Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
Blog di bezzifer

Post recenti

I poveracci che sanno solo vomitare bile e bava rabbioso non li prendo in considerazione perché si commentano da soli.

17 Novembre 2015 , Scritto da bezzifer

E si cari estimatori tardivi di Oriana Fallaci.

Se tutti hanno torto e la vostra analisi è corretta cosa dobbiamo fare ora? intanto, scusate se ve lo faccio presente ma "tutti" non è la parola giusta per descrivere i sostenitori della politica post 2001 del trittico BBB. Adesso non cerchiamo il pelo nell'uovo se questi erano il 60, il 51 o il 40% ma di certo non si può negare che l'opposizione a quella poltica è stata forte e determinata e con un seguito più che consistente.

In secondo luogo la mia non è un analisi che ho fatto in altre sedi più opportune, è la semplice constatazione di un fatto, c'è gente (non poca) che continua a dire "avremmo dovuto da retta alla Fallaci sull'Islam" mentre la realtà è proprio che gli abbiamo dato retta. Non nel senso che lei era la consigliera di BBB ma nel senso che appoggiava, condivideva e incoraggiava la loro politica. Noi, sostenevamo che questa avrebbe peggiorato le cose, ora mi chiedete cosa fare? Beh, intanto se riconosci che quella politica ha peggiorato le cose, smetti di appoggiarla.

E se dopo l'11 settembre non avessimo reagito come avete descritto sei sicuro che tutto sarebbe andato meglio? sei convinto che il califfo dell'isis di adesso e bin laden di prima ci avrebbero trattati meglio?
Intanto ripeto, io non ho descritto niente, ho solo detto che c'era gente che proponeva altre soluzioni che non sono state seguite. Io per natura non sono sicuro di nulla figurati se posso essere sicuro di una cosa del genere. Tuttavia vi dico che AIME si, se non avessimo fatto radicalizzare il conflitto molti attentati e molte guerre ce li saremmo risparmiati (e non parlo solo dell'occidente). Sulla seconda parte della domanda, con "ci avrebbero trattati meglio?" che cosa vuoi dire che ora Bin Laden governava il mondo? qui mi sembra che siamo abbastanza in campo fantascientifico.

Oriana non mi risulta che fosse consigliera di bush/blair /berlusconi mi sbaglio? siamo dalla parte sbagliata secondo te ed allora spiegami per favore cosa devo dire ai miei nipoti sui 130 morti di parigi. Io ho il dubbio che tutte le analisi che noi occidentali facciamo ora, vere seghe mentali, quelli che sparano per le strade a casaccio non le fanno anzi, loro si accontentano di quattro vignette satiriche del cavolo, di un foglio strappato del loro libro di fede e di comportamenti, per noi normali, ma che per loro offerdono il loro profeta per fare queste cose . Pensa un po' noi qui ancora una volta a cercare di dimostrare chi è il buono e chi è il cattivo tra di noi ed a loro basterebbe per essere felici uccidere il papa di roma o prendere le nostre donne per venderle al mercato e poi se non ci convertiamo un bel taglio del collo. sai cosa di dico, siamo ridicoli, sembriamo un po' agli eruditi medioevali che passavano anni ed anni a discutere del sesso degli angeli, ed intanto fuori la gente moriva di peste.

Vedi ai tuoi nipoti dovresti spiegare che quella gente che ammazza in nome del suo dio viene da paesi che non hanno mai avuto l'illuminismo e la riscoperta della ragione. Dovresti spiegargli che la nostra libertà di bere e mangiare quello che ci pare, di leggere quello che ci pare, di studiare, di andare vestiti come ci pare, di poter mostrare le tette in spiaggia o andare in giro con la cresta colorata sulla testa ce la siamo guadagnata non in nome di un dio ma contro chi parlava in nome di dio. E ancora qui non abbiamo finito di conquistare tutte le libertà civili che spettano agli uomini e alle donne.
Poi dovresti spiegargli che chi viene qui FUGGENDO da quei paesi che non hanno conosciuto l'illuminismo se ne fotterebbero pure dell'Islam (quanti ragazzi arabi ho conosciuto che mangiano il maiale e bevono la birra e dicono "allah oggi non guarda"), ma se noi li colpevolizziamo, li segreghiamo, li esculdiamo in una parola li ghettizziamo loro possono solo trovare soldi e riparo da chi fomenta la jihad contro l'occidente. Dovresti spiegargli che i kamikaze da Parigi a Beirut, da Gerusalemme a MArrakesh, da New York a Nuova DEhli se ne fregono delle 37 vergini che gli aspettano in cielo, mentre gli importa molto che le loro famiglie saranno mantenute per sempre dagli sceicchi del terrore.
Prova a spiegargliela così, e non a dirgli che dobbiamo usare il crocifisso come una clava perché la mezzaluna è peggio.

Mostra altro

Cari estimatori tardivi di Oriana Fallaci.

17 Novembre 2015 , Scritto da bezzifer

La Fallaci voleva questo e questo ha ottenuto?

