Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
Blog di bezzifer

"Chi blocca il cambiamento è minoranza"

31 Marzo 2014 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA

"TAGLIEREMO SENATORI E UFFICI DEL SENATO"

Se politica fa come lo struzzo, tutti a casa"."Non so se ci sarà il lieto fine, ma questo è un buon inizio. Basta con i rinvii". Così il premier Renzi dopo il Consiglio dei ministri che ha dato il via libera al ddl costituzionale di riforma del Senato e del titolo V, con riduzione di numero dei parlamentari, soppressione di Cnel e nuove Province. L’ok è arrivato all’unanimità. "E’ una grandissima svolta per lapolitica e le istituzioni".

Non è più tempo di tergiversazioni inutili, di discorsi paludati, di si/ma/forse/no, avanti tutta Renzi..il Paese ha urgenza di essere profondamente riformato in tutti i campi, che questo sia solo l'inizioUn'altro scalino , della lunga e ripida scala delle riforme , uno alla volta si arriva in cima.
Quando Grillo vincerà rimetterete il doppio cameralismo e l'esercito di senatori, così la gente come voi avrà il miraggio di qualche poltrona in più per fare carriera politica nel M5S.OK La strada è lunga e molto difficile, ma la direzione è giusta. Adesso vedremo chi è che vuole cambiare solo a parole, e chi lo vuole fare nei fatti.Io non capisco una cosa sinceramente. Un movimento con il 25% di eletti non si esprime affatto su queste riforme. Contrario , critico niente. Assurda sta cosa. E.Non votate più Grillo, il tonnarolo voleva aprire le scatole e ha perso l'apriscatole, Si stà rivelando il più strenuo conservatore dello status quo...non votatelo mai più. e solo una perdita di tempo. Non vuole cambiare nullaeeRenzi dice ai partiti e ai giornali: se queste riforme non le fate fare a me che vi sono amico e mi legate le mani e me lo impedite, quando me ne sarò andato, avrò spaccato il mio e i vostri partiti, allora sarà Grillo a farle, perché il paese le vuole e le aspetta da tempo. Ma le riforme di Grillo non saranno sicuro come le mie.Così, piaccia o meno, li ha imbottigliati tutti.E' del tutto inutile che cerchino di fare melina, se non lo votano Renzi si dimette così poi vedremo se alle prossime elezioni quei signori prenderanno un voto o se faranno la fine di Sel o di Ingroia. Se dovesse accadere il M5S così com'è non esisterà più e Renzi fa in tempo a presentarsi con la parte maggioritaria del PD e vincere le Elezioni perché lo voteranno in massa.Si vede proprio che ce l'hanno con lui, hanno avuto tutto il tempo necessario per discutere su questa storia (più di 10 anni) e non hanno mai concluso nulla come non hanno concluso nulla per le altre riforme.
Mostra altro

Il cambiamento è l'arma per battere il populismo

31 Marzo 2014 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA

 


Quello che bisogna aver il coraggio di dire è, non solo che basta, ma che spetta a noi delegittimare le "unzioni". Scrivere, dire e ripetere che il metodo del nemico di comodo su cui convogliare l'indignazione fasulla e pelosa dei moralisti d'accatto, per nascondere la difesa dei privilegi, non paga più.Dopo anni che seguo la politica, mi sento abbastanza sicuro nel dire questo: i politici che fanno eccessivo ricorso all'idealismo e al conservatorismo ideologico sono quelli che hanno paura di confrontarsi con altri e con la realtà...paura di perdere le proprie certezze o di alterare loro stessi. Devo dire che nel nostro paese si osserva sempre una sorta di conservatorismo ideologico, soprattutto a sinistra, per cui si sente sempre il bisogno di eleggere o indicare degli "oracoli", siano essi giornalisti, costituzionalisti, magistrati, ecc e si ritiene obbligatoria "l'unzione" di questi per legittimare una qualsiasi scelta politica. Poi, sempre a sinistra, c'è una fortissima componente di rosiconi che non vedono l'ora di tendere trappole e agguati all'esponente di turno, si chiami Bersani, Renzi o chiunque altro passerà per di là...penso di parlare per molti quando dico che siamo stufi di tutto questo; siamo stufi di avere certi politici che scambiano i media per sfogatoi privati facendo sparate che dovrebbero invece rivolgere direttamente ai propri colleghi di partito...basta. Dobbiamo uscire da una palude e dobbiamo lavorare, e sporcarci un po'...difendere il conservatorismo ora è come essere sul Titanic a chiedere se le scialuppe sono divise per classe.Argomentazioni ragionate che dovrebbero almeno limitare il blaterare di tanti conservatorismi che si difendono meglio pensando che i cittadini sono immaturi e hanno bisogno di una rete di tutele (le loro). Al di là di opinioni legittimamente diverse, quel che non si può accettare è l'avvertimento di stampo mafioso-non ci sono i numeri-. Da dove arriva tanta tracotanza? Non dovrebbe essere imparziale? E' chiaro che più il processo riformatore si fa stringente e ravvicinato e più escono allo scoperto i ragni che tessono la tela della conservazione che ha bloccato l'Italia. Spero che tutto il PD si dimostri all'altezza della sfida e sia in connessione sentimentale con le aspirazioni dei cittadini italiani. Non oso pensare all'ondata di antipolitica che farebbe tanto comodo al qualunquismo berlusconiano-grillino.Certo, cassare l'Italicum e con esso tutti i sistemi che possano garantire la governabilità, cassare tutto quello che può tagliare le unghie ai fasci e alla corporazioni e hai populisti, cassare tutto quello che riguarda il principio fondante della democrazia: cioè che la maggioranza ha potere decisionale, cassare tutto, certo, a cominciare dalla Carta che ha permesso , con tutti i suoi artificiosi pesi e contrappesi che l'Italia non potesse mai avere un governo in grado di Governare. Non siamo arrivati dove siamo per eccesso di autoritarismo. Ci siamo arrivati in seguito al fine strategico di quelli, i Padri, che disegnarono un esecutivo in balia del Parlamento e degli umori mutevoli dei componenti della maggioranza. Altro che tutela delle minoranze! Tutela dei faccendieri e dei Grasso di turno. I conservatori sono quelli che vogliono mantenere questo status quo. Un'Assemblea Costituente, sarebbe necessaria, ma non ci sono le condizioni politiche per metterla in piedi. Affidiamo il compito alla destra,a grillopoli o ha legopoli e ai liberal? Chi sarebbero? Siamo seri! Il punto dolente di tanti bravi, onesti commentatori è che non sanno di cosa scrivono. Vanno dove li porta il cuore, è bellissimo ma non risolve alcun problema.

