Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
Blog di bezzifer

Cento politici condannati o indagati La legge anti-corruzione è in mano loro

30 Settembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA

 


Tra Camera e Senato, oltre un parlamentare su dieci ha o ha avuto a che fare con la giustizia
Risultato: dovrebbero votare norme più severe contro i reati di cui vengono spesso accusati

 Sarebbe bello che oltre a non essere pregiudicati, coloro che dobbiamo chiamare onorevoli fossero anche uomini e donne eticamente corretti.  Un piccolo esempio: fare la cresta sui voli Roma -Bruxelles per mettersi in tasca 800€ a volo, magari non sarà un reato, ma di sicuro è riprovevole.Se poi l'autore del gesto si erge come baluardo della legalità viene quasi da ridere.Allora, io sogno un Parlamento di gente onesta......ma...cavolo nella lista vi sono anche alcune reati un po' ridicoli...

Il problema dell'Italia è che se un ragazzo fa una scemenza se la porterà avanti tutta la vita, i violenti, quelli veri, i ladroni e i dirigenti che abusano della cosa pubblica tornano sempre a galla perché amici degli amici dell'amico di...non deve diventare una caccia alle streghe se no si vanifica ogni cosa, gli italiani devono imparare a portare il conto a chi realmente deve pagare.SAPETE COSA ha detto l’avvocato di Silvio Berlusconi, Piero Longo, a Report: “Il Parlamento deve essere la rappresentazione mediana del popolo. Perché dovrebbe essere migliore?”. Mia osservazione (di un semplice cittadino):Allora è giusto che un parlamento debba essere imbottito di delinquenti e fare (o essere tentato di fare) leggi a favore dei delinquenti? E, ciò non violerebbe la nostra Costituzione che dice , tra l'altro, che l'Italia è una repubblica fondata sul lavoro? Mica sui delinquenti siano essi ladri, bancarottieri, concussori, tangentisti, etc. etc.51 della PDL un record poi molto staccati lega nord ,PD UDC e altri mica male un parlamento di pregiudicati per questo che IL PDL non vuole una legge più severa ,se ci fosse il falso in bilancio il parlamento italiano perderebbe il 60 % e le regioni il 70 % a casa ladroni.C'E'  UN PERICOLO DIETRO L'ANGOLO…: i cittadini SI stanno rendendo  conto che con le “buone” sarà molto difficile uscire da questa palude  specialmente quando, per approvare una sacrosanta legge anti-corruzione,  ad essere decisivo  è proprio il voto del  partito degli inquisiti e condannati. A tutti coloro che si indignano ( giustamente ) si indigneranno ancora di più stasera davanti alla TV vedendo Report, vorrei solo ricordare che in Parlamento giace una proposta di legge da 5 anni con 350.000 firme (compresa la mia) in pochi giorni, dove tra l'altro si chiede l'elezione diretta dei parlamentari e il massimo di due mandati . Legge che è stata completamente ignorata non solo dai partiti, ma da tutti i media perchè diciamo le "parolacce". Ricordatelo a chi ora si riempie la boccuccia tentando una nuova verginità .Morale della storia : Promuoviamo leggi che secondo i parlamentari sono ingiuste e cosi' facendo saremo sicuri di ottenere giustizia .....Ci sarebbe poi la morale della morale ........., ma e' meglio lasciar perdere !
Mostra altro

“Cavaliere, lei è in debito con me”. Ecco la lettera del ricatto di Lavitola a Berlusconi

30 Settembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA

 


Senatori comprati e dossieraggio su FiniLavitola elenca tutti i servigi a Berlusconi

Venti pagine in cui l'ex direttore de L'Avanti! mette sotto scacco l'ex premier con una serie di richieste in denaro e soprattutto elencando le tante promesse non mantenute dall'allora presidente del Consiglio: "Entrare nel governo o nel Parlamento europeo o almeno nel Cda Rai"; ottenere comunque "un incarico importante all'inizio del 2010; "collocare Iannucci nel Cda dell'Eni"; "nominare (Paolo) Pozzessere almeno direttore generale di Finmeccanica"


