Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog di bezzifer

Un accordo per passare da un gruppo ad un altro in Europa fatto senza informare gli Eurodeputati. Uno vale uno e trasparenza sempre. Grillini svegliatevi che non contate un cavolo, siete solo gli schiavi di Grillo e il delfino ereditario Casaleggio.250 mila euro a chi non ubbidisce a casaleggio.Anche la raggi ,che gliel'ha consegnata,presto dovrà rispondere in tribunale di questo contratto capestro

11 Gennaio 2017 , Scritto da bezzifer

Marco Affronte lascia M5s "La penale di 250mila euro? Carta straccia". Beppe Grillo "Si dimetta o paghi"

L'europarlamentare Marco Affronte è il primo a lasciare le file del MoVimento 5 stelle dopo il rifiuto del gruppo Alde di accogliere i pentastellati e il ritorno all'Efdd con l'Ukip di Nigel Farage. A proposito della penale di 250mila euro che dovrebbe pagare per aver lasciato il gruppo, il parlamentare dice che quel "pezzo di carta non ha nessun valore legale". "Quando siamo arrivati qui abbiamo firmato un foglio, non riesco a chiamarlo diversamente - racconta - in cui tra le altre cose c'era questa penale. Da quello che so non ha nessun valore legale, ha un valore meno di carta straccia. E non credo nemmeno - sostiene - che arriveranno al punto vergognoso di chiedere una cosa del genere".

Puntualmente invece Beppe Grillo, con un post sul proprio blog, scrive: "Affronte ha deciso di lasciare il M5s e passare ai Verdi. Gravi inadempienze al rispetto del codice di comportamento prevedono la richiesta di pagamento della sanzione di 250.000 euro prevista. Affronte dovrebbe dimettersi immediatamente e lasciare spazio a un eletto del M5s. Se questo non avverrà, con i soldi della sanzione di Affronte, che gli sarà notificata non appena saranno svolte le procedure burocratiche, aiuteremo i terremotati delle Marche e dell'Umbria".

E' partito l'esodo ... Le pazzie di Grillo e il potere dato ai fascistoidi Di Maio e Di Battista saranno la rovina di M5S. Gli elettori della sinistra più dura e pura opteranno per Civati, Fassina o Pisapia, quelli moderati torneranno da Renzi, quelli più a destra andranno da Salvini e Meloni. Cosa resta di M5S? un agglomerato di populisti, complottisti, razzisti ed anti-euro che sarà marginale sia in Europa che in Italia.

Sembra si siano aperte le cateratte del cielo pentastellato.La prima seria presa di posizione.......Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire, ieri segnalavo che era suonata la campanella, liberi tutti, la prima è stata il capogruppo del comune di Civitavecchia, oggi il deputato del parlamento europeo, è solo l'inizio di una frana che diventerà valanga, troppo incongruenze, uno vale uno e Grillo vale tutto il cucuzzaro, Casaleggio proprietario per discendenza dinastica, trasparenza questa sconosciuta, la Raggi che rifiuta di mostrare le sue conversazioni Whatsapp ai consiglieri del movimento, ci sono situazioni contraddittorie per tutti i gusti, chi ha un minimo di dignità ha una sola strada, dissociarsi e salutare .
Si avvererà la profezia grillina: ne rimarrà uno solo, sicuramente maleaccompagnato da servi sciocchi, a suonarsela e a cantarsela. Grillo sarà finalmente libero di saltare di palo in frasca in una landa che ha disertificato con tutte le sue sciocchezze.
In cauda venenum. Attenzione però ai colpo di coda di questo pazzo giullare. Possono essere mortali.
E gli altri attori della scena politica non si rilassino. Quello che è successo e stà ancora succedento è un avviso importante ed ineludibile per ritornare sulla strada della buona politica. Un'altra occasione non sarà loro concessa. Cerchino di non abusare della (in)fnita pazienza degli italiani.

Ma ecco è arrivato il graffio, me ne faccio una ragione, è sempre un graffio di autore della affascinante SETTA che difende i grillini, penso di essermi attenuto alla cronaca, è da tempo che invito Beppe Mao a darsi una regolata, statuto e organismi democraticamente eletti, in assenza sta accadendo quello che avevo ampiamente previsto e non ci godo, anzi il movimento aveva fatto irruzione in una politica foresta pietrificata, ma se non supera le contraddizioni di prima infanzia la crescita diventa rachitica e quindi senza futuro. Ma non contenta la setta di grullandia con le spalle al muro,non ci sta e prova ad attaccare il PD il nemico numero uno ululando.Renzi ha deciso in maniera improvvisa di entrare nel PSE. Egli non e MAI STATO socialista:insieme con Gentiloni stavano nella Margherita che faceva parte del'ALDE. Franceschini e Fioroni erano DC. CHI HA VOTATO la decisione di Renzi? Si e consultato con voi e voi avete approvato.Tenga sempre presente il fuscello e la trave.

Semplicemente ridicolo paragonare i due casi.La discussione sull'adesione al PPE del PD, due formazioni politiche molto affini, è durata anni, alla luce del sole, e Renzi ha il merito di averla concretizzata.
Grillo,per ragione di soldi e di potere, ha cercato di fare un accordo con una forza politica agli antipodi, indicendo una votazione farsa ad accordo già fatto, ma non mettendo in conto che l'ALDE non ha un capo che decide per tutti, e la base si è ribellata ad un accordo contro natura. Dilettanti senza scrupoli allo sbaraglio.

Riepiloghiamo:
a) se ne è discusso dal 2006 (c'erano problemi? sì, è noto che la decisone non era gradita a tutta l'ex-Margherita);
b) nella fase congressuale del 2013, Epifani ha proposto l'adesione al PSE;
c) Renzi, in fase precongressuale ha dichiarato di aderire alla proposta Epifani;
d) si è votato, e Renzi ha preso il 68% (purtroppo anche il mio voto, non sai quanto ne sono pentito);
e) alla votazione hanno partecipato oltre 2.800.000 cittadini, esattamente 70 volte il numero dei partecipanti alla votazione on line del M5S dell'altro giorno;
f) la decisione di adesione al PSE è stata votata, con un solo voto contrario (Fioroni) e 2 astenuti, dalla direzione del PD. Perché così prevede lo statuto, e così funzionano i partiti democratici in tutto il mondo occidentale.

A parte questa ossessiva necessità di arrampicarsi agli specchi Renzi o PD ogni qual volta si parla delle idiozie che compie il saltimbanco genovese e del titolare del Mo Vi Mento, Voi dimostrate proprio di non sapere di cosa parla: l'adesione del PD ( ma potremmo citare qualsiasi altro partito "tradizionale") al gruppo PSE è la conclusione di una discussione iniziata nel 2007 ( nella fattispecie, se non vado errato anno di fondazione del PD) e conclusasi proprio nel 2013; discussione pubblica ( nel senso che è stata ampiamente riportata dalla stampa e dall'Informazione in genere) avvenuta anche in tutti i Congressi che si sono succeduti dal 2007 in poi. Certo, i Congressi ovvero, quegli antichi strumenti di partecipazione degli iscritti di un partito alla formazione dei gruppi dirigenti ad ogni livello e alla formazione delle linee politiche . Un partito con i suoi statuti , i suoi regolamenti e i suoi rituali; tutte cose che piacciano o non piacciano regolano la vita di una organizzazione politica e non di una ditta privata che invece preferisce affidare le proprie decisioni alle eventuali convenienze del momento ... Ecco, rimanendo in argomento, Vi consiglio di riflettere su una storiella dalla quale tutto cominciò ... " uno vale uno". Ricordate ?

La crisi grave del ns paese non e solo il lavoro la disoccupazione,la corruzione,ma l'avvento nella sfera pubblica di pagliacci clown proprietari di imperi mediatici,che hanno corrotto e corrompono utilizzando il malessere degli italiani privi ormai di un punto di riferimento certo ,in balia di eventi globali ai quali non siamo in grado di dare risposte all'altezza.mi spiace per chi ha votato il movimento 5SS,mi spiace anche per chi ha seguito il felpaio Salvini,occorre un sussulto popolare cacciando i pifferai magici e riprendersi la propria vita in mano

Condividi post

Repost 0

Commenta il post