Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog di bezzifer

Maledetto Renzi Ha introdotta la tracciabilità dei buoni lavoro con un decreto attuativo del Jobs Act.

1 Marzo 2017 , Scritto da bezzifer

Nascono i gruppi del MDP, con un occhio al Campo Progressista di Giuliano Pisapia. Prima battaglia: referendum sui voucher.

A me sembra che l’unica fabbrica che funziona alla grande in Italia è quella che sforna in continuazione “cacicchi”,vecchi e nuovi,che non avendo la forza di avere altrimenti peso politico,si formano le loro bande e pensano così di avere voce in capitolo e condizionare il tutto.Qualche giornalista bravo,farebbe una bella cosa se ci potesse enumerare quante ne abbiamo tuttora,sia a destra come a sinistra,per mostrarci come siamo combinati.Sicuramente esce fuori una geografia politica da Terzo Mondo,che altro non è che lo specchio di come siamo noi.Quando sento le varie ricette di come fare per svilupparci,mi viene da ridere …o da piangere,perchè non tengono conto che non possiamo andare da nessuna parte così conciati…il cancro di base è vasto e profondo.Quando vedo e sento il giovanotto Speranza,mi chiedo chi gli ha dato quel nome. Mi chiedo senza uno sbarramento serio, quanti metri avrà la futura scheda elettorale.

Guardano , vedono,che qualcuno dovrebbe misurargli la vista probabilmente sono affetti da notevole miopia. Alla fine solo 20 deputati e qualche senatore, un esercito di pulcinella che si è unito ai compagni del mammo d’Italia, e a guardare bene sono un piccolo drapppello di quelli gentilmente regalati da Bersani alle ultime elezioni politiche con la desistenza in collegi importatnti. Parlano già di patrimoniane facendo finta di non sapere che lo 80% degli italiani possiede una casa, saranno tutti ricchi sfondati? mentre il ricco vitalizio regionale più gli introiti parlamentari del mammo d’Italia gridano vendetta, comunisti ma grossi benestanti con i soldi delle stato e per mantenere questi privilegi ci vuole pure la patrimoniale, urge una visita rapida dall’oculista perchè una volta messi in condizione di vedere bene gli italiani sicuramente vedranno come mandarli a raccogliere pomodori, attività onesta ma bisognosa di braccianti e loro sicuramente sono forze rubate all’agricoltura. Ma Cecilia Guerra quando era sottosegretaria al lavoro del Governo Monti si era accorta della Legge Fornero o a quei tempi si era distratta assieme all’allora segretario Pierluigi Bersani? Quando si suol dire memoria a geometria variabile.

In effetti tutti quelli che si sono ritrovati senza lavoro ed al contempo senza pensione grazie a quella meravigliosa legge sono finiti fra le fila degli assistiti sociali.
Comunque la domanda era per lo piu’ rivolta al caro Pierluigi, so che la Guerra conta pochetto, ma spero non si possa dire anche di Bersani. A proposito lei conosce la storia dei voucher? le faccio un breve riassunto:
2003 – Vengono introdotti con la Legge Biagi. Ministro del Lavoro è Roberto Maroni, nel secondo governo di Silvio Berlusconi
2008 – Entrano in vigore. Ministro del Lavoro è Maurizio Sacconi, nel quarto governo Berlusconi.
2012 – Vengono estesi a tutti i settori. Ministro del Lavoro è Elsa Fornero, nel governo di Mario Monti (appoggiato da Pierluigi ndr)
23 settembre 2016 – Viene introdotta la tracciabilità dei buoni lavoro con un decreto attuativo del Jobs Act. Ministro del Lavoro è Giuliano Poletti, nel governo di Matteo Renzi
19 dicembre 2016 – Viene annunciata la possibilità di ridefinire il confine dell’uso dei voucher. Ministro del Lavoro è Giuliano Poletti nel governo di Paolo gentiloni.

E siamo al solito ragionamento, a distanza di anni si torna sul passato e si analizza con gli occhi di oggi…a parte che tutti se dovessimo rivivere il passato conoscendo gli effetti eviteremmo almeno i comportamenti piu’ dannosi, ma quello che non si riesce a capire, e’ il nesso tra: ti attribuisco una vicenda politica in passato non sei credibile oggi…a me sembra insensato.

PS:Le prossime elezioni non rigurderanno solo la formazione di un governo, ma la strada che dovrà fare l’Italia: dentro o fuori l’Europa e l’Euro?. Gli schieramenti sono già delineati: da una parte i fautori del no al referendum del 4 dicembre, S.I. compresta, e l’altro schieramento è dato dal PD di Renzi e frange di centristi, Il no al referendum ci è già costato 220 miliardi di €. Ora gli anti renziani andranno contro Renzi e l’Europa? E se nel PD eleggerammo Orlando o Emiliano segretari porteranno anche loro l’Italia fuori dall’Europa?

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post