Mostra altro

Mago Belino(CASALEGGIO) e Lord Blog(GRILLO) hanno deciso senza consultare nessuno che l’M5s sosterrà l’appello diLibertà e giustizia denominato “la svolta autoritaria

31 Marzo 2014 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA

Possibile che tra i seguaci di Beppezedong non ci sia NESSUNO in grado di seguire un filo di ragionamento? Quello che si dice, può piacere o meno, è il ritratto di una realtà in cui due persone, dalla sera alla mattina, decidono cosa fare in nome delle convenienze del momento. Punto. Se Renzi avesse fatto la proposta di tenere il Senato, sarebbe stato accusato di non cambiare e viceversa. Peccato, possibile che l'unica ricetta sia in mano a Beppe, e graziaddio, qual è questa ricetta? Deve consultarsi sul web con trentamila persone? e chi non è d'accordo? che fa? paga la multa? E adesso mi aspetto le Guardie Rosse pronte a bastonarmi... Loro e il loro conducator sono gi unici ad aver compreso tutto. Non mi sono MAI venduto e non mi sono bevuto il cervello ma state perdendo il senso della realtà. Vi limitate a guardare l'ombelico, ma c'è qualcuno tra voi che lavora? ha qualche impegno? studia? o siete solo pronti a bastonare?."Io ho una certa pratica del mondo; e quella che diciamo l’umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz’uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i GRULLI 5S. Pochissimi gli uomini; i mezz’uomini pochi, ché mi contenterei l’umanità si fermasse ai mezz’uomini… E invece no, scende ancor più giù, agli ominicchi: che sono come i bambini che si credono grandi, scimmie che fanno le stesse mosse dei grandi…E ancora più giù: i pigliainculo, che vanno diventando un esercito… E infine i GRULLI 5 S: che dovrebbero vivere come le anatre nelle pozzanghere, ché la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre… Il livore è inarginabile, incontrollabile vero?E questo non vi permette di prevedere a quale fine indegna state andando incontro.Sai cosa vi dico? Faccio finta che tutto quello che sputate sia vero. (faccio finta, sappiamo come sono andate le cose).Quello che Grillo e molti Grulli 5s non sembrano aver capito e' che gli Italiani sono arcistufi di dover sempre dire No e sperano, incrociando le dita, che stavolta dire Si li porterà' da qualche parte.Magari dite anche delle cose verosimili, e dai suoi articoli, se ne può trarre qualche spunto di riflessione.Ma come la moglie tradita, carica di risentimento, voi siete incapaci di vedere, ciò che c'è di buono. Buono che pesa infinitamente di più, rispetto al pelo sull'uovo che va sempre cercando, o alla pagliuzza nell'occhio altrui.Vi prego, se il politico M5S vuole fare, inizi ad esprimersi su altri temi, prenda posizione su temi generali...chessò: lavoro, esteri, corruzione, conflitti d'interessi, debito pubblico, Euro, Nato, Ukraina, Venezuela etc etc...Insomma cerchi di esistere brillando di "luce propria".

PS:ho letto Padellaro, Scanzi, Colombo, Sara Nicoli, ecc., ecc. scrivere ogni giorno qualche cosa di molto aspro contro Renzi. Sino a questo post non avevo letto assolutamente nulla in merito alla sparate di Grillo sul vincolo di mandato, inclusa la reclamizzata e assurda multa da 250.000 euro, ben più vulneranti la Costituzione della modifica del Senato. Ora danno la parola ad un ex M5S che verrà coperto di insulti, come sta avvenendo, e loro, i "giornalisti" del FQ, ne usciranno puliti e democratici. Furbetti o no?.

Mostra altro

«Basta professoroni, il Senato lo cambio»

31 Marzo 2014 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA

«No, il Senato non sarà più elettivo»

Renzi striglia Grasso: «Lancia avvertimenti. Se la riforma non passa, mollo tutto. Ho giurato sulla Costituzione, non sui professoroni. Faremo il salario minimo»

 