"...le nostre vittorie militari non risolvono l' offensiva del terrorismo. Anzi la incoraggiano, la inaspriscono, la moltiplicano." Oriana Fallaci.

Almeno leggete gli articoli della Fallaci prima di elogiare certe fesserie! sei tu a non aver visto e letto l'ultima Fallaci, io la ricordo scatenata dopo l'undici settembre, poi in totale appoggio delle imprese di Bush JR (e qui ripeto: probabilmente una delle maggiori cause dell'aumento del fondamentalismo, tanto per far capire se quelle guerre sono state fini a se stesse o hanno ancora oggi conseguenze), la ricordo presentarsi provocatoriamente a una manifestazione pacifista al solo fine di indurre qualche reazione per poter poi comparire in ogni dove e vendere qualche libro in più; la ricordo disposta a tutto pur di vendere qualche libro in più. Hai citato una sua bella considerazione, ma sembri non sapere che nella sua vita ha cambiato radicalmente pensieri e parole .. lei sa perché, io ho la mia opinione che rimane.

a leggere le vostre lodi sui social network alla milite scrittrice deceduta penso che non abbiamo vissuto sullo stesso pianeta negli ultimi venti anni.
La frase da voi più gettonata è: "la nostra colpa è di non aver dato retta alla Fallaci" .

Scusate se ve lo dico, ma che vi state inventando? Guardate che in Afghanistan e in Iraq ci siamo andati, le guerre le abbiamo fatte, abbiamo ammazzato centinaia di migliaia di civili (e qualche talebano di passaggio) e ci siamo raccontati pure di averle vinte quelle guerre.
Bush, Blair e Berlusconi hanno dato ascolto ad Oriana Fallaci non a Tiziano Terzani o a Gino Strada!

Non è che dopo l'11 settembre abbiamo mostrato l'altra guancia noi occidentali, abbiamo ucciso in modo diretto circa centomila civili afgani, circa centocinquantamila civili irakeni e causato la morte indirettamente di circa un milione di persone in quella zona.

Questi sono i fatti, non le chiacchiere.

Cosa volevate di più? nuclearizzare il medioriente? Ditemi per favore quello che avrebbero dovuto fare di peggio (nel senso di più determinato, più cattivo, più militaresco) Bush-Blair-Berlusconi.
La Fallaci voleva questo e questo ha ottenuto.

Ora dato che noi (i buonisti, i vigliacchi, i fiancheggiatori dei terroristi, le anime belle della ESTREMA sinistra) abbiamo sempre sostenuto che quella era una scelta perdente e che avrebbe solo peggiorato le cose radicalizzando l'islam in casa nostra, ditemelo oggi per favore: in quale maledetto punto del suo delirio di onnipotenza pro-occidentale Oriana Fallaci aveva ragione?
Ditemelo per favore, perché io non l'ho capito. Grazie.

Mostra altro

Sono un musulmano e non sono un terrorista

17 Novembre 2015 , Scritto da bezzifer

Ottimo.. Ottimo.. E ci mancherebbe altro che fosse altrimenti.

Nessun dubbio da parte nostra che la stragrande maggioranza dei musulmani non sia affatto attratta dalla guerra e dalla violenza contro gli “altri”.

Ma il problema è un altro.

Anzi, sono tanti altri.

Tutti maledettamente complicati.

Per esempio, ciò che ci colpisce, egregio mussulmano, noi potenziali vittime sacrificali di quei criminali che uccidono in nome della religione da lei professata, è la strana abulia (stavo per scrivere menefreghismo) che colpisce la vostra vasta comunità quando succedono questi fatti di sangue:
perché non reagite contro coloro che con i loro atti infami infangano la vostra stessa religione?
Perché non vi fate voi stessi paladini della giustizia denunciando, segnalando, braccando questi assassini sedicenti vostri correligionari?
Non basta condannare, che è un atteggiamento passivo, pigro, proprio di chi aspetta in attesa di sapere come andrà a finire: è il trionfo del “wait and see” e della furbesca attesa degli eventi.

Così non va bene, egregio mussulmano.. Non va bene affatto.

Bisogna invece attivarsi, volgere la passività in attività, con azioni e opere.. Non basta più stare alla finestra.
Voi siete ospiti in questa parte di mondo e se ritenete che i terroristi danneggino anche e soprattutto voi stessi e le vostre prospettive, non potere rimanere impassibili, sul chi vive: a cominciare dalle vostre comunità, dalle vostre moschee, dai vostri centri islamici, dalle vostre madrase dovete essere in prima fila nella reazione, altrimenti non siete e non sarete mai credibili.

Ma c’è purtroppo anche dell’altro.

L’Islam, anche quando non ammazza o non scatena il Jihad, contiene una serie di prescrizioni al suo interno che cozzano gravemente con alcuni principi irrinunciabili della nostra civiltà in questo momento storico.

Insomma, Sig. mussulmano, ho paura che anche il c.d. “Islam moderato” sia difficilmente conciliabile con le nostre legislazioni e con i nostri ordinamenti costituzionali.. Non sto a ricordarle la condizione, giuridica prima ancora che di fatto, della donna o il riconoscimento della schiavitù o la poligamia, ecc., ecc.

