Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog di bezzifer

Cosa ha detto Donald Trump nel discorso inaugurale.

21 Gennaio 2017 , Scritto da bezzifer

Alle 17:57 ora italiana Donald Trump ha giurato a Washington ed è diventato il 45esimo presidente degli Stati Uniti di America. Pochi minuti prima anche il suo vice, Mike Pence, ha iniziato il suo mandato. L’Inauguration Day a Capitol Hill, il giorno dell’inaugurazione presidenziale, è stato il passaggio conclusivo – o iniziale – di un percorso cominciato oltre un anno fa, che l’8 novembre ha trasformato Trump, candidato reietto tra i repubblicani, nel presidente eletto. Una parabola riassunta nei sedici minuti di discorso inaugurale, seguendo tutti i temi che lo hanno portato alla vittoria.

LA LINEA POPULISTA…

A tratti, seguendo le parole che hanno accompagnato l’inizio ufficiale dell’amministrazione Trump, è sembrato di vivere nuovamente i comizi di campagna elettorale. Calcata molto la retorica populista. “Oggi non trasferiamo solo il potere da un’amministrazione a un’altra, o da un partito all’altro: stiamo trasferendo il potere da Washington a voi, il popolo americano. Non importa quale partito controlla il governo, ma se il nostro governo è controllato dal popolo. Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo è tornato sovrano”: è il senso complessivo del messaggio, ripreso su Twitter e ormai in loop sui media internazionali.

…E ANTI-ESTABLISHMENT

Per troppo tempo c’è stato distacco tra le istituzioni e la gente comune, ha detto il presidente, spiegando che questo è successo perché “l’establishment ha protetto se stesso, ma non i cittadini”. Ricordando la crisi economica ha detto che “mentre nella capitale festeggiavano, per le famiglie del nostro paese c’era poco da festeggiare”. Persone in difficoltà, industrie abbandonate, scuole senza soldi, criminalità, ma “questa carneficina adesso finisce qua”. La provocazione: d’ora in poi celebreremo il 20 gennaio come la data in cui il popolo “è tornato a governare il paese” e “le persone dimenticate non saranno più dimenticate”. Poca presidenziabilità, dunque, e parole molto simili a quelle ripetute tante volte in campagna elettorale. Le stesse che però hanno fatto presa sull’elettorato, con una nota: Trump si insedia alla Casa Bianca avendo perso il voto popolare. La sua sfidante democratica, Hillary Clinton, alla fine del conteggio dei voti ha chiuso sopra di oltre 2,9 milioni di preferenze, ma il sistema elettorale americano premia i rappresentati statali (l’establishment, per certi versi) e non in assoluto il voto dei cittadini.

I SALUTI AGLI OBAMAS

Trump ha ringraziato gli Obama per averlo aiutato durante la fase di transizione: Barack e Michelle sono stati grandissimi; e in effetti, distanti dalle sparate della campagna, il rapporto tra le due coppie è sembrato disteso. Gi Obama hanno accompagnato il presidente e la first lady Melania per tutta la mattinata: quando la coppia Trump è arrivato alla Casa Bianca erano fuori ad aspettarli, e Barack Obama ha esordito con un “come stai presidente eletto? Benvenuto!” che ha alleggerito la situazione (la coppia presidenziale uscente ha poi lasciato Washington a bordo del Marine One, in direzione della base di Andrews, dove si terrà una breve festa e da dove poi partiranno per una vacanza a Palm Springs).

PATRIA, NAZIONE

“Noi cittadini degli Stati Uniti siamo uniti in un grande sforzo nazionale per ricostruire il nostro paese. Insieme determineremo il corso dell’America e del mondo per molti anni. Affronteremo sfide, ci confronteremo, ma porteremo a casa il risultato”. Sono queste le tre primissime frasi che hanno aperto il discorso parlano a quell’America che Trump vorrebbe fare grande ancora. Il richiamo ad un sano patriottismo: “Il tempo delle chiacchiere vuote è finito. È arrivato il tempo dell’azione: ce la faremo, il nostro paese prospererà e sarà di novo ricco (…) Insieme renderemo di nuovo l’America forte. Renderemo l’America di nuovo ricca, renderemo l’America di nuovo orgogliosa, renderemo The America Great Again“, riprendendo lo slogan principale della campagna.

ECONOMIA, COMMERCIO, INDUSTRIA

“Per molti anni abbiamo arricchito l’industria straniera a scapito di quella statunitense. Da oggi ci sarà una nuova visione”, pausa e poi: “America First”, l’altro grande slogan elettorale. “Ogni decisione sul commercio, sulle tasse, in materia di immigrazione, sugli esteri sarà presa a beneficio dei lavoratori americani e delle famiglie americane”. E ancora, seguendo la linea di quello che in molti hanno definito un nazionalismo ai limiti del protezionismo: “Abbiamo difeso i confini di altre nazioni e non i nostri. Dobbiamo proteggere i nostri confini dalle devastazioni di altri paesi che distruggono i nostri prodotti, rubano le nostre aziende e distruggono il nostro lavoro. L’America tornerà a vincere, come mai prima. Ci riprenderemo i nostri posti di lavoro. Ci riprenderemo la nostra ricchezza. E ci riprenderemo i nostri sogni. Ricostruiremo il nostro paese con mani americane e lavoro americano. Seguiremo due semplici regole: compra americano e assumi americano”. È un claim anche questo molto ripetuto, basta ricordare le ultime vicende contro le compagnie automobilistiche che sceglievano la decentralizzazione in Messico.

TRUMP E IL MONDO

Virate anche sul ruolo americano a livello globale, e di nuovo richiami a posizioni prese durante la campagna elettorale: “Cercheremo l’amicizia con le nazioni del mondo, ma con la consapevolezza che è diritto di ogni nazione mettere i propri interessi davanti a tutto. Rinforzeremo le vecchie alleanze e ne formeremo di nuove per unire il mondo civilizzato contro il terrorismo degli estremisti islamici, che cancelleremo dalla faccia della Terra”.

Condividi post

Repost 0

Commenta il post