Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog di bezzifer

Sinceramente il problema di questo paese, siamo noi stessi.

15 Febbraio 2017 , Scritto da bezzifer

Siamo noi che abbiamo dato (volontariamente o meno) il potere ad una classe dirigente di inetti, non solo i “politici”, definizione inesatta di chi campa facendo un mestiere che non è un mestiere. Chi dirige, sovrintende, coordina, legifera, governa e gestisce la nostra vita. Credo che noi ultra cinquantenni abbiamo grandi responsabilità, abbiamo lottato poco, ci siamo ribellati meno, soprattutto abbiamo perso la radicalità, per chi l’aveva, invecchiando abbiamo sempre pensato più in piccolo, talmente in piccolo da pensare solo ed esclusivamente a noi stessi od al massimo alla nostra famiglia. Come è possibile avere lasciato una moltitudine di persone in mano ad una élite che fa l’imprenditore (non tutti), con i soldi degli altri, con i soldi dello stato, delle mafie, degli amici e degli amici degli amici. Chiaro sto parlando della grande imprenditoria, quella dei manager. Come è possibile che la salute e la sanità siano diventate un’azienda ? Come è stato possibile che i dirigenti scolastici siano manager che ricercano il target ? Come cazzo è stato che la chimera delle privatizzazioni tanto decantate e ricercate dalla vera destra e dalla finta sinistra, si sia dimostrata per quello che realmente è. Una merda. Abbiamo smesso di ragionare per classi, a discapito del ragionamento per razza o religioni (ciò non vi evoca niente ?), siamo creduloni, complottisti, scie chimiche, democrazia liquida, leoni da tastiera, indignati a comando e su richiesta, di un Salvini qualsiasi, caricati a molla da un Grillo qualsiasi, anestetizzati dal PD nel suo complesso, sulla barricata dei veri difensori della razza di una bella destra fascista e del white pover. I venerabili maestri della loggia Propaganda due, sarebbero fieri di questa italietta, dove, estinto e demolito il più grande partito comunista d’occidente, è stato sparso sale per non ricreare più un movimento di massa, orgogliosamente di sinistra, senza se e senza ma. La modernità ci ha consegnato un blob, dove tutti ricercano il governo, l’alleanza, l’intesa. Ma perché ? Non può nascere dalle ceneri della bandiera rossa, un movimento, gruppo, assembramento di simili, senza l’idea del governo e del potere, ma con la gioia del condividere, ricercando i compagni casa per casa, strada per strada, dove le poltrone, le cariche, i benefit sono banditi per statuto. Democrazia dal basso, ma davvero, non nell’ accezione pentastellata, dei compulsivi della rete. Chi non è da una parte o dall’altra della barricata è la barricata stessa (diceva Lenin), schieriamoci ricerchiamo gli avversari politici, sottolineiamo le distanze, non cerchiamo le similitudini. Destra e sinistra sono superate solo nei blog dei comici, dai cercatori di larghe intese, da chi vuol mangiare ad ogni tavola. Se non capiamo che i potenti ci creano i nemici, per dividerci e regnare meglio, sulle moltitudini Orwelliane, lobotomizzate dagli slogan dei social, dall’appiattimento del pensiero, dalla morte del pensiero critico. Avremmo perso senza lottare, per noi, ma soprattutto per i nostri figli. Se ancora esiste uno spettro che si aggira per l’Europa, si manifesti, ci venga a prendere, ci ridia la forza del quarto stato e ci rimetta in marcia come dipinse Pellizza da Volpedo, senza cercare alleati, ma prendendoci per mano in direzione dell’avvenire, coi nostri sogni, le nostre speranze e le nostre vite. I nemici esistono, gli avversari pure, ma spesso non sono quelli che ci propinano gli altri.

Condividi post

Repost 0

Commenta il post