Non vedo grandi prospettive, Sig. mussulmano, a meno che, naturalmente, non si comprenda che decidere di vivere da noi comporta anche il necessario sacrificio di molti se non di tutti i dettami e quindi le condotte e i comportamenti più controversi propri della religione da voi professata.

Purtroppo non c'è stato alcun porcesso di secolarizzazione che abbia mai interessato o informato il mondo musulmano con la conseguente emancipazione della società civile e la commistione tra potere politico e autorità religiosa è ancora saldissimo nella mentalità islamica.
Ma qualcosa di simile dovrà avvenire, se vorrete davvero tentare di vivere in questa parte di mondo.

Ma il pertugio è quanto mai stretto e la vedo dura.

Dall'alttro del mio profondo e radicato scetticismo le auguro buona serata, Sig. Brahim.

PS: Per combattere un nemico evanescente ma deciso, non bastano le parole roboanti e le minacce, che svaniscono nel nulla se non si conosce a fondo la natura più intima del nemico.
Identificare l’ISIS come “Stato islamico” e coinvolgere l’intero Islam nella identificazione terroristica, peggiora le condizioni di difesa favorendo la tecnica aggressiva che usa come paravento la religione islamica; l’Islam moderato dovrebbe essere l’alleato privilegiato per combattere tali estremismi.
Politici vuoti di ogni capacità critica, ma assillati dall’esigenza di compiacere un elettorato distratto che subisce gli effetti terroristici, proponendo l’identificazione globale Islam = terrorismo; improvvisati predicatori sanciscono tale rapporto e ne fanno un’arma in grado di convincere quel distratto popolo elettore che concede la propria fiducia a chi non è e non sarà mai in grado di gestirla.
Gente come Salvini, Berlusconi, Meloni, Santanchè, Gasparri, ispirati dall’apostata Magdi Allam, semina falsità con un propellente populistico, bisognerebbe proprio interdirli e impedire loro di parlare in pubblico, essendo estremamente perniciosi.
C’è poi un ministro degli interni che non si è mai chiesto: “Chi sono questi terroristi ?”; basta loro dire che si tratta di musulmani, indicando come nemici da abbattere un miliardo e mezzo di fedeli la cui stragrande maggioranza non ha nulla a che vedere con il fenomeno terrorista.
Conoscere il nemico da combattere diventa imperativo, perché si tratta di un nemico del quale si ignora tutto, tranne gli effetti disastrosi che sono in grado di promuovere.
L’ignoranza dell’Occidente è il loro migliore alleato , mentre tale ignoranza viene ammantata da una cultura spicciola, frutto di avvelenati corsi accelerati di odio, come accade con il suggerimento di portare nelle scuole gli scritti di Oriana Fallaci, che scrisse le sue invettive anti-Islam da un comodo attico sulla V Strada a New York , su incarico (ben retribuito) da parte della Casa Bianca, allora in mano a J.W. Bush.
Veniamo alla domanda che i responsabili dovrebbero porsi : “Chi sono gli aderenti all’ISIS ?”
Cominciamo con il dire che non si tratta di uno Stato Islamico e che non si tratta di gruppi isolati, occasionalmente uniti. Non si tratta di Stato Islamico perché non sono islamici e la loro Costituzione non è “Il Corano”in quanto sono ben lontani dal seguirne i precetti, come:
“Ad ogni comunità abbiamo indicato un culto da osservare. E non polemizzino con te in proposito ”Corano Sura XXII Al Hajj (Il Pellegrinaggio) 67-32)
Versetto che invita alla tolleranza dei riti delle altre comunità religiose.

Mostra altro

Chi sono gli adepti dell'ISIS ?