E' saltato il coperchio dalla pentola e adesso sta' saltando fuori quello che ogni Italiano mediamente intelligente e colto  gia' sapeva. Adesso sarebbe veramente bello che quegli Italiani che ci hanno regalato Berluskoni per 20 anni portandoci alla rovina al posto di nascondersi nella mela alzassero la mano e pagassero il conto. Anche io ho un sogno come "tanti politici" l'Italia libera da Berluskoni, dai suoi servi, e dai politici ladri di qualsiasi colore.
Che novità ha raccontato lavitola che già non  sapevamo?.Di quanto e falso e disonesto una persona? Di quali compagnie "per bene" si circonda? Di quanto sono disonesti e senza moralità i politici che, come vacche al mercato, sono passati da una stalla all'altra?.Di quanto sono capaci a scrivere e dire falsità i suoi avvocati? 
Di sicuro lavitola, sia pure nella sua "sgrammaticatura" e disonestà, è molto più "pulito" di un "piattoloso" che vuole ritornare a governare gli italioti.Adesso (E senza aspettare le calende greche), bisogna accusare il nano di corruzione, falso e false documentazioni, esportazione di capitali all'estero,diffamazione ed altro. Auspico che da mastella, dini e vacche comprate (scilipoti, razzi ecc) venga tolto loro ogni beneficio economico spettante dalla carica di parlamentare e l'inneggibilità perpetua da ogni incarico in Italia.Purtroppo, questi miei sogni, rimarranno solo tali in quanto, a finire in galera, saranno sempre e solo i poveri disgraziati.Ma, se la legge della natura è giusta, (e con queste persone DEVE esserla), se ci sediamo sulla sponda del fiume, prima o poi, vedremo galleggiare le loro carogne imputridite........ E così sia!.
Ed i bravi direttori dei suoi giornali, vogliamo assolverli per la "libertà di stampa?"
Ne hanno vendute parecchie di copie con la "casa di Montecarlo"....... i falsari   (Totò e Peppino).......
Del contenuto della lettera, delle modalità con cui questa lettera compare si possono stupire solo Massimo Franco e pochi altri. Questa lettera era evidentemente un'assicurazione sulla vita per Lavitola e lo scopo per cui è stata scritta non era certo quello di recapitarla a berlusconi ma di renderla pubblica nel momento in cui Lavitola si sentisse abbandonato al suo destino. E questo è puntualmente avvenuto. Di questo però uno dei principali giornalisti del principale quotidiano italiano si stupisce affermando che la realtà a volte supera la fantasia. Probabilmente la realtà in cui il Massimo Franco vive è quella della Pimpa o di Tom e Jerry. Gianfranco Fini invece commette un nuovo errore politico/dialettico, offrendo l'ennesimo assist ai berluscones per spostare l'attenzione (attività in cui sono maestri) dallo scritto di lavitola all'accusa di corruttore che lui rivolge all'innominabile.Autentico oppure no, quel documento parla di fatti noti ai cittadini informati. Non serve che Lavitola ci sveli quello che sapevamo, ma abbiamo fatto finta di non sapere. Vorrei chiedere agli italiani della destra, della Lega o di centro, ai cattolici  praticanti, alle persone che si considerano perbene,  che in questi 20 anni hanno fornito al nano catramato il consenso necessario per governare questo povero paese: come potete cancellare questa vergogna ? Come è potuto accadere che la soglia della decenza sia stata più volte stravolta da un ceto politico inqualificabile e moralmente indecente, sotto gli occhi benevoli di gran parte dei cittadini, mentre l'opposizione faceva di tutto per perdere o si voltava dall'altra parte o era distratta, o non era presente in aula e nelle commissioni al momento del voto ? Come abbiamo potuto tollerare tutto questo,  le leggi vergogna, mai cancellata una dai governi della c.d.  sinistra, il vergognoso conflitto di interessi, il disprezzo per la verità ("mi hanno male interpretato"), la cialtronaggine, l'indecenza dei profili professionali, l'impresentabile curriculum di molti di questi figuri ?  Adesso è il momento della riflessione. Gli italiani riflettano sulle proprie responsabilità di cittadini, sulla mancanza di senso civico e democratico che ha portato molti di noi a credere che uno squallido figuro sull'orlo del fallimento, forse un delinquente, arricchitosi con metodi poco limpidi, circondato da ruffiani e servi, potesse guidare il paese ? Auguri, Italia.
Mostra altro

La Germania fuori dall'euro? Merkel contro Berlusconi: "Assurdo"

28 Settembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA


Berlino risponde a B.: "Germania fuoridall'euro non è un dramma? Assurdo" 

