà e di civiltà potessero affermarsi e continuamente rinsaldarsi nella coscienza di tutti, ci stanno lasciando. Rimane la forza delle loro parole e delle loro azioni e speriamo che bastino a superare la disonestà, l'incapacita',e la mancanza di ideali di una classe politica che io, comune cittadino, sento sempre più lontana da me.Miriam, mi manchi già. La tua vita, il tuo pensiero, i tuoi scritti restano a testimonianza di una Donna speciale: intelligente, volitiva, attenta e scrupolosa, lavoratrice, passionale, onesta, coraggiosa, capace di amare se stessa e il prossimo. Come sei stata bella Miriam e bella resterai nel ricordo di tutti!

Mostra altro

Ciao Vigor

25 Marzo 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #CRONACA


 

Aldilà del dolore per una vita persa e per la sottrazione all'affetto dei propri cari, penso soprattutto ai suoi bambini che hanno perso una delle due figure chiave per la loro crescita. Mi viene da chiedermi sempre quando avvengono questi drammi : giovani, forti, particolarmente dotati sotto l'aspetto psico-fisico di stima, come possono succedere certi drammi, sono incidenti dovuti al caso " sfortunato "? So che molti mi daranno del dietrologo, ma non sarà che certo professionismo imponga anche di accettare da parte di tutti coloro che vi partecipano, per colpa del biz, di scendere a compromessi che mettono in pericolo la salute, e qualche volta la sopravvivenza dei suoi stessi attori ? Un ingenuo ! . Ero un giocatore di pallanuoto , facevo 2/3 ore tutti i giorni + partita + preparazione atletica ( solo in estate ) ,avevo 21anni ,non fumavo, non bevevo ed ero in forma strepitosa ( mi sentivo superman ) anche se tornavo distrutto dagli allenamenti.Un giorno ( avevo 25anni ) vado da un famosissimo medico sportivo perchè avevo male alla schiena.Alla mia domanda : " Ma come fanno certi giocatori di calcio, pallavolo, basket ecc.a sopportare carichi di lavoro anche tripli, quadrupli del mio sono proprio dei fenomeni " Risposta : " No carissimo l'uomo ha dei limiti , anche quegli sportivi ma li superano artificialmente capiscimi !; NON ESISTE FISICO CHE POSSA SOPPORTARE QUEI CARICHI DI LAVORO SE NON E' "AIUTATO" Tutti quei personaggi o sono ingannati ( dai soldi, dai preparatori atletici, dalla società,dal medico sportivo ) o hanno fatto un compromesso con la vita : rischiano, scommettono.Se ne parla molto quando succede ad un atleta, magari durante una partita, ma le morti improvvise in Italia sono 60.000 l'anno in Italia, 160 al giorno. Se uno ha un arresto cardiaco deve essere rianimanto entro 10 minuti ed in questi casi è essenziale la pronta disponibilità di persone in grado di praticare la BLS e la disponibilità di un defibrillatore. Negli Stati Uniti in una cittadina hanno istrutito tutta la popolazione e messo defibrillatori ovunque, la percentuale di rianimazioni è passata dal 3-4% al 50 %, come dire che se invece di fare i fatalisti seguissimo il loro esempio da noi ogni anno potrebbero salvarsi fino a 30.000 persone... 
Stanno morendo tutte persone che potrebbero dare tanto al mondo, invece l'erba cattiva non muore mai!
Mi dispiace tantissimo!
Un ragazzo di 37 anni che lascia moglie e 4 figli è una tragedia bruttissima! è la vita.?. è così..ora ci sei e fra un attimo non si sa..ecco perchè dobbiamo vivere sempre più nel presente, consapevoli di ogni respiro e di ogni singolo momento, anche il più banale...ciao Vigor

Mostra altro

"Addio compagni", Magri ha deciso di morire. Fondò "il manifesto"

29 Novembre 2011 , Scritto da bezzifer Con tag #CRONACA

Il suicidio assistito di Lucio Magri, l’addio ai compagni: “Ho deciso di morire”

Il fondatore del Manifesto morto in Svizzera ha deciso tutto con lucidità; dalla fine alla sepoltura vicino alla sua Mara. Gli amici hanno tentato di dissuaderlo ma lui era depresso per la morte della moglie.