17 Novembre 2015 , Scritto da bezzifer


Stante la loro collocazione geopolitica, possiamo dedurre che si tratta di Hashashin termine che fa riferimento ad una delle più antiche sette religiose sorte nel MedioEvo, come interpretazione distorta dell’Islam Coranico; dalla loro identificazione scaturisce il termine “Assassini”, perché dediti a omicidi efferati. Il termine significa “Consumatori di hashish”, droga devastante che si ottiene dalla canapa indiana.
Setta fondata dall’emiro Isma’il ibu Gia’ far, infatti la loro prima identificazione li chiama Isma’iliti, da non confondere con Ismaeliti che identifica tutto il mondo arabo-semita, discendente da Ismaele, figlio di Abramo e della schiava Agar.
Ciò che si ignora è la struttura interna di tale setta, che si tramanda dal tempo delle crociate; come ogni setta ha un capo assoluto, Djebal, o Gran Maestro, meglio conosciuto come “Il Veglio della Montagna” , con prerogative di Monarca assoluto; ruolo adesso ricoperto da Abu Bakr al-Baghdadi.
Come in ogni setta, anche in quella degli Isma’iliti esiste una gerarchia con a capo il Djebal, o Gran Maestro, meglio conosciuto come “Il Veglio della Montagna” e con prerogative di Monarca assoluto.
La setta nacque durante le Crociate e lo scopo era lo stesso degli Ordini dei Cavalieri occidentali: difendere il Santo Sepolcro. Dai Cristiani, però; lo scopo era lo stesso degli Ordini dei Cavalieri occidentali: difendere il Santo Sepolcro. Quindi la loro origine non è lontana dai capisaldi delle Sacre Scritture, con la venerazione di Abramo, la loro discendenza dal figlio di Abramo Ismaele, la difesa del Santo Sepolcro minacciato dalle crociate, con particolare riferimento all’ordine cavalleresco dei Teutonici dai quali appresero la gerarchia interna composta da Gran Maestro, Grande Priore, Priore, frate, scudiero, che in arabo diventa Djebal, Sheik, Daiikebir, dais.
Fu Federico II ad avere maggiori rapporti con gli Ismailiti, già diventati Hashashin, quando si decise a fare la Crociata che il Pontefice gli ordinava; mantenne con loro rapporti diplomatici e permise loro di praticare la loro religione a Gerusalemme, città della quale Federico si era proclamato imperatore.
La setta fu sempre selettiva nell’accettazione di nuovi adepti, che dovevano praticare la più assoluta dedizione al “Veglio”; i giovani, una volta entrati a farne parte, non potevano più uscirne.
Gli storici hanno sempre condiviso l’idea che alla base della fedeltà al “Veglio”, ci fosse l’uso e l’abuso di sostanze come l’hashish, che schiavizza i seguaci, rendendoli sempre più dipendenti del Gran Maestro.
Il momento storico che li rese famosi è legato al sultano (Djebal), Aloylin, una figura inquietante, dispotica, sadica e crudele.
La storia ci dice che, per legare sempre più a sé i giovani adepti, egli ricorresse ad un espediente profondamente ingannevole. Li drogava con hashish e li faceva vivere per qualche giorno in un luogo di delizie ed incanti, serviti e riveriti da belle fanciulle pronte ad assecondarli in ogni richiesta. Passato l’effetto della droga, i giovani credevano davvero di essere stati in Paradiso, finendo in tal modo di cadere completamente in balia dell’infido Gran Maestro.

Mostra altro

Ma la lezione di Parigi è anche questa.

17 Novembre 2015 , Scritto da bezzifer

Quanto sarà difficile, dopo i terribili attentati di Parigi, continuare a scrivere e a parlare di rifugiati, richiedenti asilo, diritti umani. Quanto sarà difficile continuare a raccontare e denunciare l’esodo di migliaia di persone che scappano da Siria, Iraq e Afghanistan: uomini, donne e bambini pronti ad attraversare a piedi deserti, mari e montagne pur di scappare dalla stessa furia omicida che pochi giorni fa è esplosa nel centro dell’Europa, ma che da mesi devasta Africa e Medio Oriente.

Quanto sarà difficile raccontare alla gente che in mezzo a quelle persone può nascondersi anche un pazzo omicida, ma che un pazzo omicida può nascondersi anche nell’appartamento vicino al nostro, può arrivare in Italia anche con un abito elegante e un costoso biglietto aereo.

Quanto sarà difficile mantenere il sangue freddo, pensare che tutto quello che dobbiamo difendere, tutto quello per cui dobbiamo combattere, le nostre principali “conquiste” - quelle che giustamente vogliamo proteggere e preservare - sono proprio il riconoscimento dei diritti universali dell’uomo, il rispetto per i diritti di tutti, diritti religiosi, diritti civili.

La libertà e la solidarietà sono la base della cosiddetta "cultura occidentale". E l’Isis avrà vinto, quelle vite saranno morte invano, se noi non avremo il coraggio di rispondere difendendo questi principi, questa visione del mondo, questo pensiero profondo che ha fatto dell’Europa e del Nord America una, seppur imperfetta, terra di democrazia e diritto.

Attaccare indistintamente tutta la società musulmana, non riuscire a distinguere, per quanto difficile possa essere adesso, da chi ammazza e usa la religione come scusa e chi, invece, chiede solo pace per la sua terra, sicurezza e futuro anche per i suoi figli. Non riuscire a distinguere tra chi scappa dalla fame e dalla morte dell’estremismo islamico per provare ad abbracciare la cultura della libertà e dei diritti e chi, invece, fa dell’odio il suo Corano: è in questa trappola che vogliono farci cadere, è in questo ennesimo fingimento che con il sangue dei nostri concittadini vogliono versare anche la linfa vitale delle nostre conquiste e della nostra libertà.

Ed è da questo che dobbiamo cercare di fuggire adesso ed è contro questi sentimenti di odio che dobbiamo combattere, consci che per piegare e schiacciare l’estremismo dobbiamo ricorrere ad armi e sicurezza ma, prima di tutto, alla nostra “civiltà”.

Libertà, democrazia e solidarietà sono i nostri valori, venir meno a questi valori vuol dire far vincere la battaglia a chi li vuole schiacciare imponendo la sua legge e le sue usanze. E noi, questo, non possiamo e non dobbiamo permetterlo.