La Merkel non ha evidentemente capito che quella di Berlusconi era solo una battuta di spirito. Ma come sono duri di testa, questi tedeschi.MI SA CHE I Tedeschi iniziano veramente a perdere colpi se perdono tempo a rispondere a questo clown, che sentenzia sciocchezze solo prima di ogni elezione e per il resto del tempo vivacchia, fa danni enormi, pensa solo ai propri affari e a non andare in galera (che è il posto che più gli compete).Se qualcuno subentrando  a Prodi non avesse sciolto i comitati di controllo dei prezzi  sul passaggia da lira ad euro, forse i cittadini   partivano meno svantaggiati rispetto agli altri Paesi che invece hanno svolto un controllo. Inoltre se questo Paese  fosse stato gestito con responsabilità,ora ci troveremmo in linea con i paesi virtuosi , i quali a prescindere dal momento, riescono a garantire ai cittadini stipendi  e welfare di qualità.Qui non solo si è sperperato allegramente da decenni sulle spalle del popolo, ma si continua a farlo con una sfrontatezza senza limiti e sempre sulla pelle dei più deboli.E, vero , che con l'euro siamo diventati schiavi dei banchieri. Ma Berlusconi farebbe meglio a tacere. perché lui ha l'Italia ha fatto molto piu' danni dell'euro.E vero i soldi non li stampa più lo Stato. Gli euro lo Stato li deve chiedere alle banche private a cui la BCE fornisce il denaro. Se non li stampa, il governo li deve chiedere a chi ce li ha attraverso il prelievo fiscale. Se tutti pagano le tasse e nessuno ruba o spreca il pubblico denaro, il bilancio dello Stato può andare anche in attivo ed investire . Il problema è che chi ha i soldi, se proprio deve pagare, vuole che siano tutti a farlo per non passare per fessi. Allora ecco che Berlusconi ti diventa un fautore del ritorno alla sovranità monetaria nazionale per essere sicuro che tutti pagheranno attraverso l'inflazione, provocata dall'aumento della massa monetaria. Un sistema per far pagare a tutti indirettamente con la stessa aliquota, ricchi e poveri. Non gli piace proprio la via della lotta per una maggiore integrazione europea ed una trasformazione della BCE in finanziatore di ultima istanza. Per quella strada le tasse dovrà pagarle sul serio ed in modo progressivo e si rende necessaria una vera lotta alla corruzione ed alla evasione fiscale. Tutto stridore per le sue orecchie, per cui viva la Germania che vuole imporre una omogeneità fiscale europea ed una coesione sociale continentale.MA E' solo un vecchio patetico rimesso a nuovo e pulito a lustro per sembrare disperatamente più giovane,questa è la sua vera malattia egli  non accetta la vecchiaia,la morte,la fine. Il suo discorso privo di logica  e razionalità con frasi e idee rubate quà e là,un po'Grillo,Renzi,opinionisti vari, senza alcuna base economica e finanziaria, incavolato perchè gli italiani si rifiutano di comprare motivo: possono spendere solo fino a 1000 € in contanti, c'è il redditometro e hanno paura di dichiarare la spesa, senza pubblicità gli italiani non sono invogliati a comprare prodotti di marca,non possono acquistare casa  perchè c'è l'IMU, hai notato solo le sue cose, quindi vendita di immobili, pubblicità e patrimonio, ma qualcuno gli dica che gli italiani non comprano più nemmeno al discount i soldi sono finiti, molti hanno perso il lavoro ad altri è diminuito e le tasse per colpa sua le hanno caricate tutte  a noi, si perchè,la famosa patrimoniale avrebbe colpito lui e i suoi ricchi amici miliardari, ma la cosa più tragica è che la sua maggioranza e lui hanno sostenuto Monti,quindi loro sono i colpevoli nè Monti,né il suo governo. E' un meschinello, ma ancora più idiotti saranno quelli che lo rivoteranno se decidesse di tornare in campo.

Mostra altro

Come si salva la politica

28 Settembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA


 

Come si salva la politica ? Bella domanda ! Si possono dare tante risposte, ma secondo me, prima di salvare la politica, bisogna salvare noi stessi. Perché siamo noi in primis ad essere malati, malati di potere, avidi di danaro, egoisti, ipocriti, falsi, bigotti, razzisti.Per un paese come l'italia dominato da sempre da regimi totalitari (monarchia, fascismo, attuale regime partitocratico post fascista) generici appelli all'onestà non possono sortire alcun effetto. Se poi demandiamo il cambiamento alle stessi criminali che oggi sono saldamente insediati nel potere otre al danno si aggiunge anche la beffa. Pensare che questo regime possa risolvere il problema della corruzione e della criminalità dilagante è come affidare alla mafia la riforma della giustizia. Per capire come uscire da questa situazione orrenda bisogna anzitutto individuarne la causa che è l'assoluta mancanza di democrazia in italia. Il primo passo verso la soluzione è quindi l'istituzione del referendum propositivo per cominciare a dare attuazione a quanto sancito (e mai attuato) nell'art 1 della Costituzione 'la sovranità appartiene al popolo'. Ogni altra soluzione è solo una presa in giro da parte di un potere che non ha alcun interesse a rinunciare a continuare a delinquere.Non ci sono formule magiche per il (bene di un paese che vuole stare nel novero dei paesi civili,) basterebbe solo L'ONESTA' e chi sbaglia PAGA ! Sono certo, che con questa massa di "politici" cialtroni non andrete da nessuna parte, specie se quelli che si dicono "onesti" tacciono le malefatte di altri membri di partito, perche' questo vuoldire semplicemente essere dei complici. Il resto, a mio modesto avviso, e' l'effetto di un popolo sfiduciato e diviso e perdita di amor di patria, ridotto a "credere" al primo che passa come: Berlusconi Bossi Grillo o "la nuova stella Renzi" di turno, invece di analizzare la pagella di cio' che ha fatto di buono o meno un governo alla fine del suo mandato. Questo e' cio' che noi di altre democrazie facciamo senza sconti a destra o a sinistra, invece di rivedere all'infinito il film di Toto' & Fabrizi Guardia e Ladro, mentre i corruttori e corrotti che hanno portato il paese allo sfascio se la spassano in liberta' ! E' ORA DI SVEGLIARSI AMICI !.La politica si salva se è capace di rappresentare un progetto specifico di società. Se la si vuole socialista o se la si vuole liberale. Le vie di mezzo, le scappatoie e i distinguo sono solo funzionali alla confusione politica e alla disaffezione da parte del'elettorato. Di li i mediocri partono per la loro scalata al potere.Purtroppo i referendum propositivi non sono previsti, la Costituzione prevede solo quelli abrogativi ed un cambio in tal senso devono farlo i Scillipoti, Farina etc. Qualunque sia la futura legge elettorale noi dobbiamo impegnarci ad evitare che entrino in Parlamento scellerati che poi devono decidere il nostro futuro. Come fare? Se nella lista di nostro orientamento (destra, sinistra etc) c'è gente impresentabile, e meglio  cambiare orientamento ci vuole preparazione competenza e onesta.SALVIAMO LA POLITICA E UN NOSTRO DOVERE.