Bravo Renzi,vai avanti e rottama le rendite parassite e le istituzioni che immobilizzano il Paese.Vai Matteo, non ti curare di questi baroni schierati a difesa dello status quo, fatto di privilegi e garanzie anacronistiche solo per loro e la loro base sociale(sempre meno numerosa), mentre milioni di giovani e meno giovani soffrono. Ormai sta gente è di un'altra era geologica...Rodotà, Camusso, Zgrebesky, Grasso, Vendola, Fassina, Cuperlo....siete da museo!!!. Renzi puo' anche avere torto su diverse singole cose, e certamente non e' esente da difetti, anche notevoli: il fatto e' che si confronta a sinistra con un paio di generazioni di falliti, tanto tromboni quanto inconcludenti,toglietevi dai piedi, nn fate nemmeno ridere ! Sentire dei comunisti disquisire di rispetto della democrazia é persino più disgustoso che sentire un nazista parlare di rispetto per la pace e la tolleranza !!!!.In vista del traguardo,l'esercito dei"non si toccaniente"si è improvvisamente ingrossato ed anche i più "furbastri" che erano rimasti nell'ombra sperando che tutto si risolvesse come al solito in un bel corposo inconcludente dibattito,sono stati costretti a farsi avanti.Tutta gente con la pancia più che piena,che ci hanno stordito e preso per i fondelli per decenni con le loro tavole rotonde,quadrate,ellittiche,ma ben attenti a che lo "status quo"fosse saldamente immutabile.La riforma di Renzi non sarà la migliore del mondo,ma spezza finalmente questo cerchio di papponi parolai furbacchioni,e sentire uno come Grillo gridare l'allarme per la democrazia,uno che fa espellere dal suo movimento chi osa appena dissentire dal suo verbo,mi fa venire i conati di vomito.Forza Renzi,mena a più non posso,con tutti i mezzi legali a disposizione.Mi sembra che Renzi faccia sul serio ed abbia ragione, certo che fa rabbia a chi le cose che lui dice non è stato mai capace di farle e non ha avuto convenienza a farle. Rodotà e c. con tutta la loro saggezza e difesa della costituzione sono dei superati, la costituzione non è mica il libro sacro, ha avuto modo di nascere così in una determinata situazione che ora è differente- anche chi ha fede nel libro sacro oggi non crede più che il mondo sia stato creato in sette giorni- E poi la perfetta realizzazione della democrazia la pretendiamo proprio da Renzi? E' stato democratico il modo di governare della prima e seconda repubblica? Semmai solo formalmente. Vogliamo o no tener presente il vecchio detto che chi pialla fa trucioli?.Ritengo che la nostra carta costituzionale sia un capolavoro, ma nasce 70 anni fa, dopo una guerra mondiale e una dittatura. All'epoca l'Italia doveva essere ricostruita, l'analfabetismo era elevato e i collegamenti difficoltosi. 70 anni dopo lo scenario è cambiato. Già dopo pochi anni dalla nascita della Costituzione, il diritto di voto venne esteso alle donne, segno che la Costituzione poteva essere adattata ai nuovi tempi. Ecco, allora, che oggi non hanno più senso Regioni autonome o a Statuto Speciale, Provincie e altri organi di collegamento tra i piccoli comuni e l'autorità centrale (oggi connessi grazie internet). Ecco che non serve più un bicameralismo perfetto, che produce solo ritardi nell'emanazione di leggi e burocrazie inutili. Il Senato, così come disegnato dai padri costituenti va riformato per le nuove esigenze. Punto e basta. Poi che sia elettivo, non elettivo ecc. non ha importanza ma la Costituzione Italiana deve essere adattata ai nuovi tempi e alle nuove esigenze di tagli al carrozzone pubblico. Dimezzare parlamentari non basta, occorre un taglio ai privilegi e una lotta vera elle spese inutili. Chi rema contro è solo attaccato alla poltrona e non vuole il bene della Nazione.Finalmente un Governo che ha un programma veramente riformatore e che cerca di realizzarlo in tempi rapidi. Quanti anni abbiamo dovuto aspettare, fra i problemi giudiziari del pregiudicato e i bizantinismi di una sinistra terrorizzata dal prendere decisioni e dalla possibilità di governare?.

Mostra altro

Alla Annunziata, che gufa contro Renzi sin dall'inizio, nemmeno pare vero che Grasso abbia difeso il Senato.

31 Marzo 2014 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA

Lo scontro sul bicameralismo è politico, non tecnico.

Non credo che Grasso sia così stupido da fare un'uscita del genere il giorno prima del dibattito parlamerntare senza motivo. O lo è-stupido- e allora è meglio che se ne vada. Secondo me parla per bocca del grande vecchio Napolitano che conservatore lo è di certo, magari in buona fede perchè crede che con due camere uguali ci sia più democrazia. Ma con i partiti e i parlamentarei che ci troviamo, basterebbero anche solo 50 senatori per riprendere le attuali manfrine sulle leggi da approvare. Forse Renzi sbaglia, forse fra qualche anno sarà peggio di com'è ora, ma almeno ci prova a cambiare, Poi i costituzionalisti dell'ultima ora stiano buoni, la costituzione prevede un senato delle autonomie o no?.NO! Grasso a essere a rischio è la tua poltrona non la democrazia. Non sono il numero delle camere a stabilire meno o più democrazia ma le leggi che promulgano.Niente paura, era ampiamente previsto che i parrucconi si mettessero di traverso. A me sembra che Grasso abbia perso una buona occasione per tacere. Esternazioni a tempo per cercare visibilità appannata. Non dico che le sue considerazioni siano sbagliate ma poteva discuterne nel partito o in altre sedi appropriate magari con dibattito pubblico. Comunque può sempre dimettersi se ritiene che le sue idee siano in contraddizione con quanto proposto dal suo partito, rispolveriamo un pò di coerenza.Al senato il voto è palese ed il presidente non vota, per questo chiacchiera e fa il portavoce dei dissidenti incollati alle poltrone. Argomentazioni ragionate che dovrebbero almeno limitare il blaterare di tanti conservatorismi che si difendono meglio pensando che i cittadini sono immaturi e hanno bisogno di una rete di tutele (le loro). Al di là di opinioni legittimamente diverse, quel che non si può accettare è l'avvertimento di stampo mafioso-non ci sono i numeri-. Da dove arriva tanta tracotanza? Non dovrebbe essere imparziale? E' chiaro che più il processo riformatore si fa stringente e ravvicinato e più escono allo scoperto i ragni che tessono la tela della conservazione che ha bloccato l'Italia. Spero che tutto il PD si dimostri all'altezza della sfida e sia in connessione sentimentale con le aspirazioni dei cittadini italiani. Non oso pensare all'ondata di antipolitica che farebbe tanto comodo al qualunquismo berlusconiano-grillino. Dopo anni che seguo la politica, mi sento abbastanza sicuro nel dire questo: i politici che fanno eccessivo ricorso all'idealismo e al conservatorismo ideologico sono quelli che hanno paura di confrontarsi con altri e con la realtà...paura di perdere le proprie certezze o di alterare loro stessi. Devo dire che nel nostro paese si osserva sempre una sorta di conservatorismo ideologico, soprattutto a sinistra, per cui si sente sempre il bisogno di eleggere o indicare degli "oracoli", siano essi giornalisti, costituzionalisti, magistrati, ecc e si ritiene obbligatoria "l'unzione" di questi per legittimare una qualsiasi scelta politica. Poi, sempre a sinistra, c'è una fortissima componente di rosiconi che non vedono l'ora di tendere trappole e agguati all'esponente di turno, si chiami Bersani, Renzi o chiunque altro passerà per di là...penso di parlare per molti quando dico che siamo stufi di tutto questo; siamo stufi di avere certi politici che scambiano i media per sfogatoi privati facendo sparate che dovrebbero invece rivolgere direttamente ai propri colleghi di partito...basta. Dobbiamo uscire da una palude e dobbiamo lavorare, e sporcarci un po'...difendere il conservatorismo ora è come essere sul Titanic a chiedere se le scialuppe sono divise per classe.Ecco perche bisogna aver il coraggio di dire è, non solo che basta, ma che spetta a noi delegittimare le "unzioni". Scrivere, dire e ripetere che il metodo del nemico di comodo su cui convogliare l'indignazione fasulla e pelosa dei moralisti d'accatto, per nascondere la difesa dei privilegi, non paga più.