Uguaglianza, fratellanza, libertà. Sono queste tre parole che hanno contribuito a fare della Francia un grande Paese, non dimentichiamolo.

Mostra altro

Sedriano, il primo comune lombardo sciolto per mafia diventa anche il primo comune a 5 stelle

16 Novembre 2015 , Scritto da bezzifer

Il movimento vince con soli 39 voti di scarto sul Partito democratico. Si svuota Forza Italia, che raggiunge il 5,24% insieme a Fratelli d'Italia. Resta in sospeso la questione di Gabriele Panetta, il candidato che quattro giorni prima dell’apertura delle urne ha fatto un passo indietro per la supposta vicinanza (lui dice “solo una conoscenza”) con la famiglia mafiosa dei Musitano.

Dopo molto parlare... ecco un banco di prova per i 5S.Sto ad osservare fortemente interessato allo sviluppo della faccenda.... la situazione sicuramente non sara facile, la mafia non scompare sciogliendo un comune... è sempre là.Vediamo i grillini all'opera in un terreno ostile come sapranno comportarsi.In bocca al lupo, non vi invidio.A bagheria, dopo anni di soprusi coperti anche dalla vecchia amministrazione, col sindaco pentastellato gli imprenditori hanno avuto la forza di denunciare i loro aguzzini.Quando l'amministrazione non fa affari con la malavita (vedi pd romano), i cittadini sono per forza piu propensi a ribellarsi.ovvio.

Il comune di Sedriano, amministrato dal centrodestra, viene sciolto per mafia. Il M5S di Sedriano, con a capo Angelo Cipriani, ieri eletto Sindaco coi voti degli ex elettori del centrodestra, espresse così la propria solidarietà al Sindaco e alla Giunta destituiti: “Alla giunta di Sedriano, qualora fosse necessario (crediamo non ce ne sia bisogno), intendiamo esprimere la nostra solidarietà e cogliamo l’occasione per augurare buon lavoro”.

La mafia scieglie sempre di stare con il partito più debole, ovvero con quella amministrazione che per incompetenza, leggerezza e scarsa esperienza, offre la resistenza minore alla corruzione e quindi agli affari illeciti. Sono felicissimo che i parolai del M5S abbiano preso il Comune... in questo modo tutti potranno toccare con mano la assoluta incapacità di un partito di demagoghi e parolai che vivono sugli errori dei loro avversari! Parma e Livorno insegnano!

E' chiaro che i voti di FI sono andati al m5s. Ma la domanda da porsi è "a chi sono andati i voti di mafia", cioè quelli che hanno determinato lo scioglimento della giunta precedente (supportata dall'attuale sindaco)? Secondo me sedriano sarà anche il primo comune grillino sciolto per mafia.

PS: Il Sindaco Cipriani: “Pochi giorni fa ho sentito Celeste (l'ex Sindaco PDL) dopo la sua liberazione dai domiciliari. Ci ha fatto gli auguri per questa nostra prima uscita importante”

Mi immagino cosa scrivereste se le cose dette da Cipriani le avesse dette un esponente PD.

Di Battista, Vicepresidente della III commissione (Affari Esteri e Comunitari), commenta la vittoria del partito M5S in un paesello di 11mila abitanti, ma non gli attentati di Parigi. Interessante. E voi de Il Fatto Quotidiano quando gli metterete un microfono sotto il naso? Fino a 3 giorni fa lo intervistavate su qualsiasi cosa.

Mostra altro

In Europa le cellule Isis collaborano tra loro, i nostri servizi di intelligence no

16 Novembre 2015 , Scritto da bezzifer

La collaborazione tra le cellule terroristiche europee è stata più forte di quella tra i sistemi d’intelligence dei Paesi membri dell’Unione. “I servizi segreti sono sempre molto restii a condividere le informazioni e questo porta spesso ad avere in mano dati e particolari che, però, non possono essere sfruttati per prevenire un attacco.

E BASTA CON QUESTE AFFERMAZIONI FALSE!!! I servizi segreti europei collaborano con i servizi segreti americani. I servizi segreti americani collaborano con i servizi segreti israeliani, turchi sauditi. Gli ultimi due sono in costante contatto con gruppi come al Qaeda ( ci combattono insieme con la protezione degli Usa nello Yemen del nord, per giunta tutti contribuiscono ad armare l'Isis e secondo voi queste non è collaborazione?