Mostra altro

QUANDO SI CHIEDONO SACRIFICI A CHI LAVORA CI VOGLIONO : GRANDE CONSENSO, GRANDE CREDIBILITA' POLITICA E CAPACITA' DI COLPIRE ESOSI E INTOLLERABILI PRIVILEGI. Enrico Berlinguer

28 Settembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA


 

Non ci sono formule magiche per il (bene di un paese che vuole stare nel novero dei paesi civili,) basterebbe solo L'ONESTA' e chi sbaglia PAGA ! Sono certo, che con questa massa di "politici" cialtroni non andrete 

da nessuna parte, specie se quelli che si dicono "onesti" tacciono le malefatte di altri membri di partito, perche' questo vuoldire semplicemente essere dei complici. Il resto, a mio modesto avviso, e' l'effetto di un popolo sfiduciato e diviso e perdita di amor di patria, ridotto a "credere" al primo che passa come: Berlusconi Bossi Grillo o "la nuova stella Renzi" di turno, invece di analizzare la pagella di cio' che ha fatto di buono o meno un governo alla fine del suo mandato. Questo e' cio' che noi di altre democrazie facciamo senza sconti a destra o a sinistra, invece di rivedere all'infinito il film di Toto' & Fabrizi Guardia e Ladro, mentre i corruttori e corrotti che hanno portato il paese allo sfascio se la spassano in liberta' ! E' ORA DI SVEGLIARSI AMICI !.
 
Mostra altro

In Spagna scatta la rivoluzione..... in Italia tutti in fila per l'iPhone 5......

28 Settembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #SOCIALE

 

Incredibile quanti gonzi ci sono in giro, molti mangiano pane e cipolla ma vanno a far la coda per l'iPhone 5 a minimo 729 euro... Povera gente.E poi piangono perchè non arrivano a fine mese..MA neanche una manifestazione perché gente in politica ruba milioni delle vostre tasse. Buona notte Italia! Il giorno che ti svegli sará quando ti ritroverai in mutande ma col telefonino nuovo.Povera Italia.. Può andare avanti questo paese? Se si faceva l'annuncio su un posto di lavoro da assegnare, non si sarebbe fatta tutta questa fila. Siete ridicoli!!!Ecco i nuovi valori.Questa non è altro che l'ennesima conferma di un paese senza ragione e senza valori. Ritengo I-Phone un buonissimo telefono (sopratutto le versioni precedente, il 5 non ha apportato alcuna novità significativa) ma a prezzi assolutamente fuori mercato. Il consumismo estremo sta portando il popolo a non mangiare per possedere l'oggetto del momento da mostrare agli altri, per far notare al mondo quanto si è cool. Ma alla fine va bene anche così, il baratro è vicino e questi sono gli ultimi fuochi d'artificio. Appena la generazione degli anni 50 cederà il passo all'implacabile passare del tempo, ci ritroveremo ancora a fare delle file...ma per un tozzo di pane.Siamo ancora in grado di scendere in piazza o soffrire per qualche causa nobile?.Ce le faremmo 48 ore per difendere gli operai dell' Alcoa, quelli dell' Ilva, esprimere il nostro disprezzo per questa marmaglia abusiva al potere? Vedete Greci e Spagnoli?? SVEGLIA, il mondo consumistico si sta autodistruggendo.

