Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
Blog di bezzifer

Post recenti

Armare la mano dei cittadini è una follia? dal mio punto di vista SI!

7 Aprile 2017 , Scritto da bezzifer

Legittima difesa, armare la mano dei cittadini è una follia.Gli ultimi avvenimenti di cronaca hanno rilanciato ancora una volta il tema della legittima difesa. Ieri sera a Porta a Porta ho sentito il ministro Costa affermare la necessità di una revisione dell’attuale disciplina di legge.

Spaventoso, nel vero senso del termine. Dopo aver letto questi commenti comincio essere preoccupato per la mia sicurezza futura. Possibile che nessuno si renda conto che se cominciamo a sparare ai ladri, forse, ma dubito, ci sarà un calo dei furti, ma i ladri cominceranno a girare armati e a sparare preventivamente anche loro, e voglio vedere chi, tra un cittadino terrorizzato e un ladro determinato, se la cava meglio.

La domanda di fondo che nessuno fa è : vale la pena reagire? Se mettiamo alla base della nostra civiltà che nessun bene materiale vale una vita,la cosa è già superata.Importare la mentalità americana è pericolosissimo e non dà alcun risultato positivo,esattamente come avere la sedia elettrica per gli omicidi…ci si mette solo allo stesso livello dei criminali,niente di più.Non lo dico per dire,io ho subito 3 furti in casa con 5 di noi dentro,senza nessuna conseguenza,anche perchè non ce ne siamo accorti,ma se io mi fossi accorto,non avrei reagito….quando si è in difficolta si fa come fanno i lupi,chi è in quel momento perdente,deve dare il ” collo” all’avversario,così si smonta la sua aggressività e non succede niente di tragico.Infine non ci illudiamo di essere “difesi” dalle guardie di qualsiasi tipo,nessuno può assicurare tutti,anche avendo milioni di poliziotti a giro.Se si pensa che abbiamo 8045 comuni,ognuno dei quali ha una cinquantina di fraziioni sparse dovunque…..l’impresa è impossiblile.

PS: E aggiungo prima di investire risorse per polizia e carabinieri (cosa che peraltro trovo giusta) bisognerebbe che tutti quelli come tanti (ossia gli imboscati) facessero il loro lavoro, dopodiché ne potremo riparlare. non c’è giorno che non si legge che gli, operatori del settore, sieano sotto organico… bene, fate uscire dagli uffici tutti quei nullafacenti che stanno scaldando le poltrone, che fuori c’è in atto una vera guerra (e queste persone non scherzano) o non ve ne siete accorti? conosco una famiglia di cui ben quattro persone su cinque, fanno parte di forze di polizia/carabinieri. stranamente, tutte, sono chiuse in un ufficio e non sanno neppure pulire la loro arma e lo so per certo, visto che quelle poche volte che vanno al poligono perché obbligati, gliele pulisco amici miei che frequento il poligono dal 1980!!!

POI:La differenza sostanziale tra la nostra legislazione e quella per esempio anglosassone, è basata su un concetto fondamentale. da noi, grazie alla nostra Costituzione si riconosce un "Padre Padrone", che sia lo Stato  o un'entità Superiore , che decide per noi quale sia il comportamento da adottare. Cioè se mi trovo un ladro a casa di notte, io per potermi difendere devo dimostrare al "Padre Padrone" che ero in effettivo pericolo di vita. E se ho agito, non posso discolparmi se non dimostrando io che l'intruso minacciava alla mia vita. E se il ladro scappa con la refurtiva non posso fermarlo (tanto sta scappando). Nella legislazione anglosassone, invece il principio è diverso: io Stato (non Padre Padrone) ho il dovere di difenderti. Se non lo faccio adeguatamente è colpa mia, non tua. Quindi tu hai il DIRITTO di difenderti visto che io ho fallito nei miei doveri nei tuoi confronti.Se non si cambia questa impostazione "costituzionale", non sarà mai possibile giuridicamente cambiare la legge.Questo parere, che condivido in pieno, è stato espresso da un famoso Procuratore di Venezia.E il Sindacalista autore dell'articolo conferma tra le righe il concetto del "Padre Padrone".

Mostra altro

Grande speriamo che sia cosi.

7 Aprile 2017 , Scritto da bezzifer

Sondaggi: il Pd di Renzi supera il M5s. Ecco i numeri.

