Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog di bezzifer

Renzi ha visto la mala parata e fiutando l’aria fermera le macchine.

6 Maggio 2017 , Scritto da bezzifer

Renzi e gli «errori» del governo: non si va avanti così un anno

«Non è pensabile andare avanti un altro anno così». La tentazione di votare in ottobre e varare dopo la legge di Stabilita.

Risultati immagini per Renzi e gli «errori» del governo: non si va avanti così un anno

«Non è pensabile andare avanti un altro anno così»: è questa la considerazione che Matteo Renzi ha fatto con i fedelissimi dopo quello che lui considera l’ennesimo «errore» compiuto dalla maggioranza e dal governo sull’emendamento che riguarda il telemarketing. Per il segretario la misura è già colma. L’altro ieri, la legge sulla legittima difesa, che secondo lui ha sortito solo l’effetto di «far incavolare tutti». Ieri, invece, l’emendamento contenuto nel disegno di legge sulla concorrenza che elimina il requisito del consenso preventivo per le chiamate promozionali. «Un’altra norma – si è lamentato – che fa incavolare la gente». Perciò, visto che quel disegno di legge deve ora approdare a Montecitorio, ha chiamato il capogruppo del Pd alla Camera Ettore Rosato e gli ha detto di correre ai ripari: «Quell’emendamento è un errore, lo hanno voluto i Cinque stelle, che però poi si sono sfilati e adesso, se lo teniamo, lo mettono in carico a noi».

«Come vengono gestite le cose?»

Nel giro di un paio di giorni due episodi del genere hanno dato da pensare a Matteo Renzi: «Ragazzi — ha detto ai suoi il segretario dopo aver smaltito una nuova arrabbiatura — ma come vengono gestite le cose? Non si può continuare, un anno così confuso non lo reggiamo». È preoccupato l’ex premier, perché teme che certi «errori» possano influire negativamente sul Pd, dato ormai in aumento in tutti sondaggi. Il segretario non vuole pronunciare esplicitamente le fatidiche parole «elezioni anticipate», però ritiene che così non si possa andare avanti e dice: «Non sappiamo quando si andrà a votare, ma comunque dobbiamo farci trovare pronti». E comunque è aria di voto anticipato quella che si respira al Nazareno e dintorni. Un viceministro renziano la spiega così: «Adesso Matteo deve andare deciso per fare la legge elettorale, dicendo che bisogna mettere il Paese in sicurezza, dandogli un sistema elettorale che garantisca la formazione di un governo. Su questo fronte privilegeremo la soluzione che ottiene più facilmente una maggioranza. Se dopo questo tentativo non si riesce a fare una legge elettorale, bisognerà optare per un decreto che renda omogenei gli attuali sistemi della Camera e del Senato. E poi a ottobre si va a votare, anche se non sarà materialmente lui a staccare la spina al governo».

Condividi post

Repost 0

Commenta il post