Mostra altro

Regioni, sì ai tagli su stipendi e spese Ridotto numero di consiglieri e assessori

27 Settembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #POLITICA



Vasco Errani, presidente della Conferenza delle Regioni

La Conferenza delle Regioni ha messo a punto il provvedimento sui costi della politica tra cui la riduzione degli emolumenti per presidenti e assessori. Affinché possa avere il criterio di omogeneità il Parlamento dovrà apportare delle modifiche agli statuti speciali



 Nessuna creda alla loro buona fede. Solo che ora cominciano ad avere veramente paura. Che la pacchia a nostre spese possa finire. Ecco il motivo degli annunci dai media. Io penso però che sia per loro troppo tardi. Sono sempre troppi, guadagnano troppo, mangiano troppo in tutti i sensi. E non sono più credibili. P.S. Sui giornale invitate i cittadini a gridare il loro scontento. Perché cosa facciamo da anni? Posso dirlo? Se non fosse stato per quella che voi chiamate l'antipolitica  non sarebbe successo nulla : tutti conniventi con l'andazzo . Rimarrebbero i cavalli di frisia, ma non siamo un paese di rivoluzionari, perché poi è la bella vita che ci interessa soprattutto. E che la pasta non sia scotta. Altro che presa della Bastiglia come si dovrebbe avere il coraggio di fare.Ora stiamo assistendo a uno spettacolo mediocre di teatranti politici che cercano di superarsi uno con l'altro per abbassarsi le diarie, le spese politiche, gli stipendi e chi piu' ne ha ...... Ma ci sono anche gli interventi geniali tipo : " noi non abbiamo speso i soldi per le ostriche ma per i manifesti" e questo dovrebbe giustificare chi lo ha fatto. Ma quanto ci costano questi manifesti. Il vero problema è che di questa classe politica non si salva nessuno,perchè nessuno si è alzato per dire basta stiamo rubando. Si rubando, perchè noi Popolo italiano avevamo detto con un referendum NO al finanziamento ai partiti, e ,come al solito alla classe dirigente non importa niente del popolo. 
E' una pagliacciata. C'e' voluto l'ennesimo scandalo ( quello del Lazio ) per fare vergognare tutti questi parassiti. Il problema e' uno solo. Le regioni sono forse perfino peggio delle province. Questi qui hanno aperto uffici di rappresentanza a Roma ed al estero. Una regione ridicola come i Molise ha un ufficio di reppreesentanza a Bruxelles. L'emilia Romagna addirittura in Cina. La macchina piu' piccola usata e' l'audi 6. Maturano la pensione ( che , da veri senza vergogna , chiamano vitalizio ) dopo 5 anni di presenza in regione. Ci sono persone che non sono capaci neanche di gestire il pagamento delle bollette di casa che prendono stipendi da top managers. In Emilia Romagna si riuniscono tre volte al mese. Senza senso del ridicolo , i presidenti si sono autodefiniti '' governatori ''. Dovrebbero andare a lavorare . E' uno schifo . MA COME è POSSIBILE CHE GENTE SENZA NE ARTE NE PARTE POSSA GUADAGNARE TANTO QUANTO IL PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI GENTE CHE QUANDO LI SENTI PARLARE NON RIESCONO A COMPLETARE UN DISCORSO CHE ABBIA SENSO COMPIUTO ,SONO DI UNA IGNORANZA INDICIBILE CHE NON FANNO UN CAVOLO DALLA MATTINA ALLA SERA E SI VANTANO CHE LAVORANO PER IL PAESE CON GROSSI SACRIFICI.DETTO FRANCAMENTE DI ESSERE AIUTATO DA QUESTI SIGG. NON NE HO MAI AVUTO BISOGNO E CREDO CHE GLI ITALIANI SI SIAno stufati di essere aiutati ma solo a parole perche poi nei fatti se non fossimo noi a dargli il voto si morirebbero di fame.A mio modo di vedere in Italia siamo arrivati a un livello di privilegi e corruzzione a tutti i livelli, che è diventato un sistema di vita,come fare per cancellare questi sistemi se chi li deve elimare sono gli stessi che li hanno creati?Stiamo attenti perché una libertà cosi liberale su questo sistema una mattina ci si potrebbe svegliare con qualche brutta sorpresa e rifare un ventennio.Non sarebbe il caso di ripensare la costruzioni "federale" dello Stato, abolendo non solo le province, ma anche le Regioni sia a statuto ordinario che speciale? I sistemi di comunicazione sono evoluti e quindi anche un maggior accentramento di funzioni ha modi per rimanere "vicino" ai cittadini senza faraoniche sovrastrutture che non ci possiamo permettere ! Forza.Nell'ambito di una riforma globale sarà doveroso anche revisionare certi stipendi dei politici: vedi ad esempio il Presidente della Provincia autonoma di Bolzano che per gestire poche centinaia di migliaia di abitanti su un territorio di prati e boschi incassa oltre 25 mila euro AL MESE. E' eticamente insopportabile, non c'e' proporzione fra il lavoro che svolgono e lo stipendio che prendono, basti paragonare quelli che elargiamo noi italiani con quelli della vicina Germania per avere la conferma che questo nostro Paese ha espresso una classe politica di approfittatori senza alcuna vergogna.Sarebbe bellissimo essere in un Paese democratico dove il capo dello Stato, un signore anziano e di sinistra, incontrando un altro signore anch'esso di sinistra(Errani) decidessero che rappresentare il proprio Paese è il massimo dei privilegi e quindi pretenderanno che tutti quelli che GODRANNO di questo privilegio non siano stipendiati. Sinceramente quando Napolitano è stato eletto io ero felice. Si perchè finalmente avremmo riavuto un capo di Stato all'altezza del compito e soprattutto un uomo con una grande esperienza di sinistra. Poi è arrivata la crisi ed allora mi sono detto ora Napolitano li metterà tutti in riga sti politici, magari per dare un esempio dirà a camere congiunte che il Paese è sull'orlo del baratro quindi bisogna che gli Italiani facciano dei sacrifici, e per dare l'esempio, io prima di tutti non percepiro più nessun compenso per il mio ruolo. Credo che altri politici avrebbero fatto la sua scelta e gli Italiani avrebbero gradito molto e accettato i sacrifici.
Mostra altro