PS:Tutta questa faccenda mi pare la solita pantomima, il M5S( oops, Grillo e Casaleggio, ma non esito a pensare che i loro fanatici approvino ogni "puzzetta" mediatica del duo) che firma gli appelli dei "congelati" 80enni, che improvvisamente diventano "difensori della democrazia. Grasso, che pur di fare lo sgambetto a Renzi si erge a difensore del "già visto tutto" perchè se i senatori, o una parte vengono eletti, non si capisce perchè debbano essere eletti i serie B, che non possono parlare ne' dire nulla su nulla, poi, il tecnicismo, se vengono eletti in elezioni regionali, non sono eletti? Il non detto è che serve sempre un Senato, o una seconda camera , dove avere una maggioranza diversa, che fa saltare quello che decide la prima, altrimenti perchè non usare gli stessi identici criteri cosi che chi vince in una camera vince sicuramente anche nella seconda?A iniziare dal problema del fatto che alla camera si vota a partire dai 18anni invece al senato solo da 25anni, cosi' al senato si tolgon di mezzo i voti dei giovani che non vanno certo a "Partiti dei pensionati" e simili, mi pare che pur di prendersi la soddisfazione di mandare a sbattere Renzi, si sia disposti a tagliare come al solito il ramo, prima si tolga di mezzo questo poi si discuta di tutto, specialmente nel PD, ribadisco che a me Renzi non è particolarmente simpatico.

Mostra altro

Riforme, Grillo e Casaleggio firmano appello Zagrebelsky: “Svolta autoritaria”

30 Marzo 2014 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA

 


http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/03/30/riforme-grillo-e-casaleggio-firmano-appello-zagrebelsky-rodota-svolta-autoritaria/931396/

 Vabbe' ma dov'è sta novità. G&C sono gli avversari politici di MaxLeprotto, ovviamente fanno di tutto per metterlo in difficoltà. Quello che mi preoccupa è: dove cavolo andiamo con questo Paese abborracciato e tenuto insieme con lo sputo?.
Io vorrei sapere da qualche grillino come si fa a parlare di "svolta autoritaria" e a firmare un documento in tal senso quando, contemporaneamente, ci si augura la svolta più autoritaria di tutte, cioè l'introduzione del vincolo di mandato, presente solo nei pseudo parlamenti delle più bieche dittature. Infatti, tra l'altro, detta introduzione obbligherebbe tutti i parlamentari a seguire fedelmente gli ordini del Capo, pena l'espulsione dal Parlamento: più autoritario di così?,io non condivido la preoccupazione per la svolta autoritaria per la riforma del Senato anche se una qualche funzione di contrappeso da parte della Camera alta è giusto che rimanga ma ho il massimo rispetto per Rodotà, Zagrebelsky ecc... sostengono da tempo che la Costituzione va bene così com'è e basta. ma che questi due figuri di Grillo e Casaleggio che hanno appena proposto una maxi penale di 250.000 € a chi dissentirà dai loro voleri, beh che si mettano a difendere la costituzione queste persone è come nominare Dracula ai vertici dell'Avis.Posso capire rodotà, zagrebelski e tutti gli altri che stavano aspettando il momento per andare in senato a occupare le poltrone e così rischiano di non andarci ... ma GRILLO!!!! colui che ha sempre attaccato la casta adesso la difende?.Certo, leggere che due oscuri signori abituati a gestire nell'ombra una bella fetta della politica italiana, che hanno appena emesso un proclama in cui si fa carne di porco di un principio base della Costituzione, quello del non vincolo di mandato per i parlamentari, un proclama in cui si afferma che i loro eletti europei saranno prigionieri politici, affiancati e sorvegliati a vista da due scherani, e che gli stessi eletti saranno ridotti sul lastrico se si azzarderanno a ragionare ed agire di testa propria a Bruxelles, leggere che questi due compari hanno appena firmato una petizione a difesa della Costituzione Italiana mi induce in una condizione tra il riso e il pianto...Non dubito che gli illustri costituzionalisti che hanno lanciato l'accorato appello respingeranno decisamente e immediatamente questo appoggio peloso.
PS:Zagre/ski e Rodotà OK ! Ma di quei due ne farei a meno !perchè oggi è carne e domani , forse sarà pesce !.Cari signori Zagre/ski e Rodotà se procedete da soli arriverete certamente alla meta che vi siete prefissata, ma con quei due per la strada son capaci di...bucarvi le gomme !
Non è gente affidabile, non ha ideali !Va beh parlano di svolta autoritaria due soggetti non eletti da nessuno e non candidati a niente che gestiscono il partito come se fosse cosa loro, che auspicano la "dittatura sobria" e che vorrebbero modificare la Costituzione in numerosi punti fondamentali dall'abolizione del divieto di vincolo di mandato alla possibilità di promuovere referendum riguardanti trattati internazionali. ma lo fanno o li sono ?.Grillo sta diventando sempre più patetico. Le Istituzioni, per lui, diventano "intoccabili" o "inutili" a seconda dei giorni e delle convenienze del momento.Si autoproclama "padrone assoluto del M5S" decidendo quando e a chi dare il simbolo (con tanto di multa di 250.000 euro a chi "trasgredisce") e poi dà dell'"autoritario" a chi semplicemente (e giustamente) vuole abolire il bicameralismo perfetto.
Se a guardare le partite in Parlamento sono gli altri, sono dei "ladri ruba soldi dei cittadini", se lo fanno i suoi è "roba da poco"...
Lo stesso atteggiamento, ovviamente, ce l'hanno i griIIini più convinti. Per fortuna sempre meno.

