Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog di bezzifer

Eccolo la…guarda un pò a cosa servivano tutte ste indagini che non portano mai a niente… a entrare in politica… ingroia….de magistris di Matteo… mitici…tutte inchieste farlocche per costruirsi il profilo del candidato del politico incorruttibile contro tutti. Che schifo.Ma Di Matteo se lo ricorda che Grillo ha detto cose tipo “La mafia non esiste” o “La mafia ha una sua morale”, ogni volta che va ed è andato a fare campagna elettorale in Sicilia?

1 Giugno 2017 , Scritto da bezzifer

Nino Di Matteo non si sfila dalla politica ed elogia i 5 Stelle. “Per me un pm può fare politica” Il magistrato antimafia in odore di entrare nella squadra M5S per il governo.

Risultati immagini per Nino Di Matteo non si sfila dalla politica ed elogia i 5 Stelle.

Sarebbe meglio, come succede all’estero, che i magistrati non facciano politca. Per evitare strumentalizzazioni ed illazioni, spesso non veritiere ed inopportune, sul loro ruolo di magistrato. In ogni caso sono cittadini ed a nessun cittadino avente opportuni requisiti si può negare di fare politica. Soprattutto in presenza di induscutibili ed elevatissime conoscenze e competenze in settori importantissimi della vita pubblica. Detto questo non è tollerabile che i magistrati al termine della loro esperienza politica tornino in magistratura. Allora si sarebbero strumentalizzabili.

Bisogna soltanto equilibrare da un lato l’opportunità legata al fatto che si passa da un potere (giudiziario) ad un altro (legislativo) e il diritto da parte dell’eletto di conservare il posto di lavoro per quando il mandato elettivo sarà concluso.
Soluzione personale:i magistrati che cessano dalla carica di parlamentare devono essere mandati all’Avvocatura Generale dello Stato o al Consiglio di Stato.Oppure si danno alla libera professione.E comunque credo che anche saltare da pm al parlamento senza adeguato periodo di decantazione non sia opportuno.
E tanto meno fare il ministro. Che non è una carica elettiva ma una nomina.

E sono poco credibili sono quelli che amano comparire, soprattutto se lo fanno in modo parziale appoggiando in modo una parte politica qualsiasi sia. Essendo un potere indipendente dovrebbero esserlo davvero, Esempi fulgidi , ovviamente Falcone e Borsellino, poi apprezzabilissimi Boccassini bravissima , Cantone, Colombo Gratteri, Pignatone che sono sobri discreti e defilati . Non apprezzo i magistrati che si sono dati alla politica e sono diventati barricaderi in modo spudorato, tipo Emiliano , De Magistris per intenderci.

Mi sembra professionalmente valido, e come persona anche piuttosto sveglio: ha capito che dentro M5S c’è estrema necessità di gente competente e preparata, e si candida ad essere il prossimo Ministro della Giustizia; sempre se M5S dovesse vincere le elezioni …ma in politica servono POLITICI non servono astronauti, falegnami, magistrati o disoccupati. Ci servono po-li-ti-ci bravi! Un magistrato può tranquillamente fare il tecnico per un ministero e addirittura continuare la sua carriera in tribunale. Secondo me è una risorsa per il diritto oltre che per la giustizia, non è una risorsa in politica. Così farà la fine di Ingroia ottimo magistrato mediocre politico.Poi credo che M5S si trovi di fronte ad un dilemma di non poco conto. Arruolare gente capace può sicuramente dare maggiore credibilità alla loro candidatura al governo della nazione; il rovescio della medaglia, però, è che un Di Matteo, o chi per esso, non credo che si presti a fare il burattino in mano a Casaleggio jr. o a Grillo.
Quello che a me sembra più probabile, quindi, è che a Grillo o a Casaleggio freghi ben poco di quanto propagandato finora dal movimento: l’importante sarà raggiungere le stanze dei bottoni, e lasceranno mano abbastanza libera ai “tecnici” che avranno nel frattempo arruolato. Credo che se ne accorgeranno molto presto i “duri e puri” del movimento.

Condividi post

Repost 0

Commenta il post