Sarebbe già buono che non si spiino tra di loro, facendosi le scarpe per interessi di vario tipo.
Viva l'unione europea. La DGSE(francese) spia il BND(tedesco) e il contrario. MI6 spia tutti e due. Nsa e la Cia spiano la DSGE, la BND e i cugini del MI6. Il Mossad razzola tra tutti e quanti, infiltrando anche gli americani. L'AISE italiana non pervenuta.

oh che strano! quindi ogni volta che senti in tv il capo dei nostri servizi segreti rassicurare gli spettatori di Piazza Pulita, di La Gabbia o di Il tempo che fa o altre trasmissioni, tengo a mente il fatto che mentre l'ISIS bombarda coordinandosi perfettamente con tutte le proprie cellule europee per far più danni possibili, i nostri sono ancora lì che cercando di aggiornare i loro "open data" per cercare di capire come si vogliono muovere! agghiacciante!!!!!!! ma in che mani ci hanno messi?!?!?!..quindi poi è chiaro che siccome i nostri servizi non sono preparati agli attacchi dell'ISIS il meno che possono fare è spendere miliardi in armi per andare a bombardare la Siria!!! mi domando se era necessario radere al suolo l'attuale Europa politica, sociale ed economica per realizzare quel folle disegno massonico degli stati uniti d'Europa! era necessario fare un genocidio di massa per trasformare ogni stato in un distretto controllato dal gruppo Bruxelles?

Ma questo è uno dei vari segni della mediocrità dei politici europei dell'ultimo trentennio
mancata convergenza e integrazione militare (eserciti)finalmente una cosa proposta della Pinotti,mancata convergenza e integrazione della politica estera,mancata convergenza e integrazione investigativa (tipo FBI) e di inelligence,mancata convergenza e integrazione sistema elettorale,mancata convergenza e integrazione finanziaria e contributiva e del sistema bancario.Sarebbe bello poterli rottamare in nome della meritocrazia.

PS: Ormai se non fosse chiaro che il sacrificio di vittime innocenti, dal secondo dopoguerra in poi, si è rivelata la miglior strategia per garantire il potere di pochi con l'assurdo appoggio delle stesse prossime vittime. La favola è stata chiamata "democrazia". Una merce carissima da esportare con la coca cola, le americanate e i mcdonalds. Provate a pensare come è stata "liberata" l'Italia: i tedeschi che massacravano gli italiani al suolo e gli alleati che massacravano gli italiani dall' aria. Pare che i risultati siano piaciuti molto, tanto da essere prorogati e incentivati nel tempo, col nome di "intelligence". Ma ogni "intelligence" non si sognerebbe mai di condividere i milioni di morti a suo appannaggio con altri. Altrimenti chi vince?

Mostra altro

G20: Sanzioni ai regimi che finanziano i terroristi. Ma il Cremlino: Occidente diviso.

16 Novembre 2015 , Scritto da bezzifer

Voglio vederli americani ed europei sanzionarsi fra di loro per finanziamento armamento
e favoreggiamento dell'isis. Oppure fare delle sanzioni contro l'arabia saudita e la turchia. Se la prenderanno con qualche stato innocuo, tanto per tener buona l'opinione pubblica.
Stavolta gli va male perchè non possono prendersela con la Russia.

Le parole più sagge sono quelle di Putin e della delegazione russa: l'Occidente ha diverse posizioni che tra loro non si conciliano ecco perchè un accordo è impossibile. Con una mano si armano ora questi ora quelli e con l'altra si parte per combatterli quando la situazione sfugge di mano. Se non è ipocrisia questa.

La cosa assurda che la Turchia che ospita il G20 è la massima finanziatrice dell'Isis. ..quindi si dovrebbe sanzionare da sola...e essendo nella Nato ha avuto appoggio incondizionato dagli USA, che hanno dato molti soldi all'Isis in funzione assad. Capitolo foreign fighters: tanti sono francesi e c'era una accordo fra Erdogan, sempre lui, e la Francia per fare andare a in Siria, passando da Ankara, terroristi francesi in funzione anti-Assad. ..in definitiva gli unici che combattono l'Isis sono due paesi sotto sanzioni economiche dell'Occidente (Russia e Iran), i curdi bombardati da Ankara e gli hezbollah odiati da Israele. ..ah dimenticavo Israele non ha alcun interesse a intervenire Contro isis visto che gli dà una mano contro Assad. Quindi Turchia dovrebbe avuto sanzionare per avere fatto passare i foreign fighters e aver finanziato i terroristi e probabilmente anche addestrato; gli Usa per averli finanziati, la Francia per aver inviato tramite accordi i foreign fighters. ..ecc..siamo al l'assurdo qui non si tratta solo dell'Arabia Saudita, che è contro Assad perché Assad è un dittatore. ..da ridere...qui si Tratta della Nato...l'unica consolazione è come li hanno creati li possono distruggere anche se farli passare per benefattori dell'umanità è un peccato mortale.Ora si! Si auto flagellano le parti basse. Chi dovrebbero sanzionare o flagellare o chi dovrebbe auto flagellarsi in quanto "finanziatori" diretti, per triangolazioni o per necessità? (lgs riscatti x ostaggi) forse buona parte di quelli che sottoscriveranno quel protocollo? Voglio proprio vedere che tipo di sanzioni applicaheranno agli emirati,ai americani ai sauditi, o ai turchi che, tra l'altro, con la scusa di combattere l'isis stanno massacrando i kurdi che l'occidente e l'Italia finanzia e arma, solo per restare ai più noti. Ma che 9 punti!, questi dovevano consegnarsi alla magistratura non solo per aver creato più d'un gruppo terrorista per far cadere più d'un governo non gradito, se non pure per continuare ad armare stati terroristi come il Qatar e l'Arabia Saudita.Putin ha ottime possibilità nello sviluppare un "gioco di rimessa" sfruttando divisioni e facendo emergere modi diversi di vedute se non vere e prorie contrapposizioni in ambito, euro/statunitense e Nato. La centralità delle Nazione Unite!! bella bugia, ma se queste cose la decidono i 5 paesi membri permanenti del Consiglio di Sicurezza... Se le Nazione Unite fosse un organo democratico tutte queste guerre create dai servizi segreti non esisterebbero e voi sareste in prigione da tempo.Occidente diviso in quanto responsabilita originaria ricadendo su israele e US che tuttora insistono sulla rimozione di Assad la cui unica colpa e' stata quella di non accettare l'annessione del Golan(origine risorse idriche MO) da parte di israele, per cui formazione gruppi ribelli da cia e shin-bet, i SUV ISIS vengono da US, finanziamenti da loro +stretti alleati, si puo essere ancora in Nato con queste premesse? colpe gravi ricadono su media fino a che non espongono seddette premesse.

