Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog di bezzifer

Non è stato permesso ai 17 parlamentari europei grillini di avere 340 portaborse. Le loro famiglie sono numerose.

8 Marzo 2017 , Scritto da bezzifer

Il caso rimborsi Ue getta i grillini di Bruxelles nel panico. Aiuto e Agea si difendono ma nessun collega ci mette la faccia.

Il panico è evidente. La fuga M5S dal caso dei soldi europei, spesi non in modo consono, sembra coinvolgere l’interno gruppo grillino di Bruxelles, che si rinchiude in un silenzio tattico ma molto eloquente. Ogni eurodeputato ha una riunione urgente a cui andare per cui “non ho tempo per parlare di questa cosa”. Ci sono poi telefoni che squillano a vuoto e ogni eventuale parola in libertà viene vissuta come un rischio e come un pericolo per la ragion di partito. Il caso, sollevato dal quotidiano La Repubblica, riguarda in particolare due eurodeputate grilline, Daniela Aiuto e Laura Agea. La prima ha chiesto il rimborso di una mezza dozzina di studi sul turismo che le sarebbero serviti per svolgere l’attività parlamentare. “Peccato che siano risultati plagiati. Copiati da siti come Wikipedia.E questa e l’onestà grillesca. Per questi studi ha chiesto a Strasburgo un rimborso di svariate migliaia di euro”, si legge. La seconda indagine interna riguarda la parlamentare Agea, che ha assunto un assistente locale che dovrebbe svolgere un’attività legata al mandato europeo della deputata ma che in realtà è un imprenditore. Ciò suscita dubbi nell’amministrazione del Parlamento sulla conciliabilità della sua attività con quella di assistente parlamentare e per questo ci sono verifiche in corso.

A chiacchere so’ tutti boni, onesti e trasparenti, poi, come posso esurpano come o peggio degli altri. Basta vedere l’assalto ai municipi romani, amici e parenti pentastellati, tutti sistemati. La storia è piena di questi personaggi minori, ma tendiamo sempre a dimenticarcelo.Uno vale uno, onestà specchiata, rinuncia ad emolumenti esagerati, riduzione rimborsi… e poi si fa beccare per aver “copiato” da wikipedia quello che doveva essere uno studio (il lavoro del deputato europeo!), roba da chiedere di poter avere gente seria eletta in Parlamento Europeo invece che questi millantatori seriali…

Ora i GRULLI si sentono parte lesa. Interessante che dopo tre anni di attività a Bruxelles le sia sfuggito il “Servizio di ricerca per i deputati.”

Cito dal sito del Parlamento Europeo: “Il Servizio di ricerca per i deputati fornisce, tra l’altro: analisi e ricerche personalizzate, in risposta a richieste specifiche formulate da singoli deputati, riguardanti le politiche, le problematiche e la legislazione dell’UE, un ventaglio di pubblicazioni di analisi e di ricerca proattive (note “In sintesi”, note sintetiche, briefing, analisi approfondite e/o studi di più ampio respiro) su questioni e politiche dell’UE, nonché sessioni di briefing personalizzate per singoli deputati su qualsiasi questione relativa all’UE.”

Con un servizio così, per di più di ottima qualità, andare a spendere soldi pubblici per farsi fare un copia & incolla da Wikipedia è piuttosto da dilettanti.Vogliamo essere garantisti fino in fondo … aspettiamo che questi grillini mettano le mani sulle redini del paese e VI GARANTISCO che se le sporcheranno come e più di tutti gli altri! Ma Noooooo che dite, i 5stelline sono geneticamente vergini.Cazzo! Sono 4 gatti e ci sono due 2 giorni al potere….record.Gli euroscettici (di tutte le nazioni) non sono poi così scettici quando si tratta di intascare gli euro…In attesa di accertare se la marachella ci sia stata, vorrei solo fare una considerazione sul concetto di ruberia, che in maniera troppo liquidatoria viene attribuito solo ai politici corrotti: si ruba anche quando non si svolge adeguatamente un lavoro retribuito con soldi pubblici, nella fattispecie dei cittadini europei. Percepire un sontuoso stipendio per copiare, per di piú in maniera pedestre, materiale documentario utile a svolgere un mandato parlamentare, è un ladrocinio oltre che eticamente riprovevole.

– Dimissioni richieste per tutti meno uno.
Lo scandalo che ho definito della “vacca da mungere” per opera dei parlamentari europei anche oggi domina le pagine dei quotidiani e dei telegiornali. E’ davvero una azione vergognosa di “appropriazione indebita”, perpetuata fin dall’inizio dell’avventura europea da gente di tutti i paesi. Non poteva mancarci il nostro, definito “un mondo di ladri” dal grande Antonello Venditti. Con le mani nella marlellata sono finiti anche una deputata di Forza Italia, Lara Comi, appena 26 anni, che aveva nostalgia della mammina, e l’ha ingaggiata nel suo organico. E non poteva mancare una degna rappresentanza dei casti predicatori grillini. La cui eurodeputata, tale Daniela Aiuto, facendo onore al suo cognome, ha fatto ricorso a un originale aiutino, consistente nel copiare da Wikipedia una importante relazione sui temi europei, beccandosi poi il ricco contributo dalle casse di Bruxelles, grazie a un clic di “copia e incolla” che in venti secondi l’ha arricchita di alcune migliaia di euro. Ma la circostanza che meraviglia è che nessuno, dico nessuno, abbia finora chiesto le dimissioni, leggendo che il Vice-Ministro in carica Riccardo Nencini si sia appropriato di 455mila euro, sia stato invitato a restituirli, e non lo abbia fatto traccheggiando fino a raggiungere la maledetta prescrizione. I grillini silenti è un caso molto raro, come una ecclissi di Luna che se te la perdi stanotte tornerà fra millecento anni. E un Salvini, e una Meloni, e un Brunetta, forse erano in pausa pranzo, o a fare la pipì in un bar rimediato nel loro incessante girovagare? E dov’era il salace D’Alema, che ai socialisti in trenta anni di silenzioso servizio, non ha mai riservato un trattamento di favore. Visto il silenzio, mi faccio avanti io: caro Nencini, il malloppo ormai sei riuscito a salvarlo. E allora, dato lo scarso contributo che potrai offrire al vigente governo, fallo almeno tu ‘sto benedetto passo indietro, o se proprio non te la senti, fallo di lato, come l’attento Cuperlo suggerisce a tutti quelli che gli stanno sulle scatole. E non sono pochi.

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post