Mostra altro

Vi sono molte e buone ragioni per lavorare sulla proposta di Matteo Renzi

30 Marzo 2014 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA

 


Ci siamo, quando si arriva al dunque, i nostri bravi conservatori (di poltrone,si intende) vengono allo scoperto. Ammantando di humus ideologico i loro discorsi, ci stanno chiaramente dicendo: Non azzardatevi a toccarci le poltrone. il povero Renzi si e' preso una bella rogna. Ho paura che sarà' dura staccare quelle cozze dai scogli.Che ridere. Se Grillo avesse proposto la stessa cosa di renzi sareste qua a abbaiare contro chi osa sostenere il contrario. Comunque vediamo un po?: "Risparmi maggiori si possono ottenere riducendo il numero dei parlamentari e le loro indennità". E perché mai? Perché lo dici tu M5S? Intanto tu M5S proponi di mantenere entrambe le camere, mantenendo quindi gli stessi costi di gestione, In cambio però proponi di ridurre il numero dei parlamentari, che è esattamente ciò che sostiene Renzi che però sarebbe Wanna Marchi. Ah, ma tu M5S proponi di ridurre parlamentari di entrambi le camere, chè una cosa migliore sempre per la stessa argomentazione, cioè perché lo dici tu M5S. Quindi Renzi diminuisce davvero i parlamentari e abbatte i costi del senato, se Grillo lo appoggiasse la riduzione verrebbe approvata nel minor tempo possibile, però è meglio votare contro, dire le solite baggianate teoriche, mantenere lo status quo e il bicameralismo perfetto che ha distrutto l'Italia, Complimenti. A te Wanna Marchi ti fa un baffo.Forse la gente non ha capito che Renzi non ha MAI parlato di abolire il Senato, ma di abolire il bicameralismo perfetto. Grasso non si discosta molto da quello che dice Renzi, salvo il fatto che secondo Renzi non dovrebbe esserci alcuna elezione per il Senato, ma i senatori dovrebbero essere esponenti delle amministrazioni locali (regioni e comuni)."Nessuno parla di abolire il Senato. Al posto di Renzi farei quello che sta facendo lui, lavorando con tutte le mie forze per superare il bicameralismo perfetto, diminuire il numero dei parlamentari, semplificare l'iter legislativo""Il Senato, nella visione di Grasso con Repubblica "non dà la fiducia, non si occupa di leggi attuative del programma di governo, nè di leggi finanziarie e di bilancio".
Il Senato attuale non e solo costa in termini di stipendi a senatori e personale (e questo sarebbe il male minore, dal mio punto di vista), ma soprattutto ci costa in termini legislativi, perchè il doppio passaggio Camera-Senato per l'approvazione di una legge fa sì che ci voglia una vita prima di poter avere una legge approvata, oltre al fatto che possono esserci casi di governi con maggioranze diverse tra Camere e Senato, con ulteriori problemi. E questo, purtroppo, è uno dei tanti motivi per cui, tra l'altro, siamo perdenti nei confronti di altri paesi che hanno invece procedure legislative molto più rapide delle nostre. Quindi, per me Renzi fa BENISSIMO! dobbiamo adeguarci ai tempi che sono cambiati, non possiamo pensare che tutto quello fatto decenni fa, con condizioni diverse, possa ancora andare bene oggi.
Vi sono molte e buone ragioni per lavorare sulla proposta di Matteo Renzi e provo a riassumerle:
1) un senato espressione delle regioni dovrebbe aiutare a costruire uno stato 
finalmente rispettoso delle autonomie locali. In periferia si sono fatti molti danni, ma sono poco o nulla rispetto a quelli che potrebbero derivare dal neo-centralismo statale che si sta iniziando a sentire in giro. Il falso federalismo della Lega si è dimostrato un vicolo cieco, ma il ritorno alla Stato dei Prefetti e dei Ministeri sarebbe una cura di gran lunga peggiore del male..
2)un Senato che rifletta i rapporti elettorali nelle regioni, con forti poteri di controllo e la possibilità di votare per l'elezione del capo dello stato, i giudici costituzionali ed i membri laici del CSM, mitigherebbe i rischi di deriva autoritaria insiti in un sistema maggioritario (obbligatorio in questa fase storica) che porterà la maggioranza assoluta della camera elettiva a forze che potranno avere anche meno del 40% dei voti.
3) Sarà anche demagogico ma dobbiamo riconoscere che diminuire di un terzo il numero dei parlamentari eletti risponde ad una domanda forte dei cittadini italiani.
4) Aggiungo che in questo modo la Camera dei Deputati potrà continuare ad avere i circa 600 componenti attuali, con un rapporto più corretto e diretto tra eletti ed elettori di quello che avrebbe diminuendo di molto il numero dei deputati. Perché la democrazia vive anche di questo.