Monti: «Bis? Solo in circostanze speciali Pronto a servire ancora il Paese»

27 Settembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #SOCIALE


Monti: “Se richiesto sono disponibile al secondo mandato”

Il Presidente del Consiglio da New York ha spiegato di potere prendere in considerazione una nuova candidatura "in circostanze particolari e se richiesto dalle forze politiche in campo". Eppure lo scorso 8 settembre aveva assicurato che nel 2013 sarebbe finita la sua esperienza politica


Monti......se lei ha intenzione veramente di ricandidarsi se gli viene proposto, la prego di non andare a fare il presidente del consiglio solo per essere la marionetta dei vari
partiti che la sorreggono!!!!! E si', perché se lei deve andare a togliere le castagne
dal fuoco della casta e fare soltanto scelte impopolari che riguardano solo il popolo
e non quegli sciagurati che ci hanno governato finora, lasci perdere!!!! Si goda la
sua pensione!!!!!Se invece lei riga dritto su tutto cio' che serve per l'italia a cominciare da: Legge sulla corruzione, abolizione dei finanziamenti ai partiti (visto che c'è stato referendum per la loro abrogazione e sappiamo come è andata a finire); riduzione in modo drastico del numero delle regioni e riduzione dei loro contributi; legge sulla trasparenza e appalti pubblici. Insomma tutto cio' che serve per maggiore trasparenza e lotta alla corruzione...... Se lei vuol fare il presidente su queste tematiche e non sottostare ai diktac dei partiti che la sostengono al parlamento...... bene! Altrimenti lasci stare che è meglio. Tanto vedra' che quegli scellerati non le faranno fare niente che vada contro i loro interessi!!! Quindi che cosa ci va a fare??? 
Professor Monti...........se lei finora ha ricevuto pochissimi inviti a rieleggersi per un'altro mandato, e moltissimi inviti a non farsi piu' vedere è perché lei ha deluso gli italiani!!!!!!. Delusi perché si è dimostrato di ferro con scelte che colpiscono gli italiani; ma molle sulle scelte che avrebbero colpito gli scellerati che ci hanno governato finora......Le decurtazioni al popolo le ha fatte partire con procedura di urgenza (leggi pensioni);Le decurtazioni alle pensioni e vitalizi della casta alla prossima legislatura....... Le sembra equita questa???? E allora di che stiamo parlando?????
Andiamo sulla legge anticorruzione: non glie la faranno fare mai (almeno come la
vuole fare lei), abbia il coraggio di fare tutto cio' che lei crede vada fatto e se è di
polso ferreo ponga la fiducia!!!!! Vediamo chi si tirera' indietro!!!!!.Se fa così...... vedra' quanti inviti avra' a tornare!!!!!!! se no........ e una minaccia? hai tolto tutto ai lavoratori, hai messo la testa nella sabbia sui misfatti dei politici, in qualunque paese con un minimo di attributi la gente sarebbe scesa in piazza. In portogallo lo hanno fatto, la grecia anche, la spagna pure, e noi? aspettiamo la notte bianca per poter comprare l'iphone. Questo paese ha prodotto tipi loschi mascherati da statisti, li ha votati, ha permesso che spolpassero i lavoratori e questo individuo vuole riprensentarsi? magari con quella iena del ministro del lavoro. Vincerà monti, noi italiani non abbiamo un minimo di storia presentabile, traditori, vili, con la testa china ai lanzichenecchi, agli arabi, ai borboni, ai tedeschi. Comunque per vincere le elezioni dovrà essere candidato da qualcuno, e se quel qualcuno sarà bersani, allora tireremo le somme.
Come se non lo sapessimo già! Le sue sì, e no, e ma, altro non sono che farsi pregare ma con quello che stiamo attraversando in quanto non ci sono rimaste che le nostre gambe da tagliare, perché dovremmo gioire di siffatte notiziole, gettate così, come il grano agli uccellini perché becchino! Vogliamo andare al voto, sono mesi che lo stiamo ripetendo, noi abbiamo bisogno di ordine, sicurezza, rimpatrio di gente indesiderata, ancor di più alzare gli stipendi e le pensioni per far tornare a girare l'econimia. Cosa di cui non vi siete occupati affatto, non abbiamo bisogno promesse da marinaio all'ultimo momento. Ed, a proposito del "senatore a vita"...il Prof. ciurla nel manico, oppure non sa cosa dice la Carta Costituzionale:"Art. 59. È senatore di diritto e a vita, salvo rinunzia, chi è stato Presidente della Repubblica.Il Presidente della Repubblica può nominare senatori a vita cinque cittadini che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario."
Monti e' stato nominato tale PRIMA di aver "illustrato la Patria ..." ecc, non DOPO, come logica vorrebbe: dovrebbe sapere, e lo sa benissimo infatti, che la sua nomina e' stata dettata solo dalla voglia di chi ci si sta nascondendo certe verita e dietro la voglia di dargli una veste, superflua peraltro, di "parlamentare", visto che finora tutti i Capi dell'Esecutivo italiani sono stati scelti tra i membri di Camera e/o Senato... tranne uno: chissa' come si stara sentendo, l'altro Prof., che si e' visto cosi' negato l'alto emolumento di "senatore a vita"... Che farsa!.
Mostra altro

