Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog di bezzifer

Ne sono felice. Spero si tornerà a un'attenzione giusta e doverosa nei confronti di chi fa sempre più fatica a tirare avanti

16 Gennaio 2017 , Scritto da bezzifer

Lavoro, il governo gioca la carta del REI. Sempre più concreta l'ipotesi di un decreto per il "reddito minimo"

Non è il “reddito di cittadinanza” invocato a suo tempo da M5, ma il “reddito d'inclusione” che sta prendendo forma a palazzo Chigi in questi giorni, è qualcosa che non si discosta eccessivamente dallo storico mantra grillino.

Tornato operativo il governo dopo lo stop occorso per motivi di salute a Gentiloni, nell'agenda dell'esecutivo ha guadagnato posizioni l'ipotesi di trasformare in un decreto urgente le norme sull'istituzione del “reddito d'inclusione sociale” presenti nella legge delega sul contrasto alla povertà, approvata a Montecitorio lo scorso luglio e incagliatasi al Senato, complice anche la campagna referendaria e la conseguente crisi di governo.

Nella delega che langue a palazzo Madama, si chiede sostanzialmente al governo di unificare tutte le misure esistenti a sostegno delle fasce più povere della popolazione, con precedenza alle famiglie con minori, anziani e disabili, per poi estenderle in breve tempo anche a chi è in età lavorativa e patisce una situazione di sofferenza economica tale da dover avere accesso al reddito d'inclusione (acronimo REI, ma il nome potrebbe anche cambiare in “reddito minimo garantito”).

All'indomani della sconfitta al referendum sulla riforma costituzionale, da più parti, all'interno del recinto del Pd (e non solo dalla minoranza) era stato intensificato il pressing sul governo per dare un segnale forte di attenzione nei confronti di larghe fasce della popolazione che il quattro dicembre hanno clamorosamente manifestato il proprio disagio nei confronti di Matteo Renzi. E proprio Renzi, metabolizzata la sconfitta, avrebbe compreso l'importanza di ripartire da queste misure colpevolmente accantonate e avallato l'idea della corsia preferenziale.

Bene, e finalmente! Qui non si tratta di far guerre tra 'grillini e piddini' ma di interventi di civiltà contro la povertà assolutamente necessari. Tutti dovrebbero essere d'accordo su questo.Si tratta solo di farlo in una maniera adeguata, e con i fondi adeguati.Non l'irrealistico RDC, ma quanto proposto ora dal Governo Gentiloni;e REI mi piace anche più di RMG, perché ne promuove la finalità di aiuto per rientrare in attività e nella società, piuttosto che quello di sussidio passivo e disincentivante come gli altri proposti.Bene Paolo Gentiloni, vai assolutamente avanti su questo.

"La misura, però, nelle intenzioni del governo non sarebbe universalistica, come quella a suo tempo invocata da M5S: per quanto riguarda i soggetti in età da lavoro, l'erogazione della stessa sarebbe subordinata al perseguimento, da parte dei beneficiari, di un programma di aggiornamento e di inclusione nel mondo del lavoro."

In diversi paesi europei il "reddito minimo garantito" è oramai una realta' da tempo. L'italia ancora non si era adeguata. Se andasse in porto sarebbe un'utile contributo alle famiglie in necessita', ai consumi in genere e inoltre si toglierebbe un cavallo di battaglia al M5S. Meglio questo che i "bonus 80€" che francamente appaiono fuori da ogni concetto contabile e amministrativo oltre a non avere nessu effetto sotto l'aspetto pensionistico.Eh ....considerate però il fatto, che in alcune nazioni come ad esempio ln danimarca francia,germania,olanda e tanti altri paesi ..E' UNA REALTA'.Attenzione, che vi sono però parecchie postille da rispettare per averlo, ovvero, devi comunque frequentare dei corsi di formazione ed accettare eventuali lavori che il collocamento ti propone per mantenerlo, in caso contrario lo perdi.

E a chi accusa il PD di un triplo salto mortale dico.Non c'è bisogno di alcun salto mortale, vuoi negare che in Italia esistono armate di falsi invalidi, assenteisti, truffatori, evasori totali etc.?
Il Reddito di Cittadinanza dei 5S sarebbe andato anche a loro, quindi l'indignazione era pienamente giustificata.Non è così? La proposta di legge dei 5S è diversa? Allora smettetela di chiamarlo RDC turlupinando gli Italiani, o solleticando le brame dei fancassisti, e appoggiate la proposta del governo. Semplice no? comunque:La proposta 5s non sta in piedi e si presterebbe a varie furberie.Occorre intanto partire da ISEE, poi c'è sempre il problema del lavoro nero, che non è facilmente evitabile.A meno di non impegnare i beneficiari che risultino a reddito zero in attività di pubblica utilità.Non si può essere in due luoghi contemporaneamente.E comunque questo reddito dovrebbe servire per i bisogni primari, cioè utnze domestiche, alimentazione, scuola, affitto, ecc. Sotto forma di buoni o formule simili.

Le persone devono avere un lavoro vero, minimo garantito, l'assistenzialismo è un modo per rendere le persone dipendenti e succubi e per impedirne l'evoluzione e la crescita personale.La realtà purtroppo ci dice che molti un lavoro non ce l'hanno, e questo non si crea per decreto. Che si fa quindi, si lasciano i disoccupati in mezzo ad una strada nell'attesa che anche da noi nascano imprenditori capaci ed innovatori come Steve Jobs, Jeff Bezos o Larry Page?

Aggiungo e concludo:Se finalmente si comprendesse che per rinvenire le risorse per aiutare le fasce deboli della società basterebbe reuperare, sia pure parzialmente, il maltolto dovuto all'evasione fiscale e redistribuirlo ai concittadini in povertà assoluta e relativa, i detentori del potere politico avrebbero i giorni contati. La domanda dei beni primari si riprenderebbe rapidamente (rigidità della domanda dei beni) ed a seguire la domanda degli altri beni. Tutto questo non genererebbe tensioni inflazionistiche patologiche e farebbe ripartire l'economia dal basso generando inoltre posti di lavoro; contemporaneamente dovrebbe essere ripristinata una vera spending review. Al potere urgono persone oneste oltre che competenti!

Condividi post

Repost 0

Commenta il post