Mostra altro

Grasso: non abolite il Senato.

30 Marzo 2014 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA

Ho assistito alla mezzora del presidente Grasso con Lucia Annunziata, abile a frammentare gli interventi dell'interlocutore e sviarli in un labirinto periferico. In essenza, Grasso non è riuscito ad esprimere l'idea che ha di Senato, si è continuamente scusato in proposizioni incidentali ingarbugliate giurando di essere riformista. Evvia! Abbia il coraggio delle sue idee, certamente più ricche e utili alla repubblica di quelle di quanti vogliono risparmiare gli spiccioli per sprecare il capitale. Risparmio? In fondo un senato di gente rispettabile e saggia democraticamente eletta potrebbe lavorare anche a titolo gratuito. Perché no? Hanno avuto già tanto dalla collettività e sarebbe ora di renderlo. Ma allora si scoprirebbe quello che i rottamatori temono: il controllo delle loro velleità.


Ho assistito alla mezzora del presidente Grasso con Lucia Annunziata, abile a frammentare gli interventi dell'interlocutore e sviarli in un labirinto periferico. In essenza, Grasso non è riuscito ad esprimere l'idea che ha di Senato, si è continuamente scusato in proposizioni incidentali ingarbugliate giurando di essere riformista. Evvia! Abbia il coraggio delle sue idee, certamente più ricche e utili alla repubblica di quelle di quanti vogliono risparmiare gli spiccioli per sprecare il capitale. Risparmio? In fondo un senato di gente rispettabile e saggia democraticamente eletta potrebbe lavorare anche a titolo gratuito. Perché no? Hanno avuto già tanto dalla collettività e sarebbe ora di renderlo. Ma allora si scoprirebbe quello che i rottamatori temono: il controllo delle loro velleitHo assistito alla mezzora del presidente Grasso con Lucia Annunziata, abile a frammentare gli interventi dell'interlocutore e sviarli in un labirinto periferico. In essenza, Grasso non è riuscito ad esprimere l'idea che ha di Senato, si è continuamente scusato in proposizioni incidentali ingarbugliate giurando di essere riformista. Evvia! Abbia il coraggio delle sue idee, certamente più ricche e utili alla repubblica di quelle di quanti vogliono risparmiare gli spiccioli per sprecare il capitale. Risparmio? In fondo un senato di gente rispettabile e saggia democraticamente eletta potrebbe lavorare anche a titolo gratuito. Perché no? Hanno avuto già tanto dalla collettività e sarebbe ora di renderlo. Ma allora si scoprirebbe quello che i rottamatori temono: il controllo delle loro velleità.

Resti un'assemblea di eletti e ladri mangia a ufo (alle spalle del popolo).

La casta si fa concava e convessa,si appella alla costituzione,quando mai il senato è stato migliorativo di qualcosa,è una lobby nè più nè meno della camera,è popolato dalla stessa gente desiderosa di essere ricandidata,accumulare vitalizi e flirtare con le lobby.Se ne togli uno di 'sti carrozzoni si risolve il problema al 50%.Ma NIENTE camerette,monolocali per autonomie che in questo paese para fascista non esistono e non sono mai esistite.Tagliamo una testa dell'idra politica senza se e senza ma tagliamo anche 200 deputati totalmente pleonastici.Infine eliminerei le regioni che sono una beffa in uno stato centralista peggio della corea del nord.lo vedete appena si tocca qualcosa arrivano i vecchi soloni a dirci che la costituzione più bella del mondo non si deve toccare, che se si forma una maggioranza chiara in parlamento è un rischio per la democrazia,tutto deve rimanere così com'è,è il giochino degli ultimi 30 anni,ci siamo stufati.
poi arriva davvero il dittatore che di imperio cambia le cose, come sempre succede quando il sistema è irriformabile.E' inevitabile che "prove" di cambiamento sollevino polemiche e critiche, ma solo con il cambiamento si può sperare in una Italia diversa da quella che è oggi. Non c'è altra strada .. restare immobili sarebbe prolungare l'agonia di una Paese che non ha capito di come sia cambiata l'Europa e il mondo che lo circonda.Purtroppo, si in Italia che altrove ci si dirige sempre più nel verso opposto allo sviluppo democratico. Per i poteri che si servono dei politici da dietro le quinte è più facile comprare una persona (un dittatore, o simili, frutto di plebisciti) che comprarne molte, frutto di sistemi fortemente parlamentari. Infatti, per le superpotenze, nella storia dell’umanità, le democrazie sono spesso state un ostacolo ai loro interessi, perché i risultati elettorali possono essere imprevedibili e si deve iniziare nuovamente un lavoro persuasivo, spesso corruttivo, di troppe persone. Per questo, per esempio, gli Stati Uniti d’America in passato hanno spesso sostenuto le dittature nel’America Latina, persino addestrando le squadre della morte contro tentativi di democratizzazione. La miglior democrazia non è ne plebiscitaria ne rappresentativa, è invece partecipativa; che quest’ultima sia di difficile realizzazione non ci deve far pensare che non sia possibile: quante cose nella storia dell’umanità sembravano impossibili e oggi le diamo per scontate. Un esempio per tutti, la schiavitù: vi fu un tempo che questa faceva così tanto parte della vita che persino gli schiavi la ritenevano normale.Ho assistito alla mezzora del presidente Grasso con Lucia Annunziata, abile a frammentare gli interventi dell'interlocutore e sviarli in un labirinto periferico. In essenza, Grasso non è riuscito ad esprimere l'idea che ha di Senato, si è continuamente scusato in proposizioni incidentali ingarbugliate giurando di essere riformista. Evvia! Abbia il coraggio delle sue idee, certamente più ricche e utili alla repubblica di quelle di quanti vogliono risparmiare gli spiccioli per sprecare il capitale. Risparmio? In fondo un senato di gente rispettabile e saggia democraticamente eletta potrebbe lavorare anche a titolo gratuito. Perché no? Hanno avuto già tanto dalla collettività e sarebbe ora di renderlo. Ma allora si scoprirebbe quello che i rottamatori temono: il controllo delle loro velleità.