Matteo Renzi rieletto segretario con il 62-66 per cento dei consensi alle primarie del 30 aprile. E’ quanto si legge in un sondaggio Swg, realizzato per i dem e mostrato all’incontro tra l’ex-premier e i parlamentari che sostengono la sua mozione al congresso. Andrea Orlando è secondo con il 19-23% e terzo Michele Emiliano con una forchetta tra il 13 e il 17 per cento. Secondo la rilevazione di Swg inoltre, Renzi avrebbe conquistato 3 punti percentuali nell’ultima settimana. Trend invariato per Orlando, meno 3 per Emiliano.

 

Swg ha anche realizzato un sondaggio sulle intenzioni di voto ai partiti. Ad oggi il Pd si attesta al 28,1. Segue a un soffio M5S con il 27,8%. “Un dato -ha detto Renzi- che dimostra che non dobbiamo inseguire i nostri avversari negli insulti, la gente ci premia se parliamo di contenuti”.

La rilevazione è stata fatta anche per aree. L’area di governo con il Pd, Ap al 3,5 e altri allo 0,4 raggiunge il 32 per cento. L’area di sinistra con Mdp (5%), Sinistra Italiana (2,2) e Rifondazione (1,2) ottiene 8,4. L’area di centrodestra arriva al 29,6% con Fi al 12,2, Fdi al 5,1, Lega al 12 e Movimento sovranista allo 0,3.

Mostra altro

Che si può commentare se non poltrone a go go e capacità zero

7 Aprile 2017 , Scritto da bezzifer

MoVimento5stelle: In caso di Governo, un nuovo Ministero in memoria di Casaleggio senior.

Nessuna alleanza. Soli contro tutti. Bisogna arrivare al Governo e decidere da soli le sorti del paese. La regola è una: arraffare consensi in tutti i modi possibili, anche cavalcando la inarrestabile onda del populismo che in maniera sempre più aggressiva, minaccia l’Europa e il Mondo.  Un obiettivo chiaro quello dell’entourage 5stelle che a colpi di click animati dall’Uno vale Uno, ha dato vita ad una classe dirigente che il prossimo anno andrà a confrontarsi con le urne. La rosa, stando a quanto riportato dal quotidiano La Stampa, pare ormai completa. Nella scelta, più che alla competenza, si è badato alla fedeltà e infatti, sul candidato premier non ci sono dubbi, sarà Luigi Di Maio studente fuoricorso di Giurisprudenza e webmaster con la passione per la grammatica. Grandi progetti anche per Alessandro Di Battista che pare  si troverà a scegliere tra la carica di vice Presidente e un Ministero. Alla Farnesina dovrebbe andarci Manlio Di Stefano, portavoce del grillismo nella ridefinizione dei rapporti con la Russia di Putin. Alla Giustizia,  dovrebbe andarci Alfonso Bonafede, già fidatissimo commissario degli Enti locali con licenza di salvare la giunta Raggi a Roma. Per le Riforme invece, pare figuri il nome di Danilo Tonelli.  Alla Sanità, anche se con qualche dubbio, dovrebbe andarci Giulia Grillo, medico legale e amatissima dai vertici del MoVimento. Discorso a parte per l’Economia. Qui il MoVimento giudicherà la competenza e non la fedeltà, considerato che da questo derivano le sorti dell’intero progetto politico. Sarà dunque un tecnico, ancora non individuato, a dover svolgere l’arduo compito di porre in essere il programma per reddito di cittadinanza e per il referendum sull’euro. Ma la vera novità, sarà il Ministero della Democrazia diretta. Un omaggio alla memoria di Gianroberto Casaleggio, colui da cui tutto nacque.

Mostra altro

La disonestà intellettuale di Di Maio.

7 Aprile 2017 , Scritto da bezzifer

Di Maio e la disonestà intellettuale: Un programma di Governo contrario alla Costituzione.

Quello che si diceva  di Matteo Renzi nel 2013, all’indomani del congresso del PD che lo vide vincitore e cioè che fosse troppo giovane per rappresentare l’Italia nel mondo, oggi lo si dice di Luigi Di Maio. Lei si sente pronto? Sta studiando?  Noi ci candidiamo a classe di Governo  perché ne siamo all’altezza.

Si apre così l’intervista fatta dall’Agi al vice-Presidente della Camera dei Deputati Luigi Di Maio. Gli argomenti trattati, sostanzialmente sono due: Referendum sull’Euro e le Pensioni dei Parlamentari e per entrambi, sono necessarie delle importanti precisazioni.

Non ci hanno mai chiesto se volevamo entrare nell’Euro -dice il vice-Presidente della Camera dei Deputati– ora chiediamo ai cittadini se ci vogliono restare.
 