MI COMMUOVE IL PENSIERO CHE UN ALTRO "COMPAGNO VERO" CI ABBIA LASCIATI , ANCHE SE NON CI LASCERà MAI IL RICORDO DI QUELLO CHE è STATO E SOPRATTUTTO CHE HA FATTO PER COSTRUIRE UN MONDO, UN'ITALIA MIGLIORE, DI CUI OGGI RESTANO SOLO ...MACERIE, COME DOPO UNA GUERRA.ALLORA ONORE AL COMPAGNO LUCIO, E TUTTI/E COL PUGNO SINISTRO IDEALMENTE SOLLEVATO!

Un'infinita tristezza. Una grande fortuna, nella vita, averlo incontrato,lui e compagni di quella levatura intellettuale, che ci hanno aiutato a riscoprire il comunismo, a prenderci in carico "il mondo grande e terribile". Per me un decennio di avventura politica, 1969-'79, intensa, totalizzante, tanto formativa (della mia maturità) ed entusiasmante quanto, a tratti, travagliata. La sensazione di percorrere sentieri inesplorati, al limite delle nostre possibilità. L'ultima volta che ebbi modo di parlargli, nel 2000, credo, mi disse, con una venatura di malinconia: "noi vecchi abbiamo già dato". Oggi posso leggere in quelle parole, quasi una premonizione, l'amara constatazione di una sconfitta, anche personale. Se mi è consentita,in questo momento di dolore, una precisazione, una correzione circa il profilo biografico pubblicato, debbo ricordare che tutto il gruppo storico del Manifesto (meno Aldo Natoli) concorse a promuovere nel 1974 il Partito di Unità Proletaria per il Comunismo, tant'è che il quotidiano per alcuni anni portò come testatina non più "quotidiano comunista", ma "unità proletaria per il comunismo" (e Vittorio Foa fu co-direttore). Le rotture e le divisioni vennero dopo.Meglio andarsene in silenzio, fuggendo da una vita di solitudine senza speranza per il futuro in una societa squallida,senza valori circondati da milioni di poveri schiavi senza ideali se non correre per lavorare produrre consumare obbedire e crepare in silenzio!Succede solo a chi ha avuto un passato denso e grande di avvenimenti, di ideali elevati per un nuovo mondo possibile che ad un certo punto dopo anni di speranze circondati da squallore, banalita ed indifferenza si preferisca fare un salto volontario verso un altro mondo altre dimensioni Fu uno dei drammi degli ex sessantottini e di tutto il filone del movimento hippie, sognammo si un mondo altro magari nella politica seria e pulita come Lucio o forse sognammo una fuga dal pensiero unico fuggendo sulle vie dell'Oriente dell'India in particolare per incontrare altri stili di vita anche estremi che portavono anche alla morte.Dopo un grande movimento sognatore rivoluzionario radicale purtroppo il momento del riflusso il sentirsi circondato da una societa banale squallida spietata, societa di solitudine,denaro , di pelati cocainomani in cravatta a valigetta di pelle come diceva Ginsberg, aggressivi ed intolleranti, essendosi sparso il pensiero unico in ogni angolo del globo.Piuttosto che finire una vecchiaia in questo squallore e' meglio fare il grande salto.E' drammatico il fatto che ci siano posti dove basta pagare e qualcuno ha il diritto di iniettarti un veleno letale. Ho difeso e sempre difendero' il diritto di ognuno di non vedere violato il proprio corpo, la scelta di non essere tenuto in vita artificialmente, ma questa è tutt'altra cosa. La depressione è una malattia e va curata, non resa economicamente vantaggiosa per le imprese della morte. La cara Svizzera che custodisce gelosamente i risparmi dei nostri evasori, che nasconde i tesori delle nostre mafie, ed è liberale se si tratta di permettere il possesso di armi e il suicidio assistito, ma terribilmente conservatrice quando si tratta di costruire minareti o mantenere i privilegi dei piu' ricchi, ci ha regalato anche questo. Addio compagno.Addio, caro Lucio!.

Mostra altro