Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog di bezzifer

Finalmente sento la voce degli intellettuali con la I maiuscola. Evviva! Forza, mettiamo alle strette la sindaca. Imponiamole di rispettare il verbo che l’ha accompagnata nella campagna elettorale.

12 Febbraio 2017 , Scritto da bezzifer

Lettera aperta a Virginia Raggi sindaca di Roma

“Non fermate il processo di riforma dell’urbanistica romana”

Non per amicizia ma perché stimiamo profondamente Paolo Berdini quale urbanista competente, coraggioso, schierato da sempre a favore degli interessi generali contro la piaga della speculazione, dell’urbanistica contrattata, dei peggiori abusi, chiediamo a lei, sindaca di Roma, di cancellare la “riserva” e di respingere in modo netto le dimissioni presentate da Berdini dal ruolo-chiave di assessore capitolino. Sarebbe un gesto di grande intelligenza politica.Quanti credono che a Roma, dopo tanti, troppi anni di governo del territorio realizzato con l’assenso dei principali detentori di aree, dei maggiori costruttori e immobiliaristi, si debba risolutamente voltare pagine, la chiamata di Paolo Berdini nella Giunta capitolina da parte dell’attuale maggioranza rappresenta un atto di radicale novità e una garanzia di storica discontinuità rispetto ai pesanti fardelli e ai guasti speculativi del passato che hanno sfigurato Roma e cementificato l’Agro. Un incidente frutto di una desolante smania di “scoop” ad ogni costo non può, non deve bloccare un processo di riforma dell’urbanistica romana che può risultare davvero epocale. Si farebbe ancora una volta il gioco dei cementificatori e dei distruttori di Roma.

Alessandro Bianchi, Pier Luigi Cervellati, Nino Criscenti, Vezio De Lucia, Andrea e Vittorio Emiliani, Maria Pia Guermandi, Adriano La Regina, Elisabetta Kelescian, Eugenio Lo Sardo, Paolo Maddalena, Cristiana Mancinelli Scotti, Tomaso Montanari, Gaia Pallottino, Fulco Pratesi, Vittorio Roidi, Bernardo Rossi Doria, Carla Sepe.

Chiedo ad alcune “cime” dall’acume ineguagliabile che hanno affermato, il primato della figurella di Berdini e del conseguente risentimento della Raggi sulla possibilità di mettere in campo politiche urbanistiche serie, nonché un’ inflessibile lotta alla speculazione e al degrado urbano,se davvero per loro, la cosa più importante e qualificante,la principale preoccupazione per l’operato di questa giunta grillina e per le sorti di Roma, debba essere la difesa dell’onore della Raggi e non la realizzazione rigorosa del programma e dei punti qualificanti sbandierati in campagna elettorale. Sono senza parole..Quand’è che si smetterà di fissare intontiti il dito invece della luna da esso indicata?
P.S.: per quel che vale, a detta anche della Muraro, Berdini non ha mai fatto mistero, in giunta, delle sue riserve, più che condivisibili, sulla palese incapacità nella gestione di questi primi 6 mesi da parte della prima cittadina romana e sulla qualità ed affidabilità della stretta cerchia da lei selezionata, a dispetto dello stesso Grillo e di gran parte del M5S. Berdini disse cose evidenti a chiunque non faccia parte del Gregge dei Peppinielli. Ma queste cose una volte dette diventano “alto tradimento” e il povero Berdini è costretto a fare abiura. Ciononostante il gruppo di Intellettuali scongiura la Raggi di perdonare la colpa in nome dei superiori interessi del Popolo romano. Insomma, ha detto la verità, Berdini, ma siccome con la crapa sottomessa bisogna stare alla Corte di Grillo,dai, volemose bene e scurdammoce ‘o passato! I Sottoscrittori della Supplica mica hanno detto “Chi parla ha il diritto di farlo e questo non è tradimento di alcunchè!”. No, dicono solo “Raggi, perdona la Lesa Maestà e salvaci dallo sputtanamento, noi che abbiamo scommesso sulle salvifiche pratiche della Nuova Era Grilliana!”. Penosi e Servi.

Condividi post

Repost 0

Commenta il post