C’è dunque l’intenzione di sancire, tramite Referendum, l’uscita dell’Italia dall’Euro. Ma ciò che sfugge a Luigi Di Maio è quanto enumerato all’art.75 della nostra Costituzione, e cioè:

Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali.

L’entrata dell’Italia nell’Euro è stata sancita nel ’92  con il Trattato di Maastricht e dunque, un Referendum sull’uscita dall’Euro si configurerebbe come Referendum “di autorizzazione a ratifica di un trattato internazionale” e quindi, contrario alla nostra Costituzione.
Riguardo ai vitalizi, il vice-Presidente, durante le battaglie da 140 battute, accompagnate da hashtag ad effetto come #SiTengonoIlPrivilegio, dimentica di dire cosa prevedeva la delibera presentata il 22 marzo 2017 dal MoVimento5stelle alla Camera dei Deputati e perché questa è risultata inapplicabile.  La delibera presentata dai parlamentari del MoVimento5stelle era mirata solo agli assegni pensionistici dei Deputati della attuale Legislatura, cioè non toccava in alcun modo i vitalizi  maturati in passato, a differenza di quella presentata dal Partito Democratico –poi approvata- che ha sancito, di fatto, un risparmio per i cittadini di 2milioni e 500mila euro annui. Ma il vero problema della delibera presentata dal Movimento5stelle era la inapplicabilità. Essa infatti prevedeva che i contributi versati alla Camera venissero unificati a quelli versati nelle casse dell’Inps. Tali modifiche però, possono essere apportate solo tramite testo legislativo. A dirlo è stato Tito Boeri -economista italiano nonché  presidente dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale(INPS)- che in un’intervista al Sole24ore ha inoltre dichiarato di non condividere la  proposta del M5S sui vitalizi  perché questa intervenendo esclusivamente sugli attuali parlamentari -cioè su quelli che ancora non  percepiscono vitalizi- e lasciando agli altri tutti i privilegi di cui godono, non prevede grandi risparmi.

Mostra altro

Se per Casaleggio j. Renzi non è credibile per non essersi ritirato dopo averlo promesso.L’ultima cosa che ricordo di Grillo è che ha perso una elezione e ha detto che si sarebbe ritirato dalla vita politica. Lo vedo ancora qua, mi sembra poco credibile. la stessa considerazione dovrebbe averla per Grillo.Stessa situazione , considerazione diverse per comodità?

7 Aprile 2017 , Scritto da bezzifer

Davide Casaleggio e le mezze risposte dalla Gruber: “Grillo? Fa il suo lavoro. Renzi? Non è credibile”

Davide Casaleggio, Presidente della Casaleggio Associati nonché figlio dello scomparso Gianroberto, ospite ad Ottoemezzo dove esordisce in tv interrompendo la conduttrice Lilli Gruber per “chiarire” la posizione della sua azienda nei confronti del MoVimento: “Ad oggi è l’Associazione Rousseau che si occupa del Movimento 5 stelle, la Casaleggio Associati si occupa di strategie di rete ed ha donato al Movimento la piattaforma Rousseau che si occupa poi del blog 5 Stelle e di tutta la comunicazione” del Movimento. Casaleggio junior inoltre difende Grillo ma non certo Matteo Renzi: “Ha perso un referendum su cui ha scommesso la sua vita politica. Il 60 per cento degli italiani gli ha detto di No ed è rimasto. Quindi mi sembra poco credibile. A me, invece, piacerebbe parlare con persone credibili”. Alla domanda della conduttrice che gli domandava come avvenisse la selezione della classe dirigente del Movimento, Davide Casaleggio ha risposto senza rispondere: “Il tema esula da quanto volevo dire in questa occasione. La classe dirigente del Movimento ha già ottenuto ottimi risultati, stiamo migliorando ma questo esula dalla giornata di sabato ad Ivrea di cui sono venuto a parlare”.Di sé dice: “Il mio obiettivo non è sostituire mio padre ma aiutare il M5s. Io aiuto Beppe Grillo ma anche tutto il Movimento per il sistema di supporto, per le decisioni in rete, per le funzionalità di Rousseau. Su questo cerco di dare il mio apporto”.

"gratuitamente": il livello del personaggio è racchiuso in quest'avverbio...
La Casaleggio, prima della fusione e identificazione col Grillo era sulla via del fallimento: perchè i Guru grillini non lo ricordano mai?
Inoltre l'intervista, tamponata e accarezzata da Nuzzi, che domenica curerà l'evento di Ivrea e ammorbidita da De Masi, ospite fisso sulla Sette, mi pare preconfezionata e priva di ogni valore testimoniale.