Mostra altro

Il mondo delle illusioni, caro Scanzi, non e' frequentato solo dai renziani.

29 Marzo 2014 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA

Le 10 tavole della frignatina renziana.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/03/29/le-10-tavole-della-frignatina-renziana/930698/

Sapete qual è la differenza tra Scanzie e Sallusti?E. Che lavorano per due datori di lavori diversi. Per il resto sono uguali. hanno lo stesso stile, la stessa scorrettezza, la stessa disonestra intellettuale, ed entrambi non sono giornalisti.SI.Scanzi: sara bravo ma è ...un disco rotto !

-Condivido il pezzo di critica ai 'tifosi' di Renzi ma mi sembra che quasi tutti questi punti possano andare bene anche a tanti altri 'tifosi' di altri Leader Maximi della nostra politica !
- Leggo un pò di imbarazzo in Scanzie , ha capito che 'canta stonando' quando dice : su Grillo quando sbaglia lo critico, al punto che un giorno sì e un giorno no lui e Yoko Casaleggio sfanculano me e Il Fatto.
-Allora caro Scanzie spieghi a tutti quei critici che l'accusano di essere ...sparito da questo giornale per 15 gg consecutivi e ci dimostri che è stata solo una 'coincidenza' se è accaduto quando sono successe le ultime 4 'pulizie etniche' dentro il M5S !
-Capiamo che fosse imbarazzante per lei smentire l'intervista uscita su questo giornale ad uno dei fondatori del MU del Grillo di Palermo che confermava che il documento di sfiducia utilizzato da Grillo era falso !!! 
-Meglio rimanere in silenzio per 15 gg e ricomparire a bocce lontane sguainando la Spada della libertà e con il solito ritornello !!!
-Attendiamo fiduciosi il suo prossimo pezzo, le propongo un titolo:Le 10 tavole della frignatina grillina!.

Renzi non è il mito di nessuno (ma perchè dovrebbe esserlo?). però è l'ossessione di Scanzi, uno pseudo giornalista da bar che scrive sempre lo stesso articolo, in genere aggiungendo qualche insulto (l'ultimo era ciccia bomba). anche questo simpatico estratto, che cosa aggiunge? Ecco, da un giornalista indipendente (ma è un problema ormai del fatto in generale) uno si aspetta una valutazione dei fatti, non delle antipatie personali di cui non frega niente a nessuno.Quando vuole, Scanzi scrive cose toste, perspicaci, spiritose. Purtroppo, qui si lascia andare allo sfogo bilioso, autoreferenziale, casereccio, da vajassa di vascio. Sara' colpa dei troppi vini acidi che in questi giorni gli tocca di assaggiare...Allora vediamo di stilare il decalogo dell'ossessione di Scanzie nei confronti di Renzi:

1. "Renzi è l'emulo grasso di Mr Bean, l'ebetino di Rignano sull'Arno": gran belle argomentazioni, devo dire.
2. "Renzi è come Berlusconi": peccato per un piccolo dettaglio: non controlla tv, giornali, squadre di calcio, etc...
3. "Renzi è un vecchio democristiano travestito": e quindi? Cosa c'entra col suo operato?
4. "Renzi s'è inchinato davanti a Obama": sempre meglio del Patacca che aspetta che se ne vada per criticarlo
5. "Renzi non vuole essere criticato": mi ricorda qualcuno, uno che espelle parlamentari o fa firmare multe in bianco da 250.000 euro
6. "Renzi non sta facendo niente, è tutta scena": intanto ha avviato verso l'approvazione una legge elettorale e la riforma delle province. Ed è solo 2 mesi che è al governo.
7. "Renzi servo della Merkel": quando un capo di governo viene accolto con favore da altri leader europei, ovviamente è uno zerbino. Mica come Beppe che gliele avrebbe dette, eh, se gliele avrebbe dette (da dietro un cordone di poliziotti)
8. "Carrai pagava l'affitto a Renzi": bene, nessuna ipotesi di reato nè indagati. Proseguiamo oltre.
9. "Renzi è di destra": come Tofalo che urla "boia chi molla" dai seggi del Parlamento?
10. "Renzi dice le bugie": beh è in buona compagnia, pensando alle biowashball, scie chimiche, Gaia, rettiliani, etc...L'ineffabile Scanzi coltiva tenacemente l'illusione che possa bastare: 

- una "sobria e disincantata" invettiva al giorno,per togliere un ingombrante concorrente di torno.ORA bingo, anche scanzi ha fatto 10. e vabbene.E vabbene, all'ingrosso, pure quello che scrive : i mantra dei renziani pressapoco sono quelli.( l'originalita' nei commenti politici non e' un must : ma non solo per i renziani, bisogna aggiungere) all'ingrosso e pressapoco, perche' poi se uno legge scanzi il mantrismo assume dimensioni colossali. e non dico i soliti riferimenti culturali alla bar roxy (che pure se vogliamo, caro scanzi, cominciano ad avere un sapore un po' da flippati).A cominciare dal mantra numero 1 : io sono un giornalista e il mio mestiere e' quello di informare.Certo, come se vivessimo sulla luna. come se i giornalisti non facessero parte della partita politica, e pure in primissima fila. io non sono un renziano incallito ma non ho manco scritto giocondo sulla fronte. non c'e' bisogno di un grande ingegno per capire, anche solo dai titoli, dove ti vuole portare l'informazione di un giornale piuttosto che di un altro.

il mondo delle illusioni, caro scanzi, non e' frequentato solo dai renziani.