Se qualcuno vuole fare un referendum sull'euro, c'è da sperare che anzitutto siano spiegati bene agli italiani costi e benefici che in questi 14 anni l'euro ha dato all'Italia

27 Settembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #ECONOMIA


 

 Lo stesso si può dire per il fiscal compact: è dopo averlo già messo in Costituzione, che adesso dovremmo bocciarlo? Il modo confuso con cui procede il nostro "essere europei" (il sogno di tanti nostri antenati!) dipende in parte dal modo poco lineare, direi un po' a zig zag, con cui cresce l'integrazione europea. Nel giro di due anni, abbiamo avuto un centinaio di pagine di nuove norme: prima l'Europlus, poi il Six-pack, quindi il fiscal compact; infine il Two-pack. Immagino che poche persone – sui 330 milioni di individui che hanno in tasca l'euro – abbiamo letto (e capito!) tutte quelle pagine. E il sospetto è confermato dal diffusissimo errore con cui si cita l'impegno a tornare, in vent'anni, a un rapporto debito/Pil del 60%. Quante volte abbiamo letto che ciò significherà una «manovra di 45 miliardi all'anno» per 20 anni, cioè sufficiente a strangolare ogni  economia? Quando in realtà il trattato prevede che si torni al 60% con una riduzione annua pari a un «ventesimo dell'eccedenza» (i 45 del primo anno sono già minori l'anno dopo!). Ed è soprattutto da ricordare che il rapporto si riduce in modo virtuoso con la crescita, cioè con l'aumento del denominatore. A ben guardare, il tema è uno solo: come condividere un po' di sovranità fiscale, visto che abbiamo già messo in comune la sovranità monetaria e ci siamo accorti (ormai da 3 anni!) che la cosa non funziona. Come ha sottolineato a Londra il 26 luglio Mario Draghi, l'euro è un calabrone che vogliamo far diventare ape, perché così potrà volare nel rispetto delle leggi della fisica (e, aggiungo io, perché così avremo anche il miele, e non solo pericolose punture). In natura, queste cose non succedono e quindi occorre la buona volontà, e la speranza in un futuro  migliore, di tanti cittadini e dei loro Governi. In concreto, ricordiamo quali sono gli aspetti principali – di metodo e di contenuto – che caratterizzavano tutto questo insieme di norme: alcune sono regolamenti; altre direttive; altre ancora norme di rango superiore, cioè che appartengono a un trattato destinato in parte a essere Costituzione di ciascun Paese. La risposta non è agevole, perché se da un lato si fanno passi avanti nella realizzazione di un efficace coordinamento delle politiche di bilancio dei Paesi membri, si stabiliscono anche obblighi e divieti che avrebbero senso solo se la corrispondente sovranità fosse davvero trasferita ad un livello comune (come è avvenuto per la politica monetaria) e non soltanto "rinunciata". Questo è probabilmente il punto più controverso per la famiglia degli economisti: il fiscal compact riduce di molto la possibilità  di aumentare il debito pubblico di ciascun Paese. Il che può essere necessario per quei Paesi che ne hanno già da smaltire una dose eccessiva, il cui danno si ripercuote, con un vero e proprio contagio, sugli altri Paesi Ue. Ma proprio perché la sovranità non è un "diritto", ma un "dovere", è normale prevedere che possa essere trasferita, ma non che sia rinunciabile. Dopotutto, è solo per questo che il nuovo trattato ha ricevuto il nome di Fiscal compact, dove compact è qualcosa di più di pact. È stato infatti esplicitamente evocato il nome dato da Alexander Hamilton (segretario del Tesoro di George Washington) all'accordo con cui nel 1790 il Governo federale americano assume il precedente debito dei 13 Stati che allora formavano l'Unione. Almeno i tanti economisti keynesiani che da anni auspicano che la Bce si muova come la Fed, dovrebbero ricordarlo. Anche se  si comprendono da un lato le opposte preoccupazioni, di chi teme che con questo trattato "l'ape diventi un calabrone", cioè sia rovinato quel tanto di buono che finora la Bce ha saputo fare. E dall'altro, i timori che l'Unione resti priva di una politica per la stabilità macroeconomica, avendo in comune solo un "rigore" fine a se stesso. Non essendo peraltro più pensabile una politica keynesiana a livello locale: basta vedere il contenuto di importazione delle spese keynesiane (si fa per dire...) del Consiglio della Regione Lazio, per capire che se fai tu solo politiche di sostegno della domanda interna, finisci col fare regali agli altri Paesi!.