Mostra altro

Vuoto cosmico, ma tanto i fedeli si fortificano e si rinsaldano sul vuoto cosmico.Il vento ormai ha cambiato direzione.Dopo questa intervista a Casaleggio il m5s ha perso un terzo dei voti

7 Aprile 2017 , Scritto da bezzifer

Davide Casaleggio schiva: “Do solo una mano”. Ma in tv sancisce il ruolo da leader e spaventa i parlamentari con una “nuova selezione della classe dirigente”

A Otto e mezzo La prima intervista televisiva per il figlio del fondatore del M5S.

“Il Movimento 5 Stelle sta lavorando sulla selezione della classe dirigente, stiamo ottimizzando nuovi modelli di questa selezione”. Davide Casaleggio, alla sua prima prova televisiva, ospite di “Otto e Mezzo” su La7, fa un annuncio tutto politico pur sottolinenando che nel Movimento 5 Stelle il capo politico resta Beppe Grillo mente lui dà una mano. Difficile crederci. In realtà il figlio del cofondatore ha un ruolo sempre più attivo. Nei tanti incontri avuti con i parlamentari, l’ultimo proprio oggi pomeriggio al Senato, si è occupato della stesura del programma e ha mandato anche diversi segnali ai deputati e senatori sul loro futuro. Tutti sono consapevoli che, adesso, non basterà più qualche voto sul blog per essere ricandidati. Bensì sono tante le ipotesi al vaglio. Un deputato racconta che, tra queste, c’era anche quella di una valutazione online, cioè di una richiesta di voto agli iscritti sulla produttività in questi anni dei deputati e dei senatori. Insomma paletti stringenti e tanti volti esterni, ovvero personalità, con cui Casaleggio in persona sta prendendo contatti.

Ma questo a che titolo parla? E’ stato eletto dal sacro blogge (col beneplacito, beninteso, del panzone pulcioso)? Non mi risulta. E’ solo l’erede del suo defunto padre? Siamo tornati al Medio Evo? E quelli dell'”uno vale uno” sono soddisfatti? Contenti loro…ci mancava il figlio del mago,scelto e votato da nessuno, Davide Casaleggio ha ereditato la proprietà del M5S così come in Italia si eredita l’azienda di famiglia. Un partito costruito su regole improvvisate, modificabili alla bisogna e ad insindacabile giudizio di Beppe Grillo e Davide Casaleggio, due tizi che formalmente non hanno alcun ruolo politico, né un mandato e neppure una scadenza. C’è più democrazia nel partito comunista cinese che nel M5S

Arrogante,supponente,con questi atteggiamenti da guru non andrà molto lontano- secondo lui il topo è poco credicole e lui invece è Credibile? Perché? Con questo personaggio dietro ai giovani in prima linea sputare sulla sua scheda!Uno che ad ogni risposta , prima , sogghiggna , che non cambia mai espressione e tono di voce , che rimane sempre sul vago (” per questioni tecniche deve chiedere ai tecnici ” risponde a domanda della Gruber ) non sa di chiaro . Qualcuno spieghi a questo signore , che da un po’di tempo molte aziende Italiane stanno riportando in Italia le loro produzioni per una maggiore qualità !!! Non ha chiarito il dubbio che tanti hanno : – chi controlla il voto diretto dei clik ? “gratuitamente”: il livello del personaggio è racchiuso in quest’avverbio…La Casaleggio, prima della fusione e identificazione col Grillo era sulla via del fallimento: perchè i Guru grillini non lo ricordano mai? Inoltre l’intervista, tamponata e accarezzata da Nuzzi, che domenica curerà l’evento di Ivrea e ammorbidita da De Masi, ospite fisso sulla Sette, mi pare preconfezionata e priva di ogni valore testimoniale.

Casaleggio junior dalla Gruber: altro spot per le 5stelle.
Ne ho seguito l’intervento per un quarto d’ora. Poi ho lasciato. Non mi ha impressionato più di tanto, il giovane Casaleggio. E’ stato solo un lancio pubblicitario, meglio uno spottone, per la manifestazione di Ivrea. Tutti discorsi molto futuribili, ma zero rispetto alla gravità dei problemi che in Italia dobbiamo ogni giorno affrontare. Compresa la scarsa serietà delle formazioni politiche, pronte a sgambettarsi a vicenda, dimenticando sempre il bene supremo da offrire al Paese. La moda dei 5Stelle a mio avviso ha raggiunto il massimo. Ora per quanto si sforzino inizieranno lentamente a calare, perché la spinta del voto di protesta ha il difetto di esaurirsi più rapidamente. E il fallimento di Roma apparirà presto in tutta la sua drammaticità. Perché il consenso si perde, un poco alla volta. Appuntamento tra un anno, quando andremo alle elezioni. Fino ad allora molte cose potranno cambiare. Lo spero.

