Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog di bezzifer

A tutte le donne di pace Buon Natale.

24 Dicembre 2016 , Scritto da bezzifer

In giorni in cui il terrorismo ferisce ancora l'Europa, un messaggio diverso arriva da donne che vivono in luoghi di guerra: donne ferite ma che credono profondamente nella pace. Arriva da loro quel necessario messaggio di riconciliazione, un passo che però va fatto insieme: un passo dell'una verso l'altra, dell'una con l'altra.

Poche settimane fa 4.000 madri musulmane, ebree e cristiane hanno marciato insieme per chiedere la pace, un gesto simbolico di importanza epocale. L'hanno chiamata la marcia delle madri. Hanno percorso 200 chilometri, partendo dal promontorio di Rosh Hanikra al confine tra Libano e Israele per giungere dopo due settimane all'abitazione del primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, al quale hanno chiesto di lavorare per far cessare il conflitto.

Si abbiamo ho ascoltato tre donne di religioni diverse: Panta, Flora e Zubeyde unite dall'unica speranza di pace.

Mi chiamo Panta, sono cristiana e credo nella pace. "Shalom", una parola che in Congo si usa ogni volta che ci incontriamo, quando ci salutiamo, le nostre prime parole sono di pace. La parola pace ci dona la gioia nei momenti felici, ma guarisce anche il dolore quando si è tristi. La pace è vicinanza, è sostegno, è un abbraccio che vuol dire "siamo insieme". In un paese afflitto da una guerra che dura da troppi anni l'augurio più autentico che puoi rivolgere a chi incontri per strada è "ecco la mia pace"!

Mi chiamo Flora, sono ebrea e credo nella pace. Lavoro e mi impegno, ogni giorno, per una società in cui ciascuno possa esprimere se stesso con serenità e fiducia di essere rispettato e apprezzato, in cui indossare un simbolo di appartenenza a una fede religiosa non sia motivo di timore e non sia letto come una provocazione, in cui si riscopra il senso di confrontarsi, discutere e dialogare senza cedere per forza alla logica del conflitto. Essere qui stasera insieme è per me motivo di grande speranza: la via della pace si può percorrere soltanto insieme.

Mi chiamo Zubeyde, sono musulmana e credo nella pace. La parola islam ha la stessa radice della parola Salam, che significa pace. È il saluto che i musulmani si scambiano: Assalamu alaykum, la pace sia su di voi. È la parola che si ripete alla fine di ogni preghiera: "Assalamu alaykum wa rahmatu Allah", la pace e la misericordia di Dio sia su di voi, frase pronunciata girando la testa sia a destra sia a sinistra, come augurio di pace per tutta l'umanità e tutto l'universo.

La pace è il primo saluto di Gesù bambino che secondo il Corano disse: "La pace sia su di me, il giorno in cui sono nato, il giorno in cui morirò e il giorno in cui sarò risuscitato" (19:33). La pace è anche il saluto che si scambiano i beati del paradiso (33:44). As-salam, La Pace, è uno dei nomi di Dio. La diversità tra gli uomini è un'espressione del volere divino affinché ci conosciamo a vicenda e viviamo in armonia. Assalamu alaykum. La pace sia con voi.

Credo sia un bellissimo augurio per Natale. Un augurio non gridato, ma sussurrato con la stessa delicatezza con cui si seminano semi di pace.

Condividi post

Repost 0

Commenta il post