Mostra altro

Ha diffamato i giudici e peggio ancora la madre di una ragazza accusandoli di avere obbligato quest'ultima ad abortire. In realtà lei aveva deciso per prima l'aborto. Vi sembra una cosa di poco con

27 Settembre 2012 , Scritto da bezzifer Con tag #GIUSTIZIA


Caso Sallusti, la Cassazione conferma i 14 mesi di carcere, pena sospesa. Il giornalista: mi rifiuto di essere rieducato


Ha diffamato i giudici e peggio ancora la madre di una ragazza accusandoli di avere obbligato quest'ultima ad abortire. In realtà lei aveva deciso per prima l'aborto. Vi sembra una cosa di poco conto?.
Ancora un errore (voluto ?) perchè Sallusti NON E' stato condannato per un reato di opinione, ma BENSI per diffamazione a mezzo stampa. INIZIAMO ad intendere CHE questo è il reato?: La diffamazione, in diritto penale italiano, è il delitto previsto dall'art. 595 del Codice Penale secondo cui: « Chiunque, comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a euro 1032. Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a euro 2065. Se l'offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore ad euro 516. Se l'offesa è recata a un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ad una sua rappresentanza, o ad una Autorità costituita in collegio, le pene sono aumentate.»
Di che cosa si blatera in giro sui giornali e dai giornalisti e direttori dei giornali? Non c'è nessun attentato alla libertà di stampa, non c'è alcun reato d'opinione (non c'è nemmeno stata opinione, ma riferimento di fatti non accaduti e volutamente falsati). Al più si può dibattere sull'equità della pena relativamente al mancato controllo. Ma siamo certi che siamo di fronte a mancato controllo o non invece a diretta responsabilità del direttore Sallusti per un articolo anonimo e pertanto a lui riconducibile? Perchè mai il signor Sallusti non ha chiesto scusa e non ha ammesso l'errato riferimento dei fatti? Ci troviamo invece d'innanzi al'ennesimo attacco sprezzante e di parte verso la magistratura delegittimata da miriade di prese di posizione di "quella parte.Un'altra casta si risente. Il quarto potere. Siamo il Paese delle caste, dei politici, dei giornalisti, dei magistrati, dei taxisti, dei farmacisti, dei banchieri, dei manager pubblici e privati, dei ricchi, eccetera. Certo è che lavoratori dipendenti, pensionati, cittadini a medio e basso reddito (tar-tassati) non sono una casta ma plebe da spremere ben bene e su cui far ricadere ogni malanno di questa sciagurata Italia.
La solita cosa all’italiana. Se non succede il caso critico nessuno si muove. I casi di Taranto, delle Regioni, di Sallusti, insegnano. Tutt’un tratto si scopre che qualcosa non va bene, siano le leggi , i regolamenti, o l’applicazione di normative, ecc., ma che nessuno, i politici, o gli enti responsabili ha voluto o si è interessato di cambiare o di verificare, che nessuno si è preoccupato di confrontare le nostre condizioni con quelle esistenti negli altri paesi e questo nonostante si abbiano circa mille parlamentari, enti a go go, eccesso di amministratori locali, ecc., che questi casi evidenziano come totalmente inutili. Sì perché invece  di gestire e di prevedere quanto occorre al paese questi intervengono solo a tappare i buchi e a mettere tacconi ad un sistema disastrato.
Mostra altro
1 2 3 4 5 6 7 > >>