Mostra altro

Renzi: “Governo? Rischio l’osso del collo. Ma obiettivo 2018 Pd al 40%”

29 Marzo 2014 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA

 

Il presidente del Consiglio: "Tra 4 anni punto a portare la disoccupazione sotto al 10%". Ma accusa: "C'è un esercito di gufi e rosiconi che spera che l'Italia vada male". Grillo? "Niente guerra, competizione tra chi vuole mettere in moto l'Italia e chi fa in modo che le cose non vadano"

Il premier Matteo Renzi è ospite in diretta a "Bersaglio mobile", il programma in seconda serata condotto da Enrico Mentana. "In questo ultimo mese - racconta il Presidente del Consiglio - mi è cambiato tutto. Da andare in giro in bici, senza scorta né niente, nell'ultimo mese la vita a Palazzo Chigi è cambiata parecchio". Renzi se l'è poi presa con - parole sue - "gufi e i rosiconi che remano contro l'Italia". "C'è un elemento - spiega - di natura politica molto importante. Quando vai agli eventi internazionali, tu sei un rappresentante di un paese che è l'Italia. C' è un esercito di gufi e rosiconi che spera che l'Italia vada a male. Invece io spero che l'Italia possa stare meglio. Quando vai agli incontri internazionali non c'è nessun elemento personale e rappresenti la voce e la rabbia del popolo".Renzi che è anche segretario del Partito Democratico si pone un obiettivo alto per il proprio partito: "Alle prossime elezioni del 2018 dobbiamo arrivare al 40%". Per le Europee il premier si pone un obiettivo meno ambizioso: "Migliorare il 25% delle ultime politiche".

Condivido c'è il tentativo di calpestare la speranza in un cambiamento; mi è venuto a noia vedere solo il lato negativo delle cose che peraltro è sempre stato molto visibile per me che avevo lo stomaco ed il coraggio di vedere. Non mi aspetto miracoli, ma oggi desidero aver fede che l'Italia possa migliorare e non mi farò toccare da nessuna opinione pregiudiziale.Condivisibile , tutto quanto , se riesce a concretizzare anche il 50% , nei tempi giusti , sarà una mezza rivoluzione (positiva) , che cambierà in meglio l'Italia e le nostre vite , e soprattutto quelle dei nostri figli e nipoti.In un ipotetico confronto tra Renzi e Grillo al momento, secondo me, sarebbe in vantaggio il primo, sotto diversi aspetti.Da un punto di vista dell'immagine, da un lato c'è una persona che ispira fiducia e positività, che dimostra coi fatti che si impegna, se non a risolvere tutti i problemi italiani, per lo meno a rilanciare il paese (ma bisogna dargli il tempo: anche Dio, per la Creazione, ci mise i biblici sette giorni, e aveva molti più mezzi di Renzi). E comunque, di passi, in poco più di un mese, ne sono stati fatti parecchi.Dall'altra, un ex comico (che assomiglia sempre più a un vecchio satiro) che arriva anche a negare se stesso pur di restare in groppa alla sua creatura (prima tuonava per l'abolizione di province e Senato, ora che questi obbiettivi sono a portata di mano, vota contro).Molti dei suoi elettori hanno votato M5S per avere cambiamenti...che sta realizzando il PD. Anche per quanto riguarda la faccenda del nome nel simbolo (cosa a cui sarei contrario) i sondaggisti hanno sentenziato che il nome di Renzi sul logo del PD 'varrebbe' oltre 2 punti percentuali di votanti.L'unica cosa che non accetterei mai è che, tra venti anni, un Renzi invecchiato e consunto, obbligato dagli eventi a farsi da parte, insistesse per inserire il nome Renzi nel simbolo (magari quello della moglie o di uno dei figli....). La 'governance' di un partito non può e non deve essere ereditaria...A buon intenditor...

PS:La domanda sarebbe da riproporre: "in questo ultimo ventennio dove sei stato?". Per cosa ti opponevi? Che cosa non ti piaceva di Berlusconi e di come faceva le sue leggi? Ricordo tantissime proteste su disegni di legge farlocchi e decreti-immagine che agivano da pura compagna elettorale. Parlando seriamente, io vorrei capire se oltre al fare le cose si capisca anche che cosa si sta facendo e se piace ciò che si sta facendo. A te piace questa legge elettorale? Cosa ne pensavi del porcellum?.Secondo te le province verranno abolite? Cosa ne pensi della corte dei conti e della commissione bilancio e dei loro avvisi?.E' NORMALE che una sfilza di costituzionalisti scrivano un appello contro queste riforme indicandole come accentratrici del potere?.Per favore, per una volta, qualcuno risponda. Ma risponda veramente senza insulti o tifi da stadio. Aggiungo.Renzi non è mai stato seduto a Montecitorio , è Pres. del Consiglio da circa un mese , e già lo criticate a prescindere! Diversi provvedimenti già sono stati "strutturati" ma stranamente non li vedete. Ma in questo ultimo ventennio dove siete stati ? Su quale pianeta avete abitato ? Non ha la bacchetta magica : si potrà iniziare a fare valutazioni tra alcuni mesi : un pò di onestà intellettuale non guasterebbe. Diversamente .Perciò.Io dico sia molto più probabile che il m5s sia completo crollo di consensi, per completa inerzia ed inefficacia parlamentare, come si è già potuto accertare, nelle ultime elezioni regionali ed amministrative, come Friuli, Molise, Roma, e Sardegna . Anche alle scorse amministrative, la media del cinque stelle si aggirava intorno al 22% e poi nelle urne sono letteralmente scomparsi. Ormai non sono più la novità e la gente ha capito di che pasta son fatti, e non li và più a votare anche sopra­­­ttutto per le dat­­e disastrate finanze pubbliche e la crisi che ancora imperversa, la gente ha capito che il voto dato a loro per il parlamento europeo sarebbe completamente inutile, dato che non vogliono alleanze ed al massimo con il maggior successo possibile potrebbero conquistare 20-25 europarlamentari, inutili in un parlamento di 700, cosa conterebbero? niente.

 

Mostra altro
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 > >>