La democrazia diretta mi sembra come il comunismo dove sono tutti uguali meno alcuni che sono piu uguali degli altri. Quindi il padrone del vapore, della rete in questo caso, e i suoi accoliri, sono gli unici che contano qualcosa. Tipo il marchese del grillo. Chi ha questa idea è destinato a diventare cinese, comunista.”Chi non ha le idee è destinato ad avere un salario cinese” aggiungerei anche un corretto utilizzo delle risorse da investire perche’ le idee si trasformino in progetti. In questo senso mi aspetto dalle giunte regionali una risposta sugli sprechi dei 32 miliardi di Euro di fondi Europei POR/FESR oggi privi di alcuna analisi di ritorno economico.

Mostra altro

A Trump qualcuno deve aver ricordato la fine che ha fatto l’ultimo presidente americano che ha tentato di opporsi a una guerra..Dallas 1963… Intanto isis e al qaeda ringraziano…

7 Aprile 2017 , Scritto da bezzifer

Siria, Donald Trump sferra l’attacco: lanciati 59 missili da navi Usa su base aerea attacco chimico. Gli Stati Uniti hanno lanciato 59 missili cruise verso la base aerea siriana da cui si presume sia partito l’attacco con armi chimiche nella provincia di Idlib. Si tratta di missili ‘Tomahawk’, lanciati da due navi americane di stanza nel Mediterraneo. È il primo attacco diretto Usa alla Siria dall’insediamento del presidente Donald Trump. Quest’ultimo non aveva preannunciato l’operazione, sebbene in giornata il suo messaggio sulla crisi siriana fosse stato più netto che nei giorni precedenti.

“Nessun bambino dovrebbe soffrire” come hanno sofferto quelli siriani: lo afferma Trump. E ha aggiunto: il bombardamento americano in Siria e’ nel “vitale interesse della sicurezza” degli Stati Uniti. La Siria ha ignorato gli avvertimenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu, ha sottolineato Trump. E ha chiesto al mondo di unirsi agli Usa “per mettere fine al flagello del terrorismo”.

“Nessun bambino dovrebbe soffrire” come hanno sofferto quelli siriani:ma quelli yemeniti colpiti dalle bombe incendiarie USA-GB-SAUDITI possono continuare a soffrire senza problemi”

Preoccupante!! Stanno soffiando venti di guerra intorno a noi. Non ho capito dove sia finita la tanto decantata (dai media) amicizia, complicità, tra Trump e Putin.Non mi convince affatto e soprattutto non si capisce la necessità di reagire con tale celerità, senza la minima analisi, neppure da parte del congresso americano.Lanciare un attacco di tanti missili richiede settimane di preparazione logistica, a mio parere tutto era stato pianificato da tempo.Solo un criminale può ordinare un attacco prima di una seria verifica internazionale indipendente su quanto successo effettivamente in Siria i giorni scorsi e senza consenso del Congresso…!Preoccupante che gli americani abbiano concesso il bottone delle armi ad un personaggio così impulsivo.

E finalmente il Califfo di Ankara ha ingaggiato Allah in una punizione ad Assad, utilizzando lo Stato protettore del ‘golpista’.
Credo che Assad non sappia a chi rivolgersi … se rivolgersi al suo Allah, oppure cedere al pauroso e repentino intervento USA, o attaccarsi ad ogni possibile protezione di Mosca e Theiran?
Mosca tenta di ‘sfilarsi’ dal ruolo di protettore incondizionato, salvando il salvabile nell’area politica…
L’imperatore del mondo vuole ‘America first’ dunque alla sua azione non c’è alcun bisogno del consenso del Congresso che rappresenta soltanto gli umani che calpestano indegnamente l’America. In fondo solo lui sa che cosa sia l’America…

Ci sono due enormi incongruenze nella versione a carico di Assad: la prima è che Assad non aveva assolutamente alcuna ragione per effettuare un bombardamento al gas sui ribelli ormai prossimi alla disfatta in una città assediata. La seconda è che a memoria storica un bombardamento aereo al gas SARIN provoca migliaia di vittime. L’esiguità e la concentrazione del numero dei colpiti depone con molta più probabilità a favore della versione russa che sia stato colpito nel bombardamento un deposito dei ribelli non sufficientemente protetto. Intanto partono ugualmente le avvisaglie di guerra globale senza neanche rifletterci un po’. Ovvio, i morti fatti dagli americani sono stati sempre deplorevoli effetti collaterali. Da vomito, sia la presa di posizione senza effettuare un minimo di controllo da parte di quasi tutti, tipo armi di distruzione di massa possedute a suo tempo da Saddam Hussein, sia la decisione di bombardare “per punizione”, cioè per esigenza di spettacolarizzazione mediatica, altra popolazione, col rischio di globalizzazione del conflitto.Gia con la scusa dei gas nervini, già ci provarono nel 2013: accusarono Assad, aveva “superato la linea rossa” gridò Obama, Francia Gran Bretagna e Usa scaldavano i motori, ERdogan era pronto, i sauditi anche, la NATO pure. Poi la geniale proposta di Putin e Assad: consegnare sotto controllo Onu le riserve di gas nervini (che del resto servono solo come deterrente, ossia a dissuadere un attacco della potenza atomica vicina, Israele). Il momento opportuno passò.Dopo, le inchieste hanno dimostrato che non fu Assad ad usare il sarin, ma erano stati i terroristi anti-Assad, probabilmente il gas era stato fornito dai servizi turchi di Erdogan. Lo appurò Carla del Ponte, la giurista svizzera allora nella Commissione Onu per la violazione dei diritti umani:http://it.euronews.com/…/siria-carla-del-ponte-i…

Mostra altro

Un proverbio napoletano dice: O’ curnuto se ne accorge quando passa sotto a un ponte !!

6 Aprile 2017 , Scritto da bezzifer

Giannini: “Italia al voto anticipato con lo spettro ingovernabilità”

La maggioranza sta implodendo sulla rifoma della legge elettorale. Un asse  trasversale contro Renzi in Commissione Affari Costituzionali del Senato boccia il candidato presidente Pd, Giorgio Pagliari, a favore dell’alfaniano Salvatore Torrisi. Una manovra che mostra la mancanza di volontà di arrivare a una riforma in nome di una frammentazione che il Paese non si può permettere.

Giannini, non potevi svegliarti prima? Pur di fare un dispetto a Renzi ci hai marciato su alla grande nella sciagurata alleanza a far fallire il referendum. Ora che siamo nella melma fai un’analisi impeccabile, ma questo rende il tuo flirt di qualche mese fa con gli alberghieri ancora piu’ meschino.SOLO UNO ……RENZI , l’unico , con la sua ottima squadra , riportera l’asse dalla parte giusta……..speriamo solo che una fetta del popolo bue, in pratica quelli del no , rinsaviscano……Giannini……un giornalista inutile , sembra la sciura Cesira…..raccoglie pettegolezzi….non gli rimane altro

So di andare controcorrente, ma non ho nessuna vergogna a dirlo: questo è il risultato del NO al Referendum. Adesso, cari tromboni, raccogliamo i cocci. Tutti bravi a spaccare, ma adesso che la legge va comunque fatta, lei vede qualcuno che ha idee o che propone qualcosa? Nessuno, solo bravi a demolire. Questa è la vergogna, Giannini, e questo pagheremo tutti pesantemente. Sindrome spagnola, hai ragione: questo Renzi l’aveva predicato in tutte le salse ma questo abbiamo voluto. Ti stupisci adesso? ora i tuoi amici 5s hanno la commissione con i vari d’alema, alfano, salvini…possono fare la legge elettorale per tutti gli italiani…quella bella…bella…bellissima. aspettiamo il risultato del loro buon lavoro. gli italiani vedranno plasticamente in quale accozzaglia di mani si stanno per affidare. auguri….e a sto giro il pd non c’è. mo’ sono c..zi vostri.Evviva ,hanno votato no al referendum e ora caos e ingovernabilità.Grazie signori,come tanti Tafazzi ora accontentatevi.

Scusi Lei Giannini dov’era il 4 dicembre, su di un altro Pianeta ? La maggioranza degli Italiani con Lei incluso hanno deciso che serviva dare una botta all’idea di avere maggioranze chiare e responsabili, adesso scopre che invece sui và verso l’ingovernabilità !! Cazzo c’ero arrivato io che non conto niente e non l’aveva capito Lei ?
E magari anche di questo diamo al colpa  a Renzi, giusto ?Un po’ di vergogna no ??!! Lui il Giannini aveva un macigno nella scarpa e doveva toglierselo: l’allontanamento da Ballarò. Lui si ritiene un mostro sacro e quindi intoccabile…e allora giù botte da orbi su Renzi in buona compagnia, a cominciare dagli statisti grullini. Dopo cotanto cupio dissolvi, ci si accorge con meraviglia di essersi lasciati alle spalle solo macerie?! Caro Giannini, la stimerei tanto di più se facesse un’ammenda pubblica delle sue corresponsabilità in ordine all’esito del referendum…
 
Popolo strano gli Italiani.Chiedono meno parlamentari, meno costi della politica, meno partiti, tagli agli enti inutili ( e costosi) , più velocità nel fare le leggi che servono, una legge elettorale che assicuri governi che durino una intera legislatura e non un governo all’anno e che cancelli i vergognosi ricatti dei piccoli partiti…….e poi quando trovano qualcuno che FA  e propone loro di confermare queste loro richieste, mal consigliati, dicono no.
E ora riprenderanno a chiedere le stesse cose.
A volte viene il dubbio di vivere in un Paese di (mediamente) “diversamente intelligenti”.
Oppure  di gente che sta troppo bene nell’IMMOBILITA’ ,che non accetta un minimo rischio insito in ogni CAMBIAMENTO e che si merita quindi una vergognosa classe politica inchiodata a vita sulle proprie nullafacenti poltrone.
Ingovernabilità. Che sorpresa! Chissà perché io che non sono una firma del giornalismo nè un politologo lo avevo già capito che sarebbe andata così se avesse vinto il no al referendum. Dove sono quelli che dicevano che la legge elettorale si sarebbe fatta in 15 giorni? D’Alema batti un colpo. E I giornali ed i giornalisti dove li mettiamo? Peggio dei politici. Grazie cari GIANNINI.
Mostra altro

Nel frattempo, il reato di tortura ed il codice identificativo sulla divisa latitano…perché sennò i poveri poliziotti “non potrebbero fare il loro lavoro”.

6 Aprile 2017 , Scritto da bezzifer

G8 di Genova, violenze a Bolzaneto: il governo ammette le sue colpe

La Corte Europea dei Diritti Umani prende atto della risoluzione amichevole tra le parti. Roma verserà 45 mila euro ciascuno a sei cittadini vittime di abusi.

Il governo italiano ha riconosciuto i propri torti nei confronti di sei cittadini per quanto subito nella caserma di Bolzaneto il 21 e 22 luglio 2001, ai margini del G8 di Genova, e gli verserà 45 mila euro ciascuno per danni morali e materiali e spese processuali. Lo rende noto la Corte europea dei diritti umani in due decisioni in cui «prende atto della risoluzione amichevole tra le parti» e stabilisce di chiudere questi casi.

E’ una notizia che rende un po’ di onore a questo benedetto Paese…ammettere delle colpe, anche se ben note a tutti e a distanza di 16 anni, è sempre positivo…a questo punto sarebbe opportuna  un’ammissione di colpa da parte dei responsabili n.1 e 2 di quei fatti tragici, i signori Scajola, allora ministro degli interni (cit.19 luglio 2001: “se sarà rotta una sola vetrina e torto un solo capello ad un manifestante ne risponderò in prima persona”…) e De Gennaro (qualche giorno dopo… “che potevo farci?sono solo il capo della polizia..”) ora un minimo riconoscimento del danno subìto da tanta gente,una vergogna,  per la mattanza che polizia sotto la spinta del governo Berlusconi fecero, evidentemente per verificare se si poteva andare oltre il limite. Ora bisogna varare quanto prima la legge sul reato di tortura, perché vergogne del genere non si ripetano. Il PD deve farlo appena avrà le mani libere in un governo politico. Non ci aspettiamo che succeda con i 5 stelle che sono la destra vera del paese. Quella reazionaria. Ovviamente oggi con un governo di solidarietà nazionale non è possibile, essendoci personaggi impresentabili nella parte di destra del governo. Aspettiamo.

Il ministro degli interni di allora,quel ” galantuomo” un poco smemorato di Scajola,ed il capo della polizia dell’epoca,quell’altro ” galantuomo” di De Gennaro ,non dovrebbero contribuire ai risarcimenti?In una VERA democrazia sarebbe così,ma  a ” paraculandia” è cosà!!!Poi ci dobbiamo sorbire ogni santo giorno le giaculatorie fumose ed incosistenti dell”arbitro” del Colle nonché le boiate ,umilianti ed offensive di vecchi condannati riciclati o di giovani frescacciari rampanti.Ripeto ,a ” paraculandia” si vive così.Perché a causa loro lo Stato deve cacciare soldi dell’erario? Di Gennaro e gli altri dirigenti che avevano responsabilità non solo non sono stati toccati dalla giustizia se non a livelli bassi ma hnno ricevuto promozioni e aumenti di stipendio, dislocati qua e la, sia  in Italia,  che in Europa

Mostra altro

L’accozzaglia si è fatta sentire solo per esserti contro a prescindere, ma ciò ti renderà più forte. Come si è visto nei congressi del pd.

6 Aprile 2017 , Scritto da bezzifer

Matteo Renzi: “Non vogliamo sentire pronunciare la parola crisi di governo”

“L’elezione di Torrisi episodio grave e antipatico”

“Un episodio grave e profondamente antipatico, non si può tornare al linguaggio degli anni passati. La parola crisi di governo non la vogliamo sentire pronunciare. Questi sono giochini da prima repubblica”. Così Matteo Renzi, incontrando i parlamentari della sua mozione, a proposito dell’elezione di Salvatore Torrisi a presidente della commissione Affari costituzionali del Senato.

“Dell’elezione del presidente della commissione Affari costituzionali agli italiani non interessa nulla – ha aggiunto – Fatemi dare un abbraccio a Pagliari, vittima di sgarbo istituzionale”. L’ex premier ha poi detto: “Il fronte del No al referendum, al Mattarellum, all’Italicum, quello che ha votato Torrisi e ora è maggioranza, adesso ci faccia qualche proposta”.

Come sempre fuori tema, invasi da decine di grillini prezzolati a dovere.Quello che è successo è una tipica manovra di palazzo, guidata da grillini e forza Italia per cui “tanto peggio tanto meglio”.Interesse per il paese; zero. Calcoli politici: infiniti. Vogliono arrivare alle elezioni con una legge elettorale grottesca (che peraltro prima avversavano) esclusivamente per interessi di potere.E chiaro altresi che l’alleanza del PD con Alfano e i suoi “trasformisti”, anche se indispensabile alla governabilità, è altamente indigesta. Torrisi “uomo delle istituzioni” non abbandonerà mai la poltrona regalata alla bisogna da m5s e silvio. 4 dicembre, Affossamento di un maggioritario che finalmente poteva chiarire la politica in Italia!!  E ridete pure? Non vi accorgete ancora che siamo tornati indietro di anni e anni?? La politica alla Vanna a Marchi va a nozze con voi!  La rovina del paese siete voi M5Stalle e F.Italioti,..avete fatto fallire l’Italicum ,il maggioritario e tutte le brutture di partecipate e uffici regionali (parentopoli politiche ,che PAGHI ANCORA!) che rubano, col voto contro il referendum,..e ve la prendete con Renzi??   Situazione economica favorevole?? Ma dove vivi?? Adesso si inizia a vedere un pò di economia favorevole ed è grazie a Renzi ! Non certo di Grillo !

Da tre anni che Lega e 5 Stelle dicono che  bisogna andare al voto, accusando  il PD non vuole andare a votare e giungere a fine legislatura garantendosi cosi i vitalizzi.      Quando la finirete di prendere in giro gli Italiani, di vitalizi ne avete garantito all’infinito ai senatori il 4 dicembre 2016 con il vostro NO. Il risultato è che il 4 dicembre con il vostro NO vi siete garantiti un vostro orticello che vi permetterà di far ricrescere la Casta con tutti i suoi privilegi, in barba agli Italiani. Il M5S che vota con i lestofanti!! Sempre così! Per il proporzionale ,per l’ammucchiata, per il bordello! Prima vuole il proporzionale, contro l’Italiacum, poi dopo aver boicottato il referendum contro l’Italicum subito dopo  vuole l’Italicum contro il proporzionale ,ora di nuovo il proporzionale contro il maggioritario! Insomma vota con tutti,F.I., Lega, Verdini ecc…basta che vota CONTRO il PD!  Poveri voi che avete votato CONTRO l’unica legge che faceva enorme chiarezza il referendum !!

Mi chiedo solo se l’odio per Renzi che pervade la sinistra tutta possa essere il leit motiv della politica italiana attuale al punto di arrendersi a Grillo .

Stiamo parlando di politici o di pettegole ? Non mi sento rappresentata da nessuno di questi saltimbanchi che giocano a fare politica sulle nostre spalle !Dall’alto dei social troneggiano, guerreggiano  … tutto  per motivi personali .Mai uno scatto di orgoglio … vergognatevi
Mostra altro