Mostra altro

La domanda pricipale è : a che serve l'ONU?Io non l'ho capito.Oggi come oggi ,chi deve assicurare la stabilità mondiale,visto che gli USA vogliono defilarsi.

16 Novembre 2015 , Scritto da bezzifer

G20 - Mosca gela tutti: "Occidente diviso. Sul terrorismo accordo impossibile"

G20. Bilaterale Renzi-Putin, per il documento finale si lavora su stretta sulla sicurezza.

Il terrorismo non può e non deve essere associato a nessuna religione. Ottimo. Un primo passo importante e nella giusta direzione. A chi continua a far passare il messaggio Islam=terrorismo bisogna ricordare che in Francia ci sono sei milioni di islamici,Nel mondo ce ne sono circa due miliardi.Se fossero tutti potenziali terroristi staremmo freschi.Il termine Islam moderato è stupido. Esiste l' Islam e persone che seguono questa religione. Ci sono poi i terroristi che si professono islamici così come ci sono, ad esempio, delinquenti, assassini che si professono cristiani.Non c'è da noi nessun mafioso o camorrista che non si dichiara profondamente cattolico o devoto di qualche santo.Aggiungerei che come e' ormai stato sdoganato da tempo negli USA e confermato dal candidato alla casa bianca Sanders l'ISIS lo abbiamo creato noi occidentali.
http://www.rainews.it/.../Parigi-entra-nelle-primarie-Usa...Ci vogliono far credere che la mente di una organizzazione come l'ISIS che fattura mliardi di dollari con il petrolio e che li ricicla con un sistema internazionale di banche compiacenti siano quattro ragazzotti mentecatti!

La domanda vera e' perche' non si vogliono colpire le nazioni che stanno veramente dietro l'ISIS? Di analisi su come i soldi confluiscono all'ISIS ne e' ormai piena la rete, ma mentre ci e' voluto un attimo a bloccare le transazioni con Russia e Iran contro le transazioni con l'ISIS nessuno fa niente da anni! http://www.antimoneylaunderinglaw.com/.../islamic-state...

"L'aviazione militare turca lancia un'operazione nel nord dell'Iraq colpendo 44 obiettivi del Pkk nella regione montuosa di Qandil. Velivoli F-4E 2020 e F-16, con il supporto di alcuni droni, bombardano diverse postazioni". Sicche il popolo Kurdo martoriato da decenni dai Turchi, l'unico che combatte sul territorio l'ISIS viene bombardato.. Siamo all'impazzimento globale. Ora tutti si dovranno interrogare da dove proviene tutta questa... indefinibile follia!

Mostra altro

Bombe sui centri di addestramento...su polo petrolifero... Che rapidità, che efficienza. Naturalmente sapete dove sono. Certo che lo sapete e pure bene. E perchè solo ora? Perchè all'indomani di una strage di civili inermi?

16 Novembre 2015 , Scritto da bezzifer

Ora il giorno dopo la strage, magicamente, si conosce tutto di tutti, Ora si bombarda Raqqa. Ora si chiudono le moschee più integraliste. Abbiamo dei pazzi a capo dell'Europa!! Ci siamo andati a intromettere in una guerra civile tra sciiti e sunniti. PERCHE'?. Abbiamo attaccato l'IRAQ con la menzogna delle armi di distruzione di massa. PERCHE'?. Ora questi geni pensano di risolvere il problema da loro stessi creato bombardando Raqqa. A parte la legittimissima domanda: ma se fosse utile, perché l'avete fatto solo ora?? Il punto è che la guerra, se si decide di farla, bisogna farla sul terreno. Con i bombardamenti non si risolve una cippa. E serve una coalizione di stati occidentali E di stati islamici moderati, altrimenti siamo di nuovo alle crociate contro il mondo islamico. Pazzi e incapaci tutti quanti!

Nel giro di 24 ore si conoscono tutti gli attentatori ( addirittura vanno a farsi ammazzare col passaporto questi, che corretti!); conosciamo dove si sono addestrati ( naturalmente in Siria, prima erano sempre in Afganistan, ricordate?) conosciamo tutti i punti strategici di Raqqa ( ma prima, che stavate bombardando uguale, a cosa si stava mirando? A qualche ospedale per caso?) ora sappiamo che ci sono tante moschee dove "si pratica l'odio" ( beh, queste è probabile siano nate in 24 ore, sono rapidi questi islamici); ora sappiamo pure che attaccheranno l'Italia a breve (col nostro sistema di sicurezza interno, l'avessero voluto davvero fare, da quando ci avrebbero mezzo rasi al suolo, ma noi paghiamo perché ciò non avvenga. Quindi, ora il motivo lo abbiamo, possiamo bombardare, una domanda sorge spontanea, ma prima che stavano facendo?

Quindi, esattamente, cosa abbiamo colpito? Voglio dire, se c'erano dei validi obiettivi da colpire, perché li abbiamo bombardati ADESSO? Se sganciare una bomba servisse a diminuire la capacità offensiva di un nemico (...), cosa cambierebbe il farlo all'indomani di una strage? Ah già: cambia il marketing. Bombe sui centri di addestramento...su polo petrolifero...Che rapidità, che efficienza. Naturalmente sapete dove sono. Certo che lo sapete e pure bene.E perchè solo ora? Perchè all'indomani di una strage di civili inermi?

Qualcuno può spiegarmi la razio dietro a tutto questo? Non è l'ISIS obbiettivo dell'occidente da qualche anno?

PS: OK E Inutile nascondersi dietro ad un dito.

Il problema delle moschee nasce dal Corano e dalla Sunna che propongono un modello di società, di cultura, di etica che noi occidentali non possiamo e non dobbiamo accettare.
Sin tanto che i confini mantenevano separate le due civiltà, quella occidentale e quella islamica, il confronto è stato latente e velato.Ora che per effetto della globalizzazione le due civiltà si sono intrecciate in modo eccessivo, troppo rapido, ed irreversibile la guerra di civiltà è inevitabile. Gli eventi criminali e militari sono la punta dell'iceberg di questa guerra che si combatte per la maggior parte senza eccessivi clamori.In questa guerra fa molto più danno la rinuncia di una scuola a realizzare il presepe o a visitare un museo che gli attentai di Parigi. Queste sono le grandi battaglie perse per autolesionismo ! La nostra civiltà è piena di difetti che dobbiamo correggere, ha causato violenza e guerre gigantesche, ma si evolve, propugna principi universali, fa autocritica, si basa sul Vangelo che, con il suo messaggio di pace, universalità e non violenza, può garantire la civile convivenza fra i popoli che si intrecciano sempre di più. La civiltà islamica è rimasta ferma al medioevo e da li non si muove, sclerotizzata dalle regole civili e penali del Corano .Ci dobbiamo battere affinché i nostri principi e valori prevalgano su quelli islamici e non arretrare per rispetto di una cultura violenta più della nostra e retrograda.

L'integrazione non può avvenire gratis, senza un po' di sforzi reciproci, si era detto tempo fa che sarebbe stato meglio far recitare le preghiere nella lingua dei paesi dove gli stessi mussulmani scelgono di stare dopo aver abbandonato i loro paesi di origine. Dove non c'è comprensione c'è per forza confusione.Poi nelle proprie case ognuno parli tutte le lingue e i dialetti che vuole, ma dove c'è un'alta concentrazione di persone è meglio se quello che viene detto sia ascoltabile e comprensibile da tutti.

Invece di portare la Fallaci nelle scuole bisognerebbe inserire lo studio obbligatorio dell'arabo, se vogliamo parlare di integrazione, visto che chiunque arriva qui come minimo parla tre lingue: la sua, l'inglese e l'italiano.
Quando vado a comprare la frutta dall'egiziano davanti casa trovo sempre una radio sintonizzata su una stazione araba, io non so quello che si dice in quella radio, lui però, siccome parla l'italiano sarebbe meglio che ascoltasse una radio comprensibile anche da chi entra nel suo negozio.

Forse mettere in dubbio le cose che ci e gli vengono raccontate è molto più intelligente che prendere per oro colato tutto quello che dicono i capi solo perchè loro sono i capi e dicono sempre la "verità"! Inoltre ci sono prove, e parecchie, e vattele a cercare, del coinvolgimento prolungato da parte degli USA nel rifornimento dei terroristi. Gli stessi USA più volte nel corso della loro storia hanno usato gruppi terroristici, foraggiandoli in ogni modo per i propri scopi. Si sentono in diritto di creare e distruggere governi e nazioni a proprio piacimento e per profitto, solo perchè possono farlo e hanno una visione del pianeta dove tutti sono piegati al loro volere.Quando mi riferisco agli USA non intendo la nazione con tutti i suoi abitanti, che sono pecore come noi, nè ai governanti che sono fantocci transitori dei potenti, ma a quelli che comandano da sempre e non si fanno mai